Venerdì 14 Maggio 2021 | 08:16

NEWS DALLA SEZIONE

Lotta al virus
Vaccini in Puglia, trasferite a Bari dalla Sicilia 50mila dosi AstraZeneca

Vaccini in Puglia, trasferite a Bari dalla Sicilia 50mila dosi AstraZeneca

 
Il caso
Cassa Prestanza a Bari, sit in di protesta di lavoratori e pensionati del Comune davanti la Procura

Cassa Prestanza a Bari, sit in di protesta di lavoratori e pensionati del Comune davanti la Procura

 
Il caso
Bari, detenzione di arsenale da guerra: nuovo arresto per ex gip De Benedictis

Bari, detenzione di arsenale da guerra: nuovo arresto per ex gip De Benedictis. Sparò col mitra dal balcone di casa

 
Lutto
Bari, addio a Lillino D'Erasmo storico dirigente Msi-An

Bari, addio a Lillino D'Erasmo storico dirigente Msi-An

 
Il caso
Fuga di notizie su tangenti, due avvocati di Bari rischiano processo

Fuga di notizie su tangenti, due avvocati di Bari rischiano processo

 
La novità
Test rapidi gratuiti in stazione a Bari, la Croce Rossa avvia tensostruttura

Test rapidi gratuiti in stazione a Bari, la Croce Rossa avvia tensostruttura

 
Nel Barese
Carbonara, cadavere con ferite da arma da taglio abbandonato in un casolare: indagano i cc

Carbonara, cadavere con ferite da arma da taglio abbandonato in un casolare: indagano i cc

 
l'appuntamento
Gioia del colle, visite gratuite allo zoo è il «grazie» dei circensi

Gioia del colle, visite gratuite allo zoo è il «grazie» dei circensi

 
Il caso
Bari, Petruzzelli, corsa alle dosi per il concerto in Russia

Bari, Petruzzelli, corsa alle dosi per il concerto in Russia

 
Festa abusiva
Carabinieri Toritto

Grumo Appula, birra e partita a carte: sanzionati 7 amici

 
L'iniziativa
Grumo, arriva «Sulle ali della libertà», premio in memoria di Alessandro Fariello

Grumo, arriva «Sulle ali della libertà», premio in memoria di Alessandro Fariello

 

Il Biancorosso

Verso il derby
Bari, si punta a ritrovare tra i disponibili il difensore esterno Celiento

Bari, si punta a ritrovare tra i disponibili il difensore esterno Celiento

 

NEWS DALLE PROVINCE

Covid news h 24Lotta al virus
Vaccini in Puglia, trasferite a Bari dalla Sicilia 50mila dosi AstraZeneca

Vaccini in Puglia, trasferite a Bari dalla Sicilia 50mila dosi AstraZeneca

 
FoggiaIl caso
Sdegno a Foggia, rubano tandem dell’Unione Ciechi e Ipovedenti: «Così ci tolgono la libertà»

Sdegno a Foggia, rubano tandem dell’Unione Ciechi e Ipovedenti: «Così ci tolgono la libertà»

 
PotenzaOccupazione
Melfi, Stellantis: al via tavolo tecnico con Regione Basilicata

Melfi, Stellantis: al via tavolo tecnico con Regione Basilicata

 
HomeEmergenza migranti
Santa Maria di Leuca, intercettata un’imbarcazione con a bordo un gruppo 13 migranti

Santa Maria di Leuca, intercettata un’imbarcazione con a bordo un gruppo di 13 migranti

 
BatLa curiosità
Canosa, volontari dell'Enpa salvano la maialina Mariarosa

Canosa, volontari dell'Enpa salvano la maialina Mariarosa

 
MateraLa novità
Protocollo di collaborazione per la «Carta del potenziale archeologico di Matera»

Protocollo di collaborazione per la «Carta del potenziale archeologico di Matera»

 
TarantoSicurezza sul lavoro
Taranto, fuga di gas questa mattina nell’area Altiforni dell'ex Ilva

Taranto, fuga di gas questa mattina nell’area Altiforni dell'ex Ilva

 
BrindisiCarabinieri
Francavilla, le molestie corrono sul filo del telefono

Francavilla, le molestie corrono sul filo del telefono

 

i più letti

La testimonianza

Bari, quel piccolo manuale per riuscire a vaccinarsi

Il racconto di chi ha cercato di mettersi in fila per una dose di vaccino

Vaccini Covid, domani in Puglia tocca agli over 80: sono 160mila i prenotati

Vaccinatori all'opera (foto Calvaresi)

BARI - Ci vogliono tenacia e cu.. e una bella botta di fortuna! Erano giorni che andavamo disperati in giro. Al Palacarrassi? Chiuso la mattina ma noi comunque ci proviamo, stiamo lì un po’ di ore, arrivano la polizia e i carabinieri, magari alla fine qualcuno apre. Niente, solo il pomeriggio, solo per i prenotati, tra 70 e 79 anni. Ci trasferiamo in Fiera. In coda, per ore, chi s’appoggia alla transenna, chi si va sedendo sul cofano di un’auto. Ma i volontari della protezione civile non ti fanno nemmeno avvicinare, come guardie bianche, come quando dopo la rivoluzione d’ottobre provavano a fuggire da Mosca, si piazzavano alla stazione e poi al primo treno cominciava il delirio dell’assalto. «Qui solo prenotati e 70/79 enni». Siamo pensionati ma ai 70 in effetti ci manca un bel pezzo e gli anni ce li portiamo che nemmeno Jane Fonda. Non è facile facile riuscire a farsi vaccinare. «Vai a Valenzano che lì alla fine avanzano sempre dosi», dicono tutti, ma noi al turismo dei vaccini siamo contrari e poi fino a lì sai che stress! Niente. Ci riproviamo. Che poi abbiamo pure una bella certificazione del medico di famiglia che attesta che siamo ca - regiver. «Ma tua madre gioca a burraco con le amiche ogni giovedì sera e dopo si fanno pure due o tre Martini? Che c'entra, comunque tiene 93 anni! E poi da quando c’è il Covid il burraco lo fanno online». Poi sulla Gazzetta leggiamo che in Fiera ormai non c’è più tanto caos perché la gente non vuole farsi l’AstraZeneca. Problemi loro. Noi ce lo vogliamo fare. Ed eccoci alle 14 e 45 belli pronti agguerriti di nuovo davanti alle transenne dove qualche giorno fa le guardie bianche della protezione civile ci hanno respinti. Nel frattempo le cose le hanno un po’ aggiustate: una corsia per i prenotati, una per quelli che si ammenano.

Comunque, tra noi 60enni e passa, il tam tam su come, dove e quando riuscire a vaccinarsi va avanti almeno da Pasquetta. Teniamo la mappa degli hub, gli orari, i giorni, quando è bene presentarsi quando è del tutto inutile. Sommando tutte le informazioni in nostro possesso, siamo alla fine approdati alla Fiera del Levante. E abbiamo fatto bene: nessuna ressa all’esterno, una decina di persone ordinatamente in coda. Ancora una volta quelli della protezione civile provano a scoraggiarci: oggi accettiamo senza prenotazione solo i baresi tra i 72 e i 79 anni. Però in coda c’è gente di gran lunga più giovane, si vede benissimo! Allora aspettiamo. Ci vuole tenacia. Torniamo alla carica e riusciamo a smuovere i sentimenti dei poveri volontari-guardiebianche che impietositi provano a dare una mano: con le radiotrasimttenti chiamano quelli che stanno dentro (noi sempre all’esterno come alla stazione di Mosca dopo la rivoluzione d’ottobre). Niente, pare che davvero non sia possibile. Ci andiamo a prendere un bel caffè, un bel giretto propiziatorio e dopo un’ora torniamo.

A quel punto fuori non c’è proprio più nessuno, né prenotati, né speranzuoli e nemmeno i volontari. E noi, ovviamente, ci infiliamo. Ma dentro c’è ancora da combattere. Altro checkpoint. Avviamo le trattative. Sì, in effetti il vaccino viene dato anche a chi è senza prenotazione e al di sotto dei 70 anni, perché qualche dose in eccesso c’è sempre e oltre tutto qualcuno rifiuta AstraZeneca. Oggi erano 140 le dosi a disposizione per quellichesipresentano. Un po’ di gente è stata fatta entrare e si è pure vaccinata ma a questo punto del pomeriggio quelli extra pare siano finiti e infatti non stanno più distribuendo numerini di prenotazione (come quelli della salumeria). «Aspettate, che vi devo dire, magari qualcuno dei prenotati rinuncia». Un’altra ora in attesa. Perché ci vuole tenacia. Dalla porta chiusa, a un certo punto esce uno, non un medico ma uno che lo capisci subito che comanda, «è uno della Regione», dicono. Dà una rapida occhiata a questo povero manipolo in attesa, si avvicina alla macchinetta e stampa una quindicina di ticket. « Sì, va bene, questi fateli entrare». E vai vai! Tutti col numerino in mano, oltrepassiamo un ulteriore step, come ai videogiochi quando superi i livelli.

Così noi irriducibili accediamo al grande hangar dove finalmente ci vaccineremo. Probabilmente sono avanzate delle dosi, magari tra noi c’è qualche amicodellamico, di fatto eccoci pronti. Compiliamo i moduli e pensiamo che ormai è solo questione di minuti. Ma non è così. La suspence è forte perché c’ è il Banco Dell’Accettazione. Caspita. E chi se lo aspettava? Pensavamo che dopo essere entrati in possesso del numerino le tribolazioni fossero finite e invece niente, siamo ancora sulla graticola. Che si fa per stare quanto più possibile aggrappati alla vita! All’accettazione c’è una donna che chiede com’è che abbiamo il numerino, chi ce lo ha dato e perché siamo lì se abbiamo scarso 62 anni. Antipatica. Poi si alza perché deve ripristinare le regole e a quel punto capiamo che non basta la tenacia ma ci vuole anche una botta di... fortuna. «Ma sì, dai chiudiamo con questi», dice alla ligia funzionaria dell’accettazione uno dei responsabili dopo aver guardato l’orologio e buttato un occhio allo sparuto gruppo di persone rimaste (che poi in fondo non è che stiamo qui per fare una rapina). Ci risiediamo, occhi fissi sul display nella febbrile attesa del numero di prenotazione (non è che ora succede qualche altra cosa tipo un attacco alieno e non ci vaccinate?). Ultimo brivido. Si spalanca una porta. Un medico in camice bianco: «Guardate che c’ho solo AstraZeneca. Non fate storie». Storie? Noi? Ma hai capito chi siamo? Com’è finita? Siamo tornati a casa. Vaccinati e contenti. 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie