Domenica 09 Agosto 2020 | 05:20

NEWS DALLA SEZIONE

Il commento
Il passato che non passa non aiuta a battere la crisi

Il passato che non passa non aiuta a battere la crisi

 
L'ANALISI
La Spesa pubblica è questione di qualità non di quantità

La Spesa pubblica è questione di qualità non di quantità

 
IL PUNTO
Il machista, femminista

L'ardita teoria etologica del prode leghista machista, femminista

 
Il commento

Dall’Europa 135 miliardi per il Sud, ma 74 vanno al Nord

 
IL RICORDO
Amarcord, la voce del silenzio di un virtuoso della parola

Amarcord, la voce del silenzio di un virtuoso della parola

 
IL PUNTO

Tutti a scuola? A settembre poi verrà ma senza sole

 
L'EDITORIALE
La concorrenza è la madre di tutte le riforme

La concorrenza è la madre di tutte le riforme

 
L'EDITORIALE
Ma l'Italia non può permettersi tre crisi

Ma l'Italia non può permettersi tre crisi

 
L'ANALISI
Dalla disparità di genere alla violenza di genere

Dalla disparità di genere alla violenza di genere

 
L'EDITORIALE
La filosofia del gattopardo sulla questione femminile

La filosofia del Gattopardo sulla questione femminile

 
L'ANALISI
Un'estate fa il finimondo scatenato dal Papeete,

Un'estate fa il finimondo scatenato dal Papeete

 

Il Biancorosso

SERIE C
Bari, scattato il conto alla rovescia presto un summit fra i De Laurentiis

Bari, scattato il conto alla rovescia: presto un summit fra i De Laurentiis

 

NEWS DALLE PROVINCE

FoggiaTragedia sfiorata
Foggia, travolto ciclista sulla pista ciclabile: finisce in ospedale

Foggia, travolto ciclista sulla pista ciclabile: finisce in ospedale

 
Brindisil'appuntamento
Ceglie Messapica, domani sera il premier Conte ospite de «La Piazza»

Ceglie Messapica, domani sera il premier Conte ospite de «La Piazza»

 
TarantoVerso il voto
Regionali 2020, Laricchia (M5s) a Taranto: «Se vinco chiude area a caldo ex Ilva»

Regionali 2020, Laricchia (M5s) a Taranto: «Se vinco chiude area a caldo ex Ilva»

 
Barifase 3
Bari, 20mila rinnovi carte identità elettroniche: approvato progetto per smaltire arretrati Covid

Bari, 20mila rinnovi carte identità elettroniche: approvato progetto per smaltire arretrati Covid

 
Hometrasporti
Lecce-Roma, ad agosto Trenitalia aumenta i «Frecciargento»

Lecce-Roma, ad agosto Trenitalia aumenta i «Frecciargento»

 
PotenzaSERIE C
Potenza, sarà rivoluzione. Squadra da rifondare per aprire un nuovo ciclo

Potenza, sarà rivoluzione. Squadra da rifondare per aprire un nuovo ciclo

 
MateraL'INTERVISTA
Matera, la rinuncia di Vespe alla candidatura

Matera, la rinuncia di Vespe alla candidatura

 
BatIL PROGETTO
Trani, nuovi uffici giudiziari con vista sulla storia

Trani, nuovi uffici giudiziari con vista sulla storia

 

i più letti

L'Editoriale

Meglio giocare al più presto l’euro-partita del «Mes»

Se ci trovassimo al posto del presidente Giuseppe Conte, non esiteremmo un minuto nel dire sì ai quattrini del Mes (Meccanismo europeo di stabilità)

Meglio giocare al più presto l’euro-partita del «Mes»

Se ci trovassimo al posto del presidente Giuseppe Conte, non esiteremmo un minuto nel dire sì ai quattrini del Mes (Meccanismo europeo di stabilità). Non solo perché, insegnano a Bari, la linea del «pochi, maledetti e subito», non presenta controindicazioni. Non solo perché i soldi in questione ci servono come il pane e, per giunta, nel caso specifico, sarebbero quasi a interessi zero. Non solo perché la sanità italiana ha bisogno di una cura ricostituente dopo il lungo stress test da coronavirus.

Ma soprattutto perché con il sì al Mes verrebbe manifestata, al resto del mondo, la nostra volontà di ripartire senza indugi, col motore acceso. E siccome i giudizi e le decisioni dei mercati esteri sono fondamentali per la sorte di un’economia nazionale, l’Italia ha tutto da guadagnare dall’accettazione dei danari del Mes, anche o soprattutto perché questa misura precluderebbe di fatto il rischio Italexit, ossia il divorzio tra Roma e l’Unione Europea.

«Se l’Italia sottoscrive il prestito fornito dal Mes, evidentemente non coltiva retropensieri scissionistici»: sarebbe questo il messaggio inviato alla comunità internazionale. Il che si tradurrebbe in un piccolo grande rimbalzo, innanzitutto psicologico, per tutti quanti. In Italia e fuori.

Ma la navigazione verso l’isola del Mes non è semplice e lineare come una crociera estiva nel Mediterraneo. Eurocontrari ed euroscettici sanno che se passa l’idea dei fondi del Mes, le loro munizioni contro l’Unione Europea verranno intaccate parecchio, con la prospettiva di diventare inoffensive nel giro di poco tempo. Meglio, molto meglio, frenare, o fermare, ragionano quelli del No, il meccanismo salva-stati in nome dell’autonomia di un singolo Paese, della sua sovranità finanziaria e di tanti altri proclami di analogo tenore. L’applauso di una parte dell’opinione pubblica, a loro parere, è assicurato.
E però. Se fossimo al posto del presidente Conte, accelereremmo, come l’ambizioso ferrarista Charles Leclerc, la corsa verso il traguardo, perché mai come adesso si profilerebbero, per lui (sotto tiro), per il governo (in difficoltà) e per il Paese (in crisi produttiva), condizioni altrettanto favorevoli e vantaggiose.

Una. È vero che in Parlamento lo schieramento anti-Mes è più robusto dello schieramento filo-Mes. Ma se si addivenisse allo scontro frontale, se non fosse percorribile la via del compromesso sugli aiuti europei, forse la legislatura avrebbe le ore contate, perché non ci sarebbero soluzioni o combinazioni di ricambio. E dal momento che la maggioranza di deputati e senatori ripudia il voto anticipato, così come gli agnelli temono la Pasqua, c’è da scommettere che al «dunque» le truppe anti-Mes perderebbero pedine su pedine, che, in autoprotezione, per salvare Camera e Senato, andrebbero ad allargare i plotoni filo-Mes.

Due. Sarà che da lunga pezza la politica interna, in Italia, ha sostituito la politica estera come criterio base, come cartina di tornasole, per determinare e formare le alleanze tra i partiti, ma il Mes (incrocio tra politica economica e politica estera) sembra destinato a riportare tutti al punto di partenza: le coalizioni si formano, torneranno a formarsi innanzitutto sulla posizione di ogni gruppo nei confronti dell’Europa. Il che non sarà senza conseguenze. Silvio Berlusconi esclude di mollare Matteo Salvini e Giorgia Meloni, però sul Mes non la pensa come loro. Anzi egli si dice disponibile ad appoggiare il governo Conte qualora si giungesse a votare, in Aula, sulla richiesta di accedere ai miliardi di euro del Fondo salva-stati. Ma la votazione parlamentare sul Mes non sarebbe una votazione di routine, tipo il via libera ai finanziamenti per una mostra fotografica. Sarebbe il progetto, se non il plastico, di un nuovo edificio governativo, stavolta composto pure dai mattoni di Forza Italia.

Né basterà ridimensionare o circoscrivere l’eventuale rimescolamento delle carte sul Mes, provocato dal possibile strappo di Silvio Berlusconi nei riguardi dei suoi due soci nel centrodestra, con la storia che sono iniziate le manovre per il Quirinale e che Romano Prodi ha aperto al Cavaliere per prenotare i di lui voti presidenziabili; o che Berlusconi non ha chiuso alle profferte da parte del suo pluridecennale antagonista Prodi perché convinto che solo un anti-berlusconiano doc come il Professore bolognese, al di sopra di ogni sospetto, potrebbe concedergli, dal Colle, qualcosa che nessun altro potrebbe garantirgli (i berlusconiani più fedeli chiedono a gran voce il laticlavio a vita per il loro beniamino). Il Mes è un argomento troppo serio per potersi trasformare nel paravento di altri giochi e giochetti di carriera, o di trappole e calcoli di frontiera. Da anni, per dire, Berlusconi è allineato sulle posizioni di Angela Merkel. Lo è soprattutto da quando ha lasciato la guida dell’esecutivo (2011), al termine di una fase convulsa e drammatica, segnata anche da un irriferibile epiteto sulla Cancelliera attribuito al leader di Forza Italia, e da quest’ultimo sempre smentito.

Tre. Conte è il primo a sapere che l’autunno sarà caldo e che l’inverno sarà caldissimo, ovviamente per quella parte della popolazione sprovvista del paracadute statale. E che, da un momento all’altro, la piazza potrebbe manifestare in modo assai aspro il proprio malcontento, L’accesso ai soldi europei non solo è opportuno, ma va affrettato con convinzione. Non foss’altro perché, strada facendo, la linea economica degli stati europei settentrionali potrebbe irrigidirsi ancora, con tanti saluti agli impegni di solidarietà presi con i Paesi più colpiti dalla pandemia. Se così fosse, l’Italia si giocherebbe molte delle misure prospettate finora.

Ecco perché a Conte converrebbe forzare la mano (pro Mes), anche a costo di entrare in rotta di collisione con quella parte del Movimento che lo ha designato per Palazzo Chigi. Per il premier sarebbe non la mossa del cavallo (per usare un’espressione mai così abusata come adesso), ma la mossa naturale di un rischio calcolato. Pochi, nel partito che due anni ha proposto, per la direzione del governo, il professore di Volturara a Mattarella, sarebbero così masochisti o kamikaze da accettare l’incerta sfida delle urne pur di sbarrare la strada ai signori e ai finanziamenti del Mes.
Immaginiamo che Conte voglia attendere l’esito del voto regionale di settembre prima di prendere una decisione. Ma il Mes per ora sta fermo, in attesa di prenotazioni. Sa però che prima o poi l’Italia dovrà fare i conti con lui. A patto di non perdere altro tempo.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie