Martedì 22 Settembre 2020 | 02:40

NEWS DALLA SEZIONE

Il ricordo
Rossanda, la lotta di classe della signora in rosso

Rossanda, la lotta di classe della signora in rosso

 
Lettera alla Gazzetta
Breve vacanza a Ugento bilancio con rammarico

Breve vacanza a Ugento bilancio con rammarico

 
L'ANALISI
Il fantasma del virus che spariglia le carte

Il fantasma del virus che spariglia le carte

 
Il commento
Se a scuola cade l'occhio sulle nudità di Artemide

Se a scuola cade l'occhio sulle nudità di Artemide

 
L'editoriale
Dopo il voto Puglia e sud si mobilitino per la banda larga

Dopo il voto Puglia e Sud si mobilitino per la banda larga

 
L'analisi
Il gioco degli specchi della politica italiana

Il gioco degli specchi della politica italiana

 
L'editoriale
La lezione (disattesa) di super Renzo Piano

La lezione (disattesa) di super Renzo Piano

 
IL PUNTO
Da marzo a settembre la fragilità permanente

Da marzo a settembre la fragilità permanente

 
IL PUNTO
Fari accesi sul tacco. Dalla Puglia dipende tutto

Fari accesi sul tacco: dalla Puglia dipende tutto

 
L'Analisi
Caro bimbo del Sud ora potrai piangere meno

Caro bimbo del Sud ora potrai piangere meno

 
Il commento
Binario unico addio. Sarà la volta buona?

Binario unico addio. Sarà la volta buona?

 

Il Biancorosso

Calcio serie C
Il Bari accende la luce: la settimana degli esordi

Il Bari accende la luce: la settimana degli esordi

 

NEWS DALLE PROVINCE

Lecceduplice omicidio
Lecce, dopo accoltellamento muoiono un uomo e una donna: caccia al killer

Lecce, uomo e donna uccisi a coltellate: è caccia al killer. Possibile delitto passionale FOTO

 
FoggiaLa curiosità
Regionali, Emiliano vince in 2 comuni Foggiani di Conte: Fitto si impone solo a Candela

Regionali, Emiliano vince in 2 comuni Foggiani di Conte: Fitto si impone solo a Candela

 
BatIl rogo
Vasto incendio ad Andria: il sindaco invita i cittadini a chiudere le finestre

Vasto incendio ad Andria: il sindaco invita i cittadini a chiudere le finestre

 
BariL'iniziativa
Università, a Bari approda il festival nazionale dello sviluppo sostenibile

Università, a Bari approda il festival nazionale dello sviluppo sostenibile

 
TarantoIl siderurgico
Arcelor Mittal, Ugl: sciopero il 24 a Taranto ma il governo deve dare risposte

Arcelor Mittal, Ugl: sciopero il 24 a Taranto ma il governo deve dare risposte

 
PotenzaLa curiosità
Nuoto, a Potenza la piscina olimpionica sarà dedicata a Bud Spencer

Nuoto, a Potenza la piscina olimpionica sarà dedicata a Bud Spencer

 
Materacontrolli della ps
Policoro, era ai domiciliari e spacciava in casa eroina e cocaina: 30enne in carcere

Policoro, era ai domiciliari e spacciava in casa eroina e cocaina: 30enne in carcere

 
BrindisiIl caso
Fasano, rapina allo Zoosafari: ladri scappano con l'incasso

Fasano, rapina allo Zoosafari: ladri scappano con l'incasso

 

L'analisi

Tra stelle e meteore tramonta l’antipolitica

Più che cinque stelle, è rimasta una meteora

Tra stelle e meteore tramonta l’antipolitica

Dalla decrescita felice all’uscita infelice. E sì, perché i Cinquestelle sono praticamente fuori dal panorama politico italiano, o quantomeno si apprestano ad esserlo, se guardiamo in proiezione i dati delle ultime competizioni elettorali. La parabola discendente ha assunto connotati incredibili, che non possono essere giustificati dall’indubbia fluidità che l’appartenenza politica ha assunto in questi ultimi anni. A voler ironizzare, si potrebbe dire che si va Di Maio in peggio. L’ex leader , per la verità, non ha fatto molto per tamponare la preventivata emorragia di voti, pensando più a sé stesso che alle sorti dei Cinquestelle. Uscire di scena alla vigilia di una competizione elettorale è un’anomalia che non ha precedenti – tutt’al più ci si dimette all’esito del voto, assumendosi la responsabilità politica della débâcle – e che certo non ha rassicurato i suoi supporter.

Di Maio, invece, ha preferito non certificare l’ennesima sconfitta da capo politico dei Cinquestelle, pensando forse così di ritagliarsi un ruolo nel futuro del Movimento (o di ciò che ne rimarrà dopo lo tsunami elettorale).
La vicenda dei Cinquestelle, tuttavia, va al di là delle sorti di una forza che fino a meno di due anni sembrava aver assunto il dominio della scena politica e suggerisce alcune riflessioni sui mutamenti dei fondali che hanno caratterizzato la vita pubblica nell’ultimo quarto di secolo. Un periodo nato nella stagione di Mani pulite, in cui la nota dominante è stata quella della lotta alla casta, dell’affermarsi dell’antipolitica quale risposta alle degenerazioni di un sistema politico e istituzionale che aveva dato il peggio di sé finendo per travolgere quella che convenzionalmente viene chiamata prima Repubblica. Ebbero buon gioco, in quella situazione, le forze antisistema, dalla Lega nord di Umberto Bossi, progenitrice della Lega salviniana, all’Italia dei Valori, fondata dal frontman di Mani Pulite Antonio Di Pietro, che pure si integrarono con alterne fortune nel tessuto istituzionale.

Anche le forze sopravvissute, peraltro, cavalcarono l’effetto Tangentopoli come strumento di lotta politica, contribuendo ad alimentare quello sbilanciamento dei poteri dello Stato che ha fatto parlare di Repubblica giudiziaria.
Ma è stato con i Cinquestelle che la stagione dell’antipolitica ha raggiunto l’acme. Beppe Grillo e soci, difatti, hanno raccolto la rabbia e l’insoddisfazione rinveniente “dal basso” di fronte ai diffusi fenomeni di malgoverno, alla corruzione imperante e a tutto quando rendeva più penosa la sopportazione di una crisi economica globale da parte dei ceti meno fortunati. Ecco, allora, che ogni colpa della situazione di crescente dissesto economico e sociale fu (simbolicamente, ma non troppo) attribuita ai membri della casta, guardati con invidia e rancore.
Da qui le battaglie per la riduzione dei parlamentari e dei loro compensi, la lotta alla corruzione e a tutti gli illeciti arricchimenti che nascevano dalla frequentazione della cosa pubblica. E poi l’avversione per banche, grandi gruppi industriali e multinazionali (da Parmalat alla Telecom), anch’essi responsabili dello status quo.

Ma i tempi cambiano e, soprattutto, la gente vuole anche – e soprattutto – risposte alle sue esigenze primarie: dal lavoro alla sanità, dai servizi all’istruzione, mentre sembra sempre più distratta rispetto a battaglie spazzacorrotti o a difesa dell’ambiente. E le domande le rivolge a chi detiene il potere, a chi amministra, a chi governa. È una rivoluzione mancata, quella dei Cinquestelle, che si è fermata alla fase 1, quella dell’abbattimento del “nemico”, riuscendo soltanto ad abbozzare le risposte e per giunta contraddicendo sé stessa. Nessuna alleanza? Siamo duri e puri? Accordi e contratti a 360 gradi, peraltro svilendo la propria anima e mostrando un trasformismo degno del miglior Fregoli. Perdendo, così, la propria identità.

E poi, l’approdo nella Capitale ha inevitabilmente fatto emergere vizi e virtù della natura umana: perché autoridursi l’indennità parlamentare? Perché soggiacere alla dittatura dei leader (visibili ed occulti) senza poter esprimere la propria opinione, pena l’espulsione per non essere stati “fedeli alla linea”? L’“uno vale uno” è diventato “ognuno per sé”, fomentando la fuga.
Ecco, allora, che è tornata la politica vera, quella vissuta nelle piazze (e non solo dalle sardine), quella che parla alla gente dei problemi reali proponendo soluzioni, certo attualizzata dall’uso del web e dei social network ma senza che questi strumenti ne abbiano l’esclusiva, magari ricorrendo a improbabili piattaforme. In fondo siamo persone e non numeri o bit.
La parabola antisistema di Beppe Grillo era nata – in pochi lo ricordano – dall’allontanamento dalla Rai per una battuta sui socialisti marioli (1986) e, curiosamente, sembra concludersi proprio nei giorni in cui ricorre il ventennale della scomparsa di Bettino Craxi, che della stagione di Tangentopoli rappresenta – a torto o a ragione – l’icona.
Più che cinque stelle, è rimasta una meteora.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie