Lunedì 28 Settembre 2020 | 07:38

NEWS DALLA SEZIONE

il punto
Il dilemma del Carroccio tra nazione e regioni

Il dilemma del Carroccio tra nazione e regioni

 
Il commento
Se la mascherina a Foggia è d'obbligo

Se la mascherina a Foggia è d'obbligo

 
L'ANALISI
Dove ancorarsi di fronte alla tempesta coronavirus

Dove ancorarsi di fronte alla tempesta coronavirus

 
Il commento
Studenti, i grandi più garantiti dei piccoli

Studenti, i grandi più garantiti dei piccoli

 
L'ANALISI
Sud reagisci così pensano di toglierti i soldi europei

Sud reagisci così pensano di toglierti i soldi europei

 
L'analisi
Il super blindato Premier ora può alzare la posta

Il super blindato Premier ora può alzare la posta

 
IL PUNTO
Credito e finanza non ostacoliamo il cambiamento

Credito e finanza: non ostacoliamo il cambiamento

 
l'Analisi
Ridotta la quantità aumentiamo la qualità

Referendum e riduzione parlamentari: ridotta la quantità aumentiamo la qualità

 
Analisi
Le stagioni dello scontro tra destra e sinistra

Le stagioni dello scontro tra destra e sinistra

 
Analisi
Puglia, via libera da Consiglio Ministri a decreto su doppia preferenza di genere

La preferenza di genere. Storia di un flop annunciato

 
Intervista
Bari, Marcello Veneziani: il sovranismo non è morto

Bari, Marcello Veneziani: il sovranismo non è morto

 

Il Biancorosso

Francavilla-Bari 2-3
Biancorossi, il campionato inizia con una vittoria in trasferta

Biancorossi, il campionato inizia con una vittoria in trasferta

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariIl posto
Valenzano, è crisi al Comune, si dimette il sindaco- «Frattura politica

Valenzano, è crisi al Comune, si dimette il sindaco- «Frattura politica

 
TarantoIl fenomeno
Taranto, 130 pasticche di ansiolitico venduto come droga: arrestato 22enne

Taranto, 130 pasticche di ansiolitico venduto come droga: arrestato 22enne

 
Foggianel foggiano
San Nicandro Garganico: consigliere comunale in macchina con la pistola, arrestato

San Nicandro Garganico: consigliere comunale in macchina con la pistola, arrestato

 
Materacalcio
Da Bernalda la favola di Berni Gallitelli, a 10 anni ingaggiato dal Lecce

Da Bernalda la favola di Berni Gallitelli, a 10 anni ingaggiato dal Lecce

 
PotenzaNel Potentino
Lavello, rapina in casa: condanna nulla in Cassazione, il sospettato ha un fratello che gli somiglia troppo

Lavello, rapina in casa: condanna nulla in Cassazione, il sospettato ha un fratello che gli somiglia troppo

 
LecceLe indagini
Duplice omicidio Lecce: recuperati resti dei guanti del killer, forse drogato prima di agire

Duplice omicidio Lecce: recuperati resti dei guanti del killer, forse drogato prima di agire

 
Batsanità
Barletta, al «Dimiccoli» eseguita per la prima volta Pet per diagnosi tumori endocrini

Barletta, al «Dimiccoli» eseguita per la prima volta Pet per diagnosi tumori endocrini

 

i più letti

L'analisi

La Puglia resta fuori dai giochi per le alleanze

Vincono Di Maio e Zingaretti, sotto la regia di Beppe Grillo, mentre il premier Giuseppe Conte si indebolisce nel ruolo di leadership

premier Giuseppe Conte

Le scelte future del Movimento 5 Stelle su alcuni punti cruciali, ma anche identitari, passavano per un voto sulla piattaforma Rousseau, mentre pentastellati e Pd seppellivano l'ascia di guerra. Quel voto è arrivato, risicato, sancendo due novità che poi tanto nuove non sono. Gli iscritti grillini hanno deciso il via libera alle alleanze - con i dem - alle elezioni amministrative e la deroga al doppio mandato. Vincono Di Maio e Zingaretti, sotto la regia di Beppe Grillo, mentre il premier Giuseppe Conte si indebolisce nel ruolo di leadership.

Dato anche il numero scarso dei partecipanti all’ennesima prova di «democrazia diretta», il Movimento ne esce non bene, capace com’è stato di rimangiarsi in questi anni di governo tutte le linee guida per le quali era nato ed era stato - in passato - ampiamente votato. Stesso discorso varrebbe per il Pd, ma da quelle parti le strategie politiche sono pane quotidiano.
Di certo non sono tutte rose e fiori. I distinguo diventano annunci belligeranti, se non vere e proprie dichiarazioni di guerra. Zingaretti esulta, ma già prende le distanze dal Raggi-bis al Campidoglio. Più o meno la stessa cosa accade a Torino, con la Appendino che apre ai democratici e questi che chiudono. Senza dubbio mancherà l’appoggio - ancora da capire quanto influente - di Italia viva. Il renziano di ferro Davide Faraone parla di accordo populista sul ritiro delle querele a Grillo: «“Mai col partito di Bibbiano che toglie i bimbi alle famiglie” fu detto dai grillini». In quel luglio 2019 il Nazareno presentò 23 querele e lo fece per tutelare il buon nome dei militanti e dei volontari. «Ho letto l’altro ieri - dice ancora l’esponente Iv - una fantastica nota comune del Pd e del M5S che dice così: “Abbiamo deciso di comune accordo di abbandonare alcune cause che ci vedevano contrapposti. È inutile continuare ad intasare i tribunali perdendo tempo con vicende vecchie e superate”».
Se sulla carta si è voluto riportare il sistema dei partiti su un modello bipolare, con una rivoluzione per i pentastellati e una scommessa per i democratici, gli effetti finali potrebbero essere del tutto diversi, con una frammentazione del voto, una spinta all’astensionismo e un pericoloso effetto a «macchia di leopardo». Infatti se alla fine per il Campidoglio si troverà la quadra su Virginia Raggi (unico modo per la coalizione giallorossa di rigiocarsela) e lo stesso accadrà in Piemonte con la Appendino, sono le Regioni a dare più di un grattacapo. Puglia in testa.

Qui, dove Michele Emiliano da anni (da prima ancora che nascesse l’attuale governo) corteggia sfacciatamente i grillini, questi gli hanno dato l’ennesimo dispiacere per bocca dalla candidata alla Presidenza, Antonella Laricchia: «Per me il M5S o è alternativo alla mala politica della destra e della sinistra o non ha senso di esistere. Faccio il contrario di quello che farebbe molta gente: non salgo sul carro del vincitore. È passato il Sì ma io ho votato No alle alleanze con i vecchi partiti, perché il Movimento 5 Stelle è nato perché la mala politica di destra e la mala politica di sinistra avevano fallito. Dobbiamo trasformare i partiti nel M5S e non trasformare il M5S in quello che sono i vecchi partiti». Puglia dove, beninteso, lo stesso premier Conte (che qui è nato) lavorerebbe non tanto sotterraneamente per la riconferma del governatore uscente.
Ma in questo i fatti di Bari si intrecciano con quelli di Roma. Molti ministri vicini al premier non si fidano della mossa di Di Maio, si pensa a una strategia per rafforzarsi sui territori e poi gettare il bambino con l’acqua sporca. In quest’ottica la tornata elettorale di fine settembre assume il peso di un’ulteriore verifica. Perché è vero che il pericolo Salvini incombe, ma così si corre il rischio di fargli un favore enorme.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie