Giovedì 05 Agosto 2021 | 12:24

NEWS DALLA SEZIONE

editoria
Da domani la Gazzetta si ferma

Da domani la Gazzetta si ferma

 
il punto
Le strategie dei partiti con la galassia dei no vax

Le strategie dei partiti con la galassia dei no vax

 
Il punto
La giustizia si riforma «solo» con l’armonia draghiana

La giustizia si riforma «solo» con l’armonia draghiana

 
Esperti a confronto
Bari, in città il futuro si chiama «mare»

Bari, in città il futuro si chiama «mare»

 
la riflessione
A che serve davvero il lasciapassare sanitario

A che serve davvero il lasciapassare sanitario

 
la riflessione
Quei cari banditori, altro che fake news

Quei cari banditori, altro che fake news

 
il punto
Se il vaccino diventa una questione politica

Se il vaccino diventa una questione politica

 
L'analisi
Mattarella, i suoi primi 80 anni e la partita quirinale

Mattarella, i suoi primi 80 anni e la partita quirinale

 
Il commento
Le notti magiche seduti sul divano di casa

Le notti magiche seduti sul divano di casa

 
La riflessione
Lo Stato dice ai giovani del Sud «Dovete emigrare»

Lo Stato dice ai giovani del Sud «Dovete emigrare»

 
il punto
Quell’inferno cantieri sulla via delle vacanze

Quell’inferno cantieri sulla via delle vacanze

 

Il Biancorosso

Serie C
Bari, il portiere Frattali rinnova fino al 2023

Bari, il portiere Frattali rinnova fino al 2023

 

i più letti

Il ricordo

Piero Manni, il cuore a Sud di un editore militante

Mancherà molto non solo alla sua famiglia. Per salutarlo, un verso di Bodini ne dice forse gli orizzonti: «Il Sud ci fu padre / e nostra madre l’Europa»

Piero Manni

Salento Salento. È il titolo di una raccolta con cui vent’anni fa Piero Manni esordiva come autore per i tipi della sua stessa casa editrice, ch’era nata a metà degli Ottanta a San Cesario di Lecce dapprima con la rivista letteraria «l’immaginazione» curata tutt’oggi da Anna Grazia D’Oria, moglie di Piero, e poi con i libri che danno l’abbrivio a un catalogo di pregio, fin dall’antologia poetica inaugurale dedicata alla pace, con liriche di Caproni, Leonetti, Luzi, Malerba, Pagliarani, Volponi, Zanzotto.
Manni, scomparso ieri a 76 anni, era nato nella grika Soleto, quel Salento interno e «profondo» caro alle liriche dell’ispanista pugliese Vittorio Bodini e lontanissimo dal folklore un po’ corrivo in auge presso i cosiddetti vip che negli ultimi dieci anni hanno «scoperto» il Tacco.

Niente teli bianchi per gli ozi nelle spiagge esclusive e the con la mentuccia a las cinco de la tarde e vagabondaggi notturni fra un discopub e una strada senza uscita... Macché, il Salento terragno e arcaico delle radici di Manni è quello che lotta per il riscatto dalla arretratezza e dal degrado nella cornice di una tradizione storico-artistica altissima (il Barocco, per intenderci) ma pur sempre per pochi. La «guerra di Piero» non ha altro nome che Sessantotto, di cui il Nostro è uno dei leader nel «comitato di agitazione» leccese insieme ai fratelli Cesare e Giovanni Salvi, Antonio Caprarica, Claudia Mancina, sotto lo sguardo di un giurista quale Umberto Cerroni, esegeta marxista allora tra i più ascoltati e docente dal ’64 nell’ateneo salentino. Ma non si pensi a una egemonia del Pci, perché l’alveo del precoce Sessantotto leccese cominciato già nel 1966 - come ricordò su queste colonne Oreste Massari, docente alla Sapienza, intervistato da Dino Levante – «fu un certo ribellismo anarchico-anticlericale (il circolo Giulio Cesare Vanini), o estetico (si pensi all’humus culturale in cui si era formato Carmelo Bene) attraverso i fermenti intellettuali soprattutto nel liceo Palmieri, allora vera scuola di eccellenza».

Ecco, la militanza è la chiave di volta nella biografia di Manni. Non una militanza occhiuta severa ideologica, piuttosto mite aperta colta. Prima l’insegnamento nelle scuole medie e anche a lungo nelle carceri, quindi l’attività editoriale, sono la prosecuzione e la trasformazione di un anelito militante mai sconfessato, come invece avrebbero fatto molti suoi coetanei approdati con successo all’industria culturale. Piero Manni non si distrasse al bivio, diremmo parafrasando Scotellaro, e la sua casa editrice affianca alla saggistica letteraria della collana «La scrittura e la storia» affidata a Romano Luperini, studi di sociologia, filosofia, antropologia, spettacolo, geopolitica, ma anche romanzi e letteratura per ragazzi, poesia e memoir: Maria Corti, Sanguineti, Malerba, Giuliani, Balestrini, Leonetti, Fortini, Alda Merini, Nigro, Prete fino a Rollo, Bray, Campetti e tanti, tantissimi altri.

Impegno coltivato da Piero con la moglie e poi con le figlie Agnese e Grazia (c’è anche Daniele), sempre riservando la massima attenzione alla storia, all’antropologia culturale e alle contraddizioni sociali del Salento: una fedeltà iscritta nel logo delle edizioni Manni che riproduce una specie di croce greca con un vuoto all’incrocio dei bracci incisa nella Grotta dei Cervi di Porto Badisco e che secondo molti rappresenta quattro persone sedute a conversare intorno al fuoco. L’incontro, il dialogo, la tregua, il simbolo, le storie... Come le storie di Salento Salento, una terra violata da modelli di sviluppo non compatibili e da intrecci criminali, eppure linea di frontiera, ospitale e pacifica, dai campi profughi ebraici subito dopo la Seconda guerra mondiale ai barconi giunti da oltre Adriatico nell’ultimo scorcio del Novecento. Di terra e di mare, di passato e di futuro, il Salento pugnace e coraggioso di Piero Manni fa anche un passaggio nelle aule del Consiglio regionale, quando è eletto nella lista di Rifondazione comunista, durante il primo mandato della presidenza di Nichi Vendola, la speranzosa «primavera pugliese» del 2005-2010. Eppure, Manni non diventa un aedo della pizzica rinata (con merito, sia chiaro) appunto in quegli anni né si mostra indulgente verso la mistura di albagia e indolenza di quanti scelgono il Salento per comprare casa, villa o masseria. Fanno testo i titoli dei suoi libri: Salento d’autore. Guida ai piaceri intellettuali del territorio, Salentini. Guida ai migliori difetti e alle peggiori virtù, o Il prete grasso in cui affabula il Cristianesimo contadino a petto dei miti e dei riti pagani e la vita quotidiana della povera gente «che bestemmia i suoi santi e cucina per loro le tagliatelle coi ceci» (a proposito, un altro suo libro è I fichi in tasca. Cibo e ricette nel Salento dall’età delle caverne al fast food).

Professore generoso, editore tenace, politico dalla parte degli indifesi, infine attore con Edoardo Winspeare per il quale nel film La vita in comune (2017) interpretò il ruolo autoironico di un erudito di storia locale. Mancherà molto non solo alla sua famiglia. Per salutarlo, un verso di Bodini ne dice forse gli orizzonti: «Il Sud ci fu padre / e nostra madre l’Europa». Ciao Piero.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzetta Necrologie