Mercoledì 12 Agosto 2020 | 17:26

NEWS DALLA SEZIONE

Il punto
Perché quei ragazzi senza mascherine

Perché quei ragazzi senza mascherine

 
L'EDITORIALE
Due questioni da risolvere per salvare tutta l'Italia

Due questioni da risolvere per salvare tutta l'Italia

 
L'ANALISI
La scommessa delle elezioni

La scommessa delle elezioni

 
L'EDITORIALE
Dalle mani sulla città alle mani sullo Stato

Dalle mani sulla città alle mani sullo Stato

 
La riflessione
Se anche Sarah Scazzi finisce in una fiction

Se anche Sarah Scazzi finisce in una fiction

 
Il commento
L'importanza di chiamarsi Andrea Pirlo (nato maestro)

L'importanza di chiamarsi Andrea Pirlo (nato maestro)

 
L'ANALISI
L’insostenibile leggerezza dell’essere incoscienti

L’insostenibile leggerezza dell’essere incoscienti

 
Il lutto
Franca Valeri, un monumento: addio all’attrice che aveva appena compiuto 100 anni

Franca Valeri, un monumento: addio all’attrice che aveva appena compiuto 100 anni

 
L'ANALISI
La fame di sapere alimentò il miracolo economico

La fame di sapere alimentò il miracolo economico

 
Analisi
Zona pedonale, zona assediata a Santo Spirito

Zona pedonale, zona assediata a Santo Spirito

 
Editoriale
Tagliate, tagliate i rami bicamerali qualcosina (non) resterà

Tagliate, tagliate i rami bicamerali qualcosina (non) resterà

 

Il Biancorosso

serie C
Vivarini, Auteri e i «due» Bari

Vivarini, Auteri e i «due» Bari: grandi cambi o tanta fantasia

 

NEWS DALLE PROVINCE

FoggiaIl furtto
Gargano, rubano soldi e documenti a coppia di turisti della Repubblica Ceca

Gargano, rubano soldi e documenti a coppia di turisti della Repubblica Ceca

 
TarantoI dati del 2020
Mittal, la denuncia del comitato difesa salute: «Ai Tamburi raddoppio di benzene nell'aria»

Mittal, la denuncia del comitato difesa salute: «Ai Tamburi raddoppio di benzene nell'aria»

 
BariLA GAZZETTA NEI BAR
La partita in tv, un caffè e la Gazzetta

La partita in tv, un caffè e la Gazzetta

 
Bati fatti nel 2018
Trani, rapinarono e sequestrarono un autotrasportatore: arrestati padre e figlio

Trani, rapinarono e sequestrarono un autotrasportatore: arrestati padre e figlio

 
Leccenel basso salento
Gagliano del Capo, si intrufola in casa di una donna e tenta di violentarla: arrestato

Gagliano del Capo, si intrufola in casa di una donna e tenta di violentarla: arrestato

 
BrindisiTRAGEDIA
Brindisi, scontro auto-scoote: muore motociclista 51enne

Mesagne, scontro auto-scooter: muore motociclista 51enne

 
PotenzaIL CASO

Aiuti alle imprese colpite da crisi: c'è un caso Viggiano, il sindaco prende i soldi del bando comunale

 
MateraNel Materano
Policoro, gasolio venduto illecitamente: 8 indagati

Policoro, gasolio venduto illecitamente in stazione di servizio «abusiva»: 8 indagati

 

i più letti

L'editoriale

La politica internazionale torna a influire sui patti interni

E' di nuovo l’Europa a far tremare Palazzo Chigi. Il Pd non è intenzionato a sabotare il Fondo salva-Stati

Tre proposte gelide verso l'Europa

Sarà che l’Italia, attraverso i suoi governi, è l’unica nazione a snobbare la politica estera, sta di fatto che la politica estera è affamata di rivincite. Infatti, i governi ballano più per le vicende e le questioni esterne che per i problemi interni. Né serve a stemperare la tensione il fatto che l’attuale ministro degli Esteri non ama andare in giro per il mondo, preferendo, invece, stazionare nell’Urbe e nella Penisola. La politica estera, che è legata alla politica economica come il ramo al tronco, non concede tregue, perché inchioda ciascuno alle proprie responsabilità.
Non a caso un tempo era la politica estera a determinare e disegnare le alleanze di governo e di opposizione. C’erano i due blocchi ideologici e militari.

Ci si contava e ci si sceglieva sulla base delle appartenenze alle due sfere (Est ed Ovest). Finita la stagione della conflittualità permanente tra America e Unione Sovietica, pareva che le future alleanze interne agli Stati si sarebbero formate su altri temi e progetti condivisi, anziché sulla tradizionale politica internazionale.
Qualcuno ci ha provato, specie in Italia, a ignorare le questioni e i rapporti d’oltre confine. Ma, poi, la politica estera che, come non si stancava mai di ripetere Alcide De Gasperi (1881-1954), era e rimane la politica-politica per antonomasia, ha presentato il conto, anche se sotto forma di impegni economici più che militari (come avveniva in passato).


Se un tempo era il duello Usa-Urss a imporre posizionamenti, alleanze e strategie ai partiti italiani, adesso è soprattutto l’Europa, o meglio l’Unione Europea, a comporre o scomporre le coalizioni. Fu l’anti-europeismo il mastice del primo governo Conte, vicepresieduto da Luigi Di Maio e Matteo Salvini. Fu la rottura sul fronte europeo (i grillini appoggiarono la candidatura della tedesca Ursula von der Leyen alla guida della commissione esecutiva), la causa originaria del divorzio tra Lega e M5S, poi sfociata nel battesimo del secondo governo Conte, appoggiato da grillini, dem, renziani e Liberi e uguali.


Adesso è di nuovo l’Europa a far tremare Palazzo Chigi. Il Pd non è intenzionato a sabotare il Fondo salva-Stati, anzi non vede l’ora che l’accordo sia approvato. Il M5S, invece, attraverso il suo capo politico Di Maio, non ha alcuna voglia di accodarsi al resto della comitiva continentale, non foss’altro perché non vuole lasciare, in proposito, campo libero a Salvini che, dopo aver fatto incetta di voti cavalcando la protesta contro gli immigrati, vuole ora raggiungere il pienone di consensi agitando la bandiera della sovranità nazionale contro la (presunta) fregatura sui risparmi che l’Europa e la Germania vorrebbero rifilare all’Italia.
Non a caso maligni e retroscenisti, a giorni alterni, non escludono un possibile ritorno di fiamma tra i due vicepremier del primo esecutivo Conte. che, com’è noto, fino alla designazione del numero uno dell’eurocommissione, erano divisi pressoché su tutto, ad eccezione della linea sull’Europa.


Ieri, il portoghese Mario Centeno, presidente dell’Eurogruppo, ha gelato il governo italiano, escludendo qualsiasi ritocco al trattato sul Mes (meccanismo europeo di stabilità). Il che potrebbe rendere ancora più complicata la convivenza tra Pd e M5S, visto che Di Maio non accetta il Fondo salva-Stati nella versione circolata finora (Salvini non l’accetta a prescindere) mentre il Pd è favorevole.
Insomma. Si giocherà sull’Europa, com’è inevitabile, l’avvenire del governo e della legislatura. Salvini ha sistemato in secondo piano il tema dell’immigrazione, e ha messo al primo posto l’ostilità al Fondo salva-Stati, a suo giudizio una sorta di creatura demoniaca per gli interessi italiani. Di Maio, per non farsi spiazzare su questo terreno, ha rilanciato l’antico repertorio anti-europeista del M5S, anche a costo di irritare chi, come Beppe Grillo, ritiene irreversibile l’alleanza con il Pd di Nicola Zingaretti.
Qual è il pericolo? Il pericolo è che a furia di alzare la voce la partita sull’Europa sfugga a ogni remora, e che in un’atmosfera sempre più elettorale lo scetticismo sull’Unione di Bruxelles si trasformi in una sua palese scomunica. Con buona pace del sogno dei De Gasperi e con la soddisfazione di quanti propugnano un’Italexit dopo la Brexit.

detomaso@gazzettamezzogiorno.it

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie