Venerdì 20 Settembre 2019 | 00:50

NEWS DALLA SEZIONE

Nella notte
Bari, furto in stazione di servizio con inseguimento: 2 arresti e 2 ricercati

Bari, furto in stazione di servizio con inseguimento: 2 arresti e 2 ricercati

 
Arte
Molfetta si trasforma in capitale della scultura

Molfetta si trasforma in capitale della scultura

 
L'inchiesta
Carbonara, medici in trincea. Lo sfogo del direttore: «Nessuna regola, tante aggressioni»

Carbonara, medici in trincea. Lo sfogo del direttore: «Nessuna regola, tante aggressioni»

 
La decisione
Ucciso per errore a Carbonara, Cassazione: «Si farà nuovo processo»

Ucciso per errore a Carbonara, Cassazione: «Si farà nuovo processo»

 
nel Barese
Polignano, non rispettano divieto di balneazione: multati due acquascooter

Polignano, non rispettano divieto di balneazione: multati due acquascooter

 
Il caso dress code
Bari, il Riesame anulla sequestro telefoni e pc all'ex giudice Bellomo

Bari, il Riesame anulla sequestro telefoni e pc all'ex giudice Bellomo

 
Arrestato dalla Polizia
Terlizzi, maltrattava la moglie: in cella 53enne per stalking

Terlizzi, maltrattava la moglie: in cella 53enne per stalking

 
La sentenza
Bari, licenziato e reintegrato: torna in carica il direttore Feltrinelli

Bari, licenziato e reintegrato: torna in carica il direttore Feltrinelli

 
Dopo la nostra denuncia
Bari, negato fitto a studentessa disabile. L'Adisu le «trova» casa

Bari, negato fitto a studentessa disabile. L'Adisu le «trova» casa

 

Il Biancorosso

Serie C
Il Bari si dà una mossa: mini-ciclo per la svolta

Il Bari si dà una mossa: mini-ciclo per la svolta

 

NEWS DALLE PROVINCE

LecceNel Salento
Nardò, rubava da negozio di elettronica insieme alla figlia di 8 anni: arrestato

Nardò, rubava da negozio di elettronica insieme alla figlia di 8 anni: arrestato

 
TarantoNel tarantino
Martina Franca, asinelli incatenati e feriti: denunciato allevatore

Martina Franca, asinelli incatenati e feriti: denunciato allevatore

 
PotenzaSul raccordo Potenza-Sicignano
Furgone portavalori si schianta sul guardrail nel Potentino: un ferito

Furgone portavalori si schianta sul guardrail nel Potentino: un ferito

 
MateraTentato omicidio
Matera, lite per le spese del picnic, 31enne accoltella cognato: arrestato

Matera, lite per le spese del picnic, 31enne accoltella cognato: arrestato

 
BatLa proposta
Barletta, un'app sui cellulari per segnalare i cattivi odori

Barletta, un'app sui cellulari per segnalare i cattivi odori

 
Foggianel foggiano
Cerignola, polizia scopre autorimessa centrale del riciclaggio: 3 arresti

Cerignola, polizia scopre autorimessa centrale del riciclaggio: 3 arresti

 
BrindisiNel Brindisino
Villa Castelli, il paese festeggia la prima unione civile

Villa Castelli, il paese festeggia la prima unione civile

 

i più letti

Dopo Matera

James Bond sbarca a Gravina ed è polemica: area archeologica ceduta come set

Dopo Matera, «007» si sposta in Puglia: le rovine rupestri scelte per girare degli inseguimenti. Girare un film non è raggirare l’archeologia

«Bond 25», nei Sassi il ciak di inizio sull'Agente 007

All’inizio degli anni ‘60 Pasolini andò in Palestina alla ricerca della location in cui girare il Vangelo secondo Matteo. Sperava di trovare lì, in quel paesaggio, le suggestioni che potessero accompagnare la buona novella del sacro che si fa uomo. E invece rimase deluso dalla modernità di Gerusalemme, dove lo sguardo si posava solo su uno spazio industrializzato e occidentalizzato. Perciò preferì girare il suo magnifico film in Italia meridionale, a Barile e a Matera, nella cui grotte ancora cariche di tempo e di silenzio, ambientò le scene più significative e drammatiche: la impiccagione di Giuda, la crocifissione, il pianto delle donne e della madre, la resurrezione. Fece così un omaggio non solo alla fede più popolare e autentica, ma alla città di Matera che da quel momento entrò nell’immaginario del mondo come «città invisibile», direbbe Calvino, ovvero quella città in cui il desiderio arriva prima del corpo perché le architetture colloquiano con parti dell’anima universale e profonda.

Gravina, città rupestre fatta di acqua che scava la pietra, ha la stessa occasione di entrare nell’immaginario del mondo. Il cinema può aiutarla, essendo diventata uno dei set internazionali maggiormente richiesti anche dalle mega produzioni. E però Gravina, come tutta la Puglia, si trova ad un bivio che coinvolge sia l’impatto turistico, sia la sua identità civile e culturale. Il bivio è scegliere inderogabilmente fra cedere il suo paesaggio a Pinocchio o a 007, senza mediazioni di sorta.
Chiunque ovviamente sceglierebbe 007. E infatti in questi giorni una troupe multinazionale si è insediata sulla zona più bella, fra l’area archeologica del Padre Eterno (una necropoli di raro interesse), il pianoro della Madonna della Stella (anche questa di rara bellezza, nonché legata ad antichi culti di fecondità) e il costone della gravina (il torrente da cui il Paese riceve matrice naturale e identità), per girare alcune scene di James Bond 25.

Da quel che è dato sapere le scene saranno delegate agli stantman più che agli attori e riprodurranno le prodezze più veloci e violente del nostro Eroe. Prodezze impattanti, come sostiene una interrogazione di due consiglieri comunali, e come si vede dalle ruspe e dagli escavatori in bella mostra, nonché da uno strato di breccia utile a lanciare una macchina contro un muro, messa anche questa in bella mostra vicino alle tombe peucete.
La contentezza istituzionale e mediatica è alta, e anche la maggior parte della popolazione sembra orgogliosa di apparire 21 secondi (ventuno) in un film di tale portata. C’è però, e sono pochi, chi preferisce Pinocchio e ricorda come Matteo Garrone, soltanto due mesi fa, sia venuto a Gravina, nella gravina di Gravina, a girare il suo film sul burattino briccone senza sequestrare la zona, senza mezzi impattanti, con la delicatezza della fiaba che è diventata così metodo e contenuto.
Ha fatto come altri registi prima di lui, da Francesco Rosi a Luigi Di Gianni, da Nico Cirasola a Sergio Rubini a Pippo Mezzapesa. Cercavano tutti un Sud magico, il sud di Ernesto De Martino, e , di conseguenza hanno «usato» il luogo non solo come uno scenario, appunto una location, ma come un contenuto per lo stesso film, contribuendo perciò sia a comunicarlo al mondo, sia a tutelarlo.

Quel cinema umile verso i luoghi, in loro ascolto, sapeva che il paesaggio non è una merce che si può svendere per pochi spiccioli e qualche affitto di casa, giacché il paesaggio costituisce l’anima della comunità, la memoria delle generazioni, la sapienza di tutti i mestieri antichi che lo hanno forgiato, i desideri delle persone che vi hanno vissuto, la potenza del tempo, maestro, a cui dobbiamo riconoscenza. Quel cinema di realismo magico lo sapeva e lo ha narrato, non ha colonizzato le popolazioni ma ha contribuito alla loro crescita e alla loro formazione.

Chiedere garanzie, rispetto, prudenza, ad una produzione d’azione, in cui il protagonista si sposta in tutto il mondo mostrando paesaggi che la vista non riesce più a distinguere e ad amare, non è perciò una idea ristretta e provinciale. È provinciale invece pensare il contrario se l’Unesco - che non è una agenzia per aprire qualche pizzeria ma la più grande istituzione educativa e culturale del mondo - emana un documento che invita, oltre a rispettare fisicamente i luoghi , anche a rispettare lo «spirito dei luoghi», ovvero quel fascino immateriale e impalpabile che lì, proprio lì, ha reso possibile originali, profonde, ancestrali narrazioni. Perché solo così il luogo diventa veramente universale e può entrare nella Lista del Patrimonio dell’Umanità, proprietà simbolica del mondo che però, affida alla comunità locale il dovere di proteggerlo e custodirlo.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie