Domenica 31 Maggio 2020 | 00:29

NEWS DALLA SEZIONE

L'ANALISI
Al di là di ogni verdetto quelle urla inascoltate

Al di là di ogni verdetto quelle urla inascoltate

 
il commento
Se l’invito alla speranza arriva da BankItalia

Se l’invito alla speranza arriva da BankItalia

 
L'analisi
I signori della rete nel recinto dell’odio

I signori della rete nel recinto dell’odio

 
Il punto
America di ieri. Europa di oggi

America di ieri. Europa di oggi

 
La riflessione
Tornate da Nord a studiare nelle università del vostro Sud

«Ragazzi tornate dal Nord a studiare nelle università del vostro Sud»

 
L'Editoriale
Così regolati così sregolati il pandemonio della pandemia

Così regolati, così sregolati: il pandemonio della pandemia

 
Settembre poi verrà ma senza lezioni a distanza

Settembre poi verrà ma senza lezioni a distanza

 
Il commento
Non come eravamo prima ma come saremo dopo

Non come eravamo prima ma come saremo dopo

 
L'editoriale
rda i giorni della Storia

Porre fine alla guerra fredda Stato-Regioni

 
L'EDITORIALE
Se l’effetto del virus uccide il ceto medio

Se l’effetto del virus uccide il ceto medio

 
LA SCOMMESSA
Beppe Macchione

Gazzetta, la prospettiva di bene storico culturale

 

Il Biancorosso

Calcio
Bari in campo a luglio per lo sprint e la B è un sogno di mezza estate

Bari in campo a luglio per lo sprint e la B è un sogno di mezza estate

 

NEWS DALLE PROVINCE

MateraArte
Fase 2 a Matera, riaprono i siti delle chiese rupestri nei Sassi

Fase 2 a Matera, riaprono i siti delle chiese rupestri nei Sassi

 
Bariemergenza coronavirus
Fase 2 a Bari, Decaro incontra e ringrazia i volontari: «Siete la nostra forza»

Fase 2 a Bari, Decaro incontra e ringrazia i volontari: «Siete la nostra forza»

 
TarantoIl siderurgico
Arcelor Mittal, parlamentari M5s: «Chiarire rinvio prescrizione Aia»

Arcelor Mittal, parlamentari M5s: «Chiarire rinvio prescrizione Aia»

 
LecceIndustria
L’automotive riparte dopo tre mesi si punta su tecnologie ibride ed elettriche

L’automotive riparte dopo tre mesi si punta su tecnologie ibride ed elettriche

 
FoggiaLa lite
San Severo, poliziotto aggredito e preso a calci nei genitali da 3 ragazzi

San Severo, poliziotto aggredito e preso a calci nei genitali da 3 ragazzi

 
BariTemporali
Maltempo Puglia

Puglia e Basilicata, maltempo da brividi: prima la shelf cloud e poi la maxi grandinata

 
Batl'ordinanza
Foggia, partecipò a rapina in Emilia, arrestato capoclan di Trinitapoli

Foggia, partecipò a rapina in Emilia, arrestato capoclan di Trinitapoli

 
BrindisiLa decisione
Fase 2, sindaco di Brindisi frena sulla movida: locali chiusi a mezzanotte

Fase 2, sindaco di Brindisi frena sulla movida: locali chiusi a mezzanotte

 

i più letti

L'analisi

L'irresistibile tentazione di colpire il merito

Come fa un giovane brillante e ambizioso a rimanere in un Paese che giudica il merito come una colpa, tanto è vero che lo scoraggia o lo tassa (è uguale) con la voluttà di una pornostar

L'andirivieni in Europa tra Italia e italiani

Giuseppe De Tomaso

E poi ci si meraviglia se quasi tutti i ragazzi più bravi scappano all’estero. E poi ci si chiede come mai l’Italia non presti attenzione, come si deve, alla sua borghesia delle professioni. Come fa un giovane brillante e ambizioso a rimanere in un Paese che giudica il merito come una colpa, tanto è vero che lo scoraggia o lo tassa (è uguale) con la voluttà di una pornostar? Guai a studiare in Italia, si rischia di fare carriera con le proprie qualità, il che potrebbe comportare, per gli sfortunati sgobboni, l’ingresso nel club dei «ricchi», fascia tributaria da falcidiare senza pietà, prima appesantendo la progressività dell’imposizione fiscale e poi eliminando anche il più piccolo sconticino in occasione della dichiarazione dei redditi.

Per non dire di tutti quei sostanziosi benefit elargiti a evasori e imboscati, solo perché abili a mimetizzarsi nelle fasce di reddito più modeste.

Allora. Come si fa a convincere un giovane di belle speranze a restare nella Penisola, quando già il presente e, figuriamoci, il futuro lo sconsigliano vivamente? Eppure la litania non cambia: bisogna mettere i neolaureati nelle condizioni di non scappare all’estero o tutt’al più bisogna metterli nelle condizioni di tornare al più presto. Bisogna dare loro una prospettiva.

Finora, era soprattutto il Mezzogiorno d’Italia il serbatoio del Grande Esodo. Ora il fuggi-fuggi giovanile si va imponendo anche al Nord. Nell’Italia ricca solo due neolaureati su dieci in materie scientifiche si sistemano in zona. Il resto (otto su dieci), come dimostra il report presentato dalla Fondazione Leone Moressa, cerca e trova occupazione oltre frontiera.

Che qualcuno possa o voglia fuggire dal Mezzogiorno ci sta. Qui il lavoro latita e quando c’è non è di facile aggancio, se l’aggancio non è quello giusto. E meno male che c’è il sole, oltre al cibo straordinario, altrimenti il Meridione si ritroverebbe forse più buio (oltre che desertificato) del lato nascosto della Luna.

Ma che qualcuno possa o voglia fuggire dal Settentrione che pure presenta aree industriali da primato mondiale, beh la cosa è assai più sorprendente e genera altri interrogativi. Anche se la classe politica non sembra particolarmente preoccupata.

Perché, allora, la Grande Fuga dei cervelli vede addirittura in testa la straricca Lombardia? Di sicuro all’estero vengono offerte ai giovani italiani prospettive di lavoro meno precarie e più redditizie. Il che è sotto gli occhi di tutti.

Ma questa risposta non basta a spiegare una fuoriuscita di massa, di proporzioni bibliche. Gli è che, dappertutto, i giovani più intraprendenti hanno fiutato l’aria: in Italia guai a studiare e lavorare di più, guai a emergere, guai a cercare di guadagnare ancora, le fregature e gli incentivi sono in agguato, l’egualitarismo una volta ideologico e adesso clientelare è così profondo che nessun attrezzo riuscirebbe mai a estirparlo. Di conseguenza, meglio espatriare, così non si corre il pericolo di aggiungere al danno la beffa: la beffa di una tassazione punitiva verso i più volenterosi e laboriosi, colpevoli di consegnare il 60 per cento delle loro entrate al Fisco, oltre che di pagare la contribuzione anche per quelli che non scuciono un euro.

Togliere le detrazioni fiscali (su salute eccetera) ai presunti ricchi equivale ad aumentare il carico impositivo nei loro confronti.

Togliere le detrazioni ai presunti ricchi è altamente diseducativo, dal momento che disincentiva tutti a impegnarsi e a progredire di più: perché dovrei dare l’anima sul lavoro se rischio persino di ridurmi, così facendo, lo stipendio mensile?

Poco più dell’uno per cento dei contribuenti, in Italia, dichiara di guadagnare più di 120mila euro lordi l’anno. Possibile che siano così pochi, alla luce di tutti i macchinoni che circolano per le strade e di tutti i ristoranti chic mai in crisi? La verità è che quell’uno per cento di contribuenti oltre i 120mila euro sta in regola con il Fisco mentre i veri ricchi sfuggono ad ogni radar e se ne impippano di ogni crociata anti-evasione. Tanto, nessuno li tocca o li scova.

Invece, cosa fanno da sempre tutti i nostri bravi governanti? Torchiano con malcelata libidine proprio quell’uno per cento di fedeli alla causa della legge e della legalità. Così, costoro, imparino la lezione e la smettano con le fisime della trasparenza e della sincerità fiscale, e si industrino invece a studiare tutte le scappatoie e scorciatoie in grado di aggirare le norme.

Lo Stato, attraverso i detentori del Potere, vuole e ama presentarsi spesso come il Grande Educatore (termine di per sé già piuttosto inquietante, tipico di uno Stato Etico). Nei fatti, invece, agisce come il Grande Diseducatore, come colui che da un lato emana proclami ed editti contro le frodi fiscali e dall’altro crea le condizioni perché l’evasione si estenda all’infinito, e perché anche i risparmi più blandi scappino all’estero insieme con i ragazzi più promettenti e dinamici di Nord e Sud.

Giuseppe De Tomaso
detomaso@gazzettamezzogiorno.it 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie