Lunedì 17 Giugno 2019 | 06:33

NEWS DALLA SEZIONE

Incidente stradale
Putignano, tre ciclisti travolti sulla statale 172: uno è grave + VIDEO +

Putignano, tre ciclisti travolti sulla statale 172: uno è grave

 
Dopo la demolizione
Bari, Punta Perotti suoli da restituire «Lì è un abuso il parco pubblico»

Bari, Punta Perotti suoli da restituire «Lì è un abuso il parco pubblico»

 
Lieto evento
Torre Quetta, si schiudono le uova di fratini: ecco i 6 "cuccioli"

Torre Quetta, si schiudono le uova di fratini: ecco i 6 "cuccioli"

 
Tecnologia
Gravina, parcheggi a pagamento? Incubo finito: si paga con un'app

Gravina, parcheggi a pagamento? Incubo finito: si paga con un'app

 
Disagi in città
Bari, ponte di via Traiano: scaletta è inagibile ma si passa lo stesso

Bari, ponte di via Traiano: scaletta è inagibile ma si passa lo stesso

 
Sul tratto Bari-Putignano
Fse, lavori sulle rete ferroviaria da domani chiuse 8 stazioni

Ferrovie Sud Est, lavori sulle rete ferroviaria: da domani chiuse 8 stazioni

 
Il progetto
Bari, Goldman Sachs investe nella musica lirica per aiutare ragazzi a rischio

Bari, Goldman Sachs investe nella musica lirica per aiutare ragazzi a rischio

 
Puglia Food Award 2019
Puglia, l'oscar delle eccellenze agroalimentari vinto dal miele di BeeGold

Puglia, l'oscar delle eccellenze agroalimentari vinto dal miele di BeeGold

 
Il vademecum
Vacanze prenotate online, 8 consigli della polizia postale per evitare le truffe

Vacanze prenotate online, 8 consigli della polizia postale per evitare le truffe

 

Il Biancorosso

CALCIO MERCATO
Il Monopoli sulle tracce di Barretoriparte dalla Puglia l'avventura ?

Il Monopoli sulle tracce di Barreto, riparte dalla Puglia l'avventura ?

 

NEWS DALLE PROVINCE

LecceL'incidente
Cavallino, ragazze travolte da auto pirata: una 22enne è in comaE a Putignano investiti 3 ciclisti

Cavallino, due ragazze in scooter travolte da auto pirata: 22enne in coma
E a Putignano investiti 3 ciclisti Vd

 
BariIncidente stradale
Putignano, tre ciclisti travolti sulla statale 172: uno è grave + VIDEO +

Putignano, tre ciclisti travolti sulla statale 172: uno è grave

 
TarantoL'annuncio
Taranto, pompiere morto in servizio: il distaccamento sarà a suo nome

Taranto, pompiere morto in servizio: il distaccamento sarà a suo nome

 
HomeSport
Vela, regata Brindisi-Corfù: il vento sposta traguardo a Merlera

Vela, regata Brindisi-Corfù: il vento sposta traguardo a Merlera

 
MateraL'annuncio dell'ANAS
Viabilità, arriva lo spartitraffico sulla Basentana

Viabilità, arriva lo spartitraffico sulla Basentana

 
PotenzaLa richiesta
S. Carlo di Potenza, l’ira degli esclusi al concorso per infermieri

S. Carlo di Potenza, l’ira degli esclusi al concorso per infermieri

 
FoggiaL'atto di accusa
Foggia, case a luci rosse: 50 euro al giorno d'affitto per prostituirsi

Foggia, case a luci rosse: 50 euro al giorno d'affitto per prostituirsi

 
BatTragedia sfiorata
Sedicenne cade a Trani dal muro della Villa sul mare: paura e fratture

Sedicenne cade a Trani dal muro della Villa sul mare: paura e fratture

 

i più letti

Ambiente

Coralli in Puglia: è mania. «Ma ci vuole cautela»

Corriero: ricercatori europei in contatto con il gruppo di lavoro dell’Università di Bari

Barriera corallina di Monopoli, la proposta della Regione: «Facciamone un'area protetta»

BARI - La scoperta di una scogliera corallina al largo di Monopoli, ritrovata in un ambiente marino di media profondità a circa due chilometri dalla linea di costa, e riportata dalla Gazzetta, ha avuto di eccezionale quanto meno l'eco nazionale che nelle ultime ore ha portato il professor Giuseppe Corriero, direttore del Dipartimento di Biologia dell'Università di Bari, a puntualizzare anche nella trasmissione Geo su Rai 3 i risultati inediti di una ricerca condotta con la collaborazione del Dipartimento di Scienza della Terra e Geoambientali (occupatosi, col coordinamento del professor Massimo Moretti, degli studi sedimentologici e della mappatura geofisica) e delle Università del Salento e di Roma Tor Vergata. «Ribadisco - dice Corriere prima di imbarcarsi per Roma e partecipare alla diretta televisiva - che si tratta della prima volta che nel Mediterraneo se ne scopre una con caratteristiche imponenti in senso batimetrico, per estensione e per spessore, dovuto all'accumulo nel tempo degli scheletri di madrepore».

La chicca naturalistica, ritrovata a circa 50 metri di profondità, presumibilmente solo parte di una presenza molto più ampia (che, con una distribuzione a macchia di leopardo, si estenderebbe almeno dal Barese fino a Otranto, se non anche nel mar Ionio), risponde a un modello che rimanda a quello tipicamente equatoriale. «Le specie che costruiscono la scogliera corallina di Monopoli (vive in penombra e quindi le madrepore formano queste strutture di carbonato di calcio in assenza di alghe, ndr) sono sicuramente presenti in gran parte del litorale adriatico e ionico. Ho appreso con molto interesse la segnalazione fatta al vostro giornale proveniente da Molfetta (dove il Nucleo Sub ha scattato alcune foto di una comunità, ovviamente presente da migliaia di anni, ndr). È stimolante perché emerge qualcosa che somiglia a quanto già accertato a Monopoli, dove per dimensione al momento ci sono caratteristiche di unicità. Bisognerà verificare perché potrebbe anche trattarsi di piccole costruzioni isolate».

La cautela è fondamentale in ambito scientifico, una prudenza che a volte si scontra con l'eco mediatica. Come la Gazzetta ha evidenziato, annuciando la scoperta, la peculiarità della scogliera corallina monopolitana (l'area di studio si estende per 2,5 chilometri) o, per essere precisi, della «biocostruzione a coralli» sta nell'essersi realizzata in «ambiente mesofotico», cioè con poca luce (data la profondità), col risultato di un impatto chiaramente differente rispetto alla barriera corallina equatoriale, cresciuta in acque superficiali, dove i processi di simbiosi tra le madrepore e le alghe unicellulari, alla base dei processi vitali che si svolgono nella comunità, sono facilitati dalla luce. Ciò non toglie che il modello sia simile e che si tratti di una scoperta di assoluto rilevo, tanto da immaginare di poter istituire una zona protetta (la Regione ha già fatto intendere di essere consapevole del valore dell'emergenza naturalistica e quindi della necessità di iniziare le procedure) in modo da evitare pesca, ancoraggio e attività che per una scogliera corallina sono letali. «Direi - afferma Corriero - che nell'amplificazione mediatica si è dimenticato in molti casi di sottolineare adeguatamente che la dimensione ecologica non è di barriere tropicali con squali e tartarughe marine, semmai di un ambiente con murene e qualche dentice. A discolpa di chi ha parlato di barriere, spesso anche per necessità di impatto sui lettori o sui telespettatori, potrei dire che, del resto, quando definiamo una foresta possiamo far riferimento indifferentemente alla Foresta di Mercadante, alla Foresta Umbra e alla Foresta Amazzonica, sottointentendo livelli di complessità ecologica e di biodiversità con ordini di grandezza diversi. Tutte però hanno un modello di sviluppo ecologico simile e sono aree di alta diversità ecologica. D'altra parte chiamiamo barriere coralline, senza che nessuno si indigni, costruzioni, comprese quelle equatoriali, che dovremmo in realtà definire barriere madreporiche».
In ogni caso, le ricadute di questa scoperta sono positive sia in termini di attenzione scientifica (diversi ricercatori europei si stanno organizzando per attivare canali di collegamento col gruppo di ricerca del'Università di Bari) sia sul fronte del turismo naturalistico, di nicchia ma prezioso perché muove un fatturato considerevole. La dimostrazione sta nelle notizie, pubblicate dalla Gazzetta, del boom di prenotazioni nelle strutture ricettive per le prime settimane di giugno da parte di due diverse associazioni subacque interessate all’esplorazione dei fondali di Molfetta e di Monopoli.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE