Sabato 29 Febbraio 2020 | 11:47

NEWS DALLA SEZIONE

il punto
Bentornati cari ragazzi fuggiti due volte

Bentornati cari ragazzi fuggiti due volte

 
la denuncia
Coronavirus, la lettera: «Incredibile, congelati i neomedici»

Coronavirus, la lettera: «Incredibile, congelati i neomedici»

 
L'editoriale
Uno Stato emotivo portato alla depressione

Uno Stato emotivo portato alla depressione

 
La curiosità
L’amuchina, geniale invenzione di un ingegnere di Altamura

L’amuchina, geniale invenzione di un ingegnere di Altamura

 
Il punto
Il vaccino della «pulce» fa guarire dalla paura

Il vaccino della «pulce» fa guarire dalla paura

 
Il commento
I danni all’economia e i danni all’immagine

I danni all’economia e i danni all’immagine

 
Il punto
Ma non dobbiamo dare un calcio al pallone

Ma non dobbiamo dare un calcio al pallone

 
L'analisi
Non è ancora pandemia ma sui «social» è pandemonio

Non è ancora pandemia ma sui «social» è pandemonio

 
Il commento
L'alfabeto imperfetto della tempesta perfetta

L'alfabeto imperfetto della tempesta perfetta

 
L'analisi
Restare uniti: l’esame di maturità per la politica

Restare uniti: l’esame di maturità per la politica

 
Il commento
La chiesa e il vocabolario del «metodo barese»

La chiesa e il vocabolario del «metodo barese»

 

Il Biancorosso

serie c
Bari, è cambiata la missione: un mese per blindare il secondo posto

Bari, è cambiata la missione: un mese per blindare il secondo posto

 

NEWS DALLE PROVINCE

Materal'iniziativa
Matera, davanti all'ospedale si pianta un albero per ogni bimbo nato

Matera, davanti all'ospedale si pianta un albero per ogni bimbo nato

 
Leccea Milano
Ospedale «Sacco»: una ricercatrice salentina nel team che ha isolato il ceppo italiano del Coronavirus

Ospedale «Sacco»: ricercatrice salentina nel team che ha isolato il ceppo italiano del Coronavirus

 
Baria poggiofranco
Bari, una 20enne ubriaca alla guida danneggia varie auto in sosta: denunciata

Bari, una 20enne ubriaca alla guida danneggia varie auto in sosta: denunciata

 
Foggianel Foggiano
Borgo Incoronata, lite per parcheggio condominiale, 2 famiglie si prendono a botte: interviene la polizia

Borgo Incoronata, lite per parcheggio condominiale, 2 famiglie si prendono a botte: interviene la polizia

 
TarantoNel Tarantino
Manduria, polizia denuncia un giovane senza patente: guidava un «Ciao» rubato 34 anni fa

Manduria, polizia denuncia un giovane senza patente: guidava un «Ciao» rubato 34 anni fa

 
Batcoronavirus
Trani, il sindaco dispone chiusura scuole per sanificazione

Bat, scuole chiuse per sanificazione

 
Brindisidai carabinieri
S.Pancrazio Sal., arrestato 46enne: aveva 86 dosi di cocaina

S.Pancrazio Sal., arrestato 46enne: aveva 86 dosi di cocaina

 

i più letti

L'analisi

I predoni della democrazia all’assalto dei Comuni

Tanti, troppi attentati ai danni dei sindaci. I primi cittadini sono oggi più che mai il terminale di un disagio

carabinieri

Le bombe, le lettere anonime, le minacce più o meno velate, certe altre volte schiaffi e sputi. È questa, per gli amministratori locali, una delle stagioni più plumbee. E non c'è da andare per il sottile se a far esplodere la bomba carta  siano i manovali della mafia o alcuni poveri balordi, se l'aggressore sia il disperato di turno che vuole un posto di lavoro piuttosto dell’imprenditore tangentista che sperimenta strade alternative alla tangente. I sindaci sono oggi più che mai il terminale di un disagio. Sono capri espiatori, trincee, simboli di ciò che voglio e non posso avere. E, nelle derive qualunquistiche, sono l'interpretazione di un potere, di un privilegio, di uno status, rappresentano un bersaglio a prescindere. 

n Puglia gli amministratori sotto attacco sono ormai, tristemente, una notizia quotidiana. Anche quelli dei piccoli e piccolissimi centri, dove ti domandi quali appetiti possano così violentemente divampare, sindaci che all'improvviso si ritrovano a fare i conti con sentimenti nuovi: la paura, ovvio, ma anche lo smarrimento (cosa faccio  ora?) e lo stupore. Lo ha raccontato con estrema sincerità Antonio Decaro: appena eletto sindaco di Bari - siamo nel 2014 -  se ne va a Palazzo di città e lì trova un uomo con l’inferno negli occhi e due taniche di benzina nelle mani. «Ma perché vuoi darti fuoco?» gli chiede, empatico,  nel tentativo di salvarlo dal destino fatale del suicidio pubblico. Ma l’uomo risponde: «Veramente voglio dare fuoco a te!». Cosa fai quando un perfetto sconosciuto ti è davanti pronto a incendiarti  e tu non sai nemmeno chi è, quale sia la sua storia, se sia un delinquente o un poverocristo? E sai che anche lui non sa bene tu chi sia e quale sia la tua storia, eppure ti odia così intensamente da volerti perfino uccidere. 
Ma torniamo sul «cosa faccio ora?». Ed è evidente che l’unica cosa da fare è chiedere aiuto, spezzare l’emozione solitaria della minaccia, andare all’esterno, scendere in piazza. Fiaccolate, cortei, sit in non sono retorica, ma la risposta collettiva ai mittenti di bombe e lettere anonime, sono un rituale necessario. A Bitonto, uno dei luoghi più esplosivi d’Italia, subito dopo l’installazione delle luminarie antimafia, qualcuno (i clan? i vandali?) hanno spaccato la targa con le parole di Peppino Impastato. A Foggia, dopo il corteo antimafia, le bombe sono tornate a deflagrare. Un braccio di ferro, sì, ma è impossibile mollare la presa.

Anche perché nella solitudine, nell’isolamento, nella paura, gli amministratori locali possono arrendersi e gettare la spugna. Anche in questa luce va interpretato l’aumento di comuni sciolti per infiltrazioni mafiose. Chiaro: non abbiamo nessuna intenzione di diluire le responsabilità, di giustificare o leggere in maniera miope le realtà territoriali. Ci sono anche amministratori cialtroni e sindaci malavitosi. C’è chi si fa corrompere, chi ricatta, chi ha bisogno di voti «facili», chi utilizza scorciatoie. Nel senso che non tutti gli amministratori locali sono eroi borghesi , ma è verosimile che qualcuno si arrenda per paura, che ceda a interessi più alti, a ingerenze e pressioni, perché ritiene di essere solo. La risposta è culturale, dunque. Nessun compromesso e nessuna esitazione. E alle bombe, alle auto date alle fiamme, ai proiettili recapitati in buste anonime si risponde tutti insieme, come un unico corpo, un’unica anima.

C’è infine da separare la mafia dalla disperazione, sebbene il risultato finale (la devastazione, lo scompiglio, il danno morale e materiale) possa essere lo stesso. La criminalità organizzata deve fare profitto e per farlo usa tutti i mezzi illeciti possibili, nutrendosi della paura e della destabilizzazione sociale, della debolezza. La disperazione è altro e per certi versi è paradossalmente più difficile da intercettare e combattere, perché se hai davanti un uomo che ti odia per quello che potenzialmente rappresenti, potresti non avere le armi giuste per difenderti. La disperazione è la mancanza di lavoro, lo sfratto, la fame, il bisogno. Ma anche su questo fronte, in fondo, i sindaci sono impotenti.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie