Mercoledì 28 Luglio 2021 | 22:44

NEWS DALLA SEZIONE

il punto
Le strategie dei partiti con la galassia dei no vax

Le strategie dei partiti con la galassia dei no vax

 
Il punto
La giustizia si riforma «solo» con l’armonia draghiana

La giustizia si riforma «solo» con l’armonia draghiana

 
Esperti a confronto
Bari, in città il futuro si chiama «mare»

Bari, in città il futuro si chiama «mare»

 
la riflessione
A che serve davvero il lasciapassare sanitario

A che serve davvero il lasciapassare sanitario

 
la riflessione
Quei cari banditori, altro che fake news

Quei cari banditori, altro che fake news

 
il punto
Se il vaccino diventa una questione politica

Se il vaccino diventa una questione politica

 
L'analisi
Mattarella, i suoi primi 80 anni e la partita quirinale

Mattarella, i suoi primi 80 anni e la partita quirinale

 
Il commento
Le notti magiche seduti sul divano di casa

Le notti magiche seduti sul divano di casa

 
La riflessione
Lo Stato dice ai giovani del Sud «Dovete emigrare»

Lo Stato dice ai giovani del Sud «Dovete emigrare»

 
il punto
Quell’inferno cantieri sulla via delle vacanze

Quell’inferno cantieri sulla via delle vacanze

 
l'approfondimento
Dobbiamo attrezzarci per una vita da precari

Dobbiamo attrezzarci per una vita da precari

 

Il Biancorosso

Preparazione
Bari calcio; Belli: «Sono in una piazza che dà stimoli»

Bari calcio, Belli: «Sono in una piazza che dà stimoli»

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariIl ricordo
Strage via dell'Arca a Bari, Decaro: «Memoria per difesa della libertà»

Strage via dell'Arca a Bari, Decaro: «Memoria per difesa della libertà»

 
PotenzaA Brindisi di Montagna
Ubriaco, minaccia e tenta di aggredire Carabinieri: arrestato nel Potentino

Ubriaco, minaccia e tenta di aggredire Carabinieri: arrestato nel Potentino

 
BatIl 28 Luglio 1980
Quarant'anni fa a Mosca Pietro Mennea diventava campione olimpico nei 200 m

Quarantuno anni fa a Mosca Pietro Mennea diventava campione olimpico nei 200 m

 
FoggiaLa nomina
Gargano e Pollino: 8mila ettari delle foreste italiane diventano patrimonio umanità

Gargano e Pollino: 8mila ettari delle foreste italiane diventano patrimonio umanità

 
TarantoIl caso
Taranto, disabile abusata su bus: gli autisti dell'Amat non rispondono al gip

Taranto, disabile abusata su bus: gli autisti dell'Amat non rispondono al gip

 
LecceDroga
Melendugno, nel vecchio torrino il deposito della marijuana: arrestato

Melendugno, nel vecchio torrino il deposito della marijuana: un arresto

 
MateraLa novità
Matera, in arrivo 15 milioni di euro per riqualificazione e rigenerazione urbana

Matera, in arrivo 15 milioni di euro per riqualificazione e rigenerazione urbana

 
SportSport
Olimpiadi Tokyo: Dell'Aquila torna a casa domani, a Mesagne si prepara festa

Olimpiadi Tokyo: Dell'Aquila torna a casa domani, a Mesagne si prepara festa

 

i più letti

L'analisi

La grande partita a scacchi dell’Europa con Cina e Russia

Le parole chiave del G20: una è Sud, con tutti gli annessi e connessi. L’altra, ancor più decisiva, è «multilateralismo»

La grande partita a scacchi dell’Europa con Cina e Russia

A voler individuare una latitudine si può usare Carmelo Bene: il G20 è finito in quello che una volta era il Sud del Sud dei Santi. E non solo perché Bari, Matera e Brindisi si offrono come assolata scenografia del summit globale, ma soprattutto perché a parlare un linguaggio meridiano è anche l’agenda dettata dalla presidenza italiana tra esigenze nazionali - come la governance dei flussi migratori - e urgenze globali, a cominciare dalla ripresa africana e dal contrasto alla crisi climatica che tanto sta a cuore alla nuova amministrazione americana.
Una scelta saggia per giocarsi una partita casalinga navigando su mari che si conoscono o si vorrebbero conoscere meglio, magari assumendo in merito responsabilità sempre crescenti. Ma è inutile farsi troppe illusioni. Per quanto di importanza capitale, anche i dossier dell’odierno meeting materano sono, per così dire, a Sud di qualcosa. E cioè della grande partita globale che dal G7 inglese in poi sta prendendo forma appuntamento dopo appuntamento.
La Cina è ormai il nuovo «avversario sistemico» di un Occidente non meglio identificato che Washington sta cercando di compattare con qualche fatica perché, ogni tanto, una pecora scappa dall’ovile.

È scappata e rischia di scappare nuovamente l’Italia, ad esempio, che all’epoca del Governo gialloverde fuggì in avanti firmando, prima di tutti, il Memorandum of understanding sulla nuova Via della Seta. Una «macchia» che resta soprattutto dopo che gli Stati Uniti si sono messi a progettarne una alternativa. E poi scappa anche la Germania con Angela Merkel intenzionata a dedicare il proprio tramonto politico alla costruzione di un bilaterale Ue-Russia. L’ultima battaglia della cancelliera. Il francese Emmanuel Macron è d’accordo, l’italiano Mario Draghi pure. Ma la cosa ancora non si fa. La vogliono «solo» loro, riflette qualche analista, quasi Berlino, Parigi e Roma fossero tre turisti in visita a Bruxelles. Evidentemente l’opposizione dei piccoli Paesi Baltici e dell’Olanda, sempre in prima fila quando si tratta di guastare qualcosa, pesa curiosamente di più. Un errore, naturalmente, che la dice lunga su cosa sia oggi la dis-Unione europea. La Merkel, e con lei il suo successore designato alla guida della Cdu, Armin Laschet, hanno ragione nel proporre una prospettiva di dialogo con un gigante, la Russia, troppo in fretta regalato ai cinesi, spesso con scuse pretestuose o argomentazioni ipocrite (qualcuno ricorda i neonazisti ucraini sfilare armati in piazza Maidan?).

Si dice che la Germania faccia tutto questo solo perché primo partner commerciale dei cinesi nonché potenza legata a doppio filo a Mosca da questioni energetiche. Forse è vero, forse il ragionamento tedesco è solo quello di una potenza ottocentesca e mercantile armata di ragione utilitaristica. D’altronde, loro sono «impolitici» come scriveva, a ragione, Thomas Mann. Ma qualunque sia il motivo che li anima, l’idea di un’Europa mediatrice, forza pensante tra le violenze dei giganti, è tutt’altro che sbagliata a meno che non si voglia ridurre il Vecchio Mondo, più di quanto già non lo sia, a un nano (politico) parcheggiato nel giardino del re (americano). E a patto, naturalmente, che Bruxelles non si metta a parlare con la voce dell’ottusità tecno-economica, l’unica «unitaria» che finora ha saputo esibire.
Cosa c’entra tutto questo con Bari e Matera? Lo ha chiarito più volte il ministro degli Esteri, Luigi Di Maio, indicando le parole chiave del summit. Una è Sud, con tutti gli annessi e connessi. L’altra, ancor più decisiva, è «multilateralismo». Solo una corretta declinazione di quest’ultimo intento può rigenerare la funzione di quel «corridoio mediterraneo» in cui siamo immersi. Mai come ora l’intreccio fra temi e luoghi trova un’armonia che non è solo simbolica, ma concreta. Va in scena una grande partita a scacchi. E si gioca a due passi da casa.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzetta Necrologie