Domenica 18 Agosto 2019 | 11:03

NEWS DALLA SEZIONE

Estate
Se la città di San Nicola fa Ferragosto con i turisti

Se la città di San Nicola fa Ferragosto con i turisti

 
La mostra
C'erano le grandi firme sui tasti di una volta

C'erano le grandi firme sui tasti di una volta

 
L'editoriale
Quel faro del Quirinale nella crisi più anomala

Quel faro del Quirinale nella crisi più anomala

 
Il punto
Morti e feriti sulle strade come una guerra

Morti e feriti sulle strade come una guerra

 
L'analisi
Quella fretta di dare subito la parola agli elettori

Quella fretta di dare subito la parola agli elettori

 
La riflessione
Le vacanze rovinate dei parlamentari a Roma

Le vacanze rovinate dei parlamentari a Roma

 
L'analisi
Nuove sfide «mo’ vediamo» contro «mo’ votiamo»

Nuove sfide «mo’ vediamo» contro «mo’ votiamo»

 
L'analisi
Questa volta la forma diventa sostanza

Questa volta la forma diventa sostanza

 
L'analisi
Ma a Taranto e Xylella adesso chi ci pensa?

Ma a Taranto e Xylella adesso chi ci pensa?

 
La riflessione
L'agosto dei ritorni poi al Sud il silenzio

L'agosto dei ritorni poi al Sud il silenzio

 
L'analisi
Un finale annunciato ma sempre rimandato

Un finale annunciato ma sempre rimandato

 

Il Biancorosso

Sport
Bari calcio, boom per gli abbonamenti: superati i 5mila tesserati

Bari calcio, boom abbonamenti: superati i 5mila tesserati

 

NEWS DALLE PROVINCE

PotenzaIl caso
Castelmezzano, Rubano offerte in chiesa: messi in fuga da 2 parrocchiani

Castelmezzano, Rubano offerte in chiesa: messi in fuga da 2 parrocchiani

 
TarantoIl contenzioso
Porticciolo S. Francesco, il Tar condanna il Comune: pagherà 1,5 mln

Porticciolo S. Francesco, il Tar condanna il Comune di Taranto: pagherà 1,5 mln

 
NewsweekVacanze vip
Gallipoli, attracca al porto lo yacht dell’emiro del Qatar

Gallipoli, attracca al porto lo yacht dell’emiro del Qatar

 
FoggiaI controlli
Foggia, lavoro nero nei lidi: «Il contratto? E chi l'ha visto?»

Foggia, lavoro nero nei lidi: «Il contratto? E chi l'ha visto?»

 
BatL'iniziativa il 22 agosto
Bisceglie dedica a Leopardi la scalinata dell'Infinito

Bisceglie dedica a Leopardi la scalinata dell'Infinito

 
BariLa denuncia di Radicali e Penalisti
«Bari ha bisogno di un nuovo carcere»: solo 299 posti, mai i detenuti sono 428

«Bari ha bisogno di un nuovo carcere»: solo 299 posti, mai i detenuti sono 428

 
MateraTragedia nel Materano
Metaponto, donna annega mentre fa il bagno: forse un malore

Metaponto, donna annega mentre fa il bagno: grave la figlia di 6 anni

 
BrindisiNel Brindisino
Mesagne, struttura ospitava anziani malati senza autorizzazioni: chiusa

Mesagne, struttura ospitava anziani malati senza autorizzazioni: chiusa

 

i più letti

La riflessione

Ma più i due soci litigano più si allontana l’ombra del voto

Intanto si avvicina l’ora della vera resa dei conti: la stesura della legge di bilancio, con il relativo braccio di ferro su Flat Tax, varie ed eventuali

Lega - 5 stelle una tregua fondata sugli equivoci

Luigi Di Maio (M5s), 31 anni, e Matteo Salvini (Lega), 45 anni

Spesso in politica i tempi sono più importanti dei programmi. Quasi certamente la storia della Prima Repubblica avrebbe preso un’altra direzione se Bettino Craxi (1934-2000), segretario del partito socialista, avesse staccato la spina alla legislatura nel 1991 anziché attenderne la fine naturale (1992). Craxi indugiò, pur essendosi verificate condizioni a lui favorevoli per il voto anticipato. Nel frattempo scattò l’inchiesta Mani Pulite, i cui effetti, per i partiti al governo, non tardarono a manifestarsi, innanzitutto sul piano elettorale.
I leader politici sono per natura ottimisti. Quando hanno il vento in poppa, sono convinti che la bonaccia durerà in eterno. D’altronde, se non fossero ottimisti, capi-partito e capi-corrente non farebbero il mestiere che fanno.

Ma la politica sfugge, addirittura più dell’economia, a tutti i tentativi di pianificazione umana. L’inatteso è sempre in agguato, mentre l’inevitabile a volte è evitabile. Ergo: molto meglio pentirsi per un’accelerazione non del tutto vantaggiosa che per una frenata che sa di ritirata.
È da quasi un anno che i sondaggi premiano la Lega salviniana, tanto da associarla a percentuali elettorali di poco inferiori al 40 per cento. Un altro condottiero, al posto di Matteo Salvini, forse avrebbe forzato la mano, con l’obiettivo di trasformare in seggi il potenziale elettorale attribuito al Carroccio dagli istituti demoscopici. Salvini, invece, ha preferito placare i bollenti spiriti (già in azione tra i suoi) per giurare eterna fedeltà al governo Conte. Si dice che Salvini volesse e voglia lucrare il massimo da una situazione di comodo: il potere vero a lui, capo della Lega; il potere formale a Giuseppe Conte, capo del governo; il potere apparente a Luigi Di Maio, guidatore, ma non padrone del M5S. Si dice anche che Salvini temesse le mosse del Colle, cioè di Sergio Mattarella, che avrebbe potuto mettersi di traverso di fronte alla richiesta di scioglimento delle Camere e, di coseguenza, mandare all’aria la manovra leghista.
Può essere. Può essere che questi timori di Salvini fossero ampiamente giustificati. Ma la politica è il campo del rischio. Non ci sono polizze assicurative, tanto meno garanzie assolute. Epperò, un politico che non rischia è come un tennista che non sa scendere a rete a raccogliere il punto: un tennista a metà.
Poteva pure accadere nei mesi scorsi che lo strappo di Salvini non provocasse la fine della legislatura, ma di sicuro quello strappo non avrebbe dovuto affrontare i problemi odierni, qualora il Capitano della Lega dovesse decidere di stracciare il contratto con Luigi Di Maio.

Fino alla scorsa primavera non si ipotizzava un riavvicinamento tra M5S e partito democratico, né si metteva in discussione, nel Movimento, la figura del capo politico Di Maio. Adesso, dopo il deludente (per il M5S) voto europeo a maggio, Di Maio non è più il dominus assoluto dei grillini, Fico e Di Battista premono per un fidanzamento con la sinistra e il grosso delle truppe pentastellate è disposto a mille soluzioni pur di salvare la legislatura e lo scranno parlamentare. Di conseguenza, se Salvini optasse per la rottura della maggioranza e piazzasse sul tavolo del Quirinale la richiesta di voto anticipato, probabilmente non riuscirebbe nel suo intento e si ritroverebbe a fronteggiare un governo tecnico, alternativo, sostenuto da tutti i «volenterosi» contrari al proprio ritorno a casa. Senza considerare, poi, i possibili sviluppi del Russia-gate che qualche grattacapo (eufemismo) stanno provocando al ministro dell’Interno.
«Vendi e pentiti», suggerivano molti grandi vecchi della Borsa ai neofiti del mercato azionario. Della serie: meglio accontentarsi sùbito del minimo garantito, anche a costo di dover pentirsi in caso di rialzo ulteriore dei titoli quotati, che perdere l’intera posta.

La raccomandazione per gli investimenti in Borsa potrebbe essere estesa anche all’attività politica, anche se, come abbiamo visto, la nomenklatura partitica è, tutta, refrattaria alle lezioni del passato, oltre che sorda alle sollecitazioni del presente.
Sta di fatto che oggi, nonostante il favore dei sondaggi, Salvini si ritrova per la prima volta sulla difensiva. Ha paura di rompere perché il M5S potrebbe accasarsi con Nicola Zingaretti. Ha paura di rompere perché Mattarella potrebbe benedire questa soluzione. Ha paura di rompere perché, anche in caso di elezioni anticipate, non sarebbe semplice, per lui, la fuoriuscita dallo stadio di isolamento, accresciutosi dopo la linea leghista sulle nomine in Europa. Ha paura di rompere perché l’inchiesta sui presunti fondi russi alla Lega potrebbe indurre gli altri a organizzare una mega-coalizione contro di lui.
Morale, sempre più paradossale. Più i due alleati (Di Maio e Salvini) litigano (praticamente su tutto, pure sulle virgole), più le elezioni si allontanano. Il che sarà l’ennesima prova dell’originalità della politica italiana, ma già adesso questa nuova dimostrazione di originalità viene pagata a caro prezzo: decisioni rinviate, investimenti congelati, governo senza molti margini di manovra, diffidenza da parte dei partner europei.
Intanto si avvicina l’ora della vera resa dei conti: la stesura della legge di bilancio, con il relativo braccio di ferro su Flat Tax, varie ed eventuali.
Crediamo che nessuno invidi Giuseppe Conte e soprattutto Giovanni Tria, ministro dell’economia.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie