Giovedì 20 Giugno 2019 | 07:38

NEWS DALLA SEZIONE

L'analisi
Tra spifferi e correnti terzo potere senza bussola

Tra spifferi e correnti terzo potere senza bussola

 
L'analisi
Se l’Italia si smarca da Bruxelles a Washington

Se l’Italia si smarca da Bruxelles a Washington

 
La riflessione
Sud, la nuova frontiera indicata dalle città

Sud, la nuova frontiera indicata dalle città

 
Il punto
Euro-trattativa e urgenza di ridurre le tasse

Euro-trattativa e urgenza di ridurre le tasse

 
L'analisi
Ripristiniamo l’autorità anche simbolica dell’insegnante

Ripristiniamo l’autorità anche simbolica dell’insegnante

 
Il punto
Cantieri da sbloccare? Tutti al Nord, nessuno al Sud

Cantieri da sbloccare? Tutti al Nord, nessuno al Sud

 
L'editoriale
Posseduta dal premier la «Golden Share» dell'esecutivo

Posseduta dal premier la «Golden Share» dell'esecutivo

 
L'analisi
L’italiano vuole cambiare ma preferisce lo status quo

L’italiano vuole cambiare ma preferisce lo status quo

 
La riflessione
Conquista lucana tentazione nazionale?

Conquista lucana tentazione nazionale?

 
L'analisi
È vero esiste un’altra Taranto

È vero esiste un’altra Taranto

 
La riflessione
I debiti vengono da lontano ma guai a farne altri

I debiti vengono da lontano ma guai a farne altri

 

Il Biancorosso

L'INTERVISTA
Dazn e il Bari anche in serie CFunziona l'accordo in televisione

Dazn e il Bari anche in serie C: funziona l'accordo in televisione

 

NEWS DALLE PROVINCE

GdM.TVSere d'estate
Bari, anziani e karaoke: così ci si diverte a Pane e Pomodoro

Bari, anziani e karaoke: così ci si diverte a Pane e Pomodoro

 
BatMaltrattamento di animali
Trani, cane trascinato da un'auto, Bottaro: «Bestia non la passerai liscia»

Trani, cane trascinato da un'auto, Bottaro: «Bestia non la passerai liscia»

 
PotenzaUdienza a dicembre
Potenza, sfruttavano prostitute (anche una minore): processo per 9

Potenza, sfruttavano prostitute (anche una minore): processo per 9

 
BrindisiNel Brindisino
La storia dell'olio evo pugliese nel museo di Torre Santa Susanna

La storia dell'olio evo pugliese nel museo di Torre Santa Susanna

 
FoggiaIl processo
Foggia, uccise la moglie a coltellate: condannato anche in appello all'ergastolo

Foggia, uccise la moglie a coltellate: condannato anche in appello all'ergastolo

 
LecceEnoturismo
Suoni e Sapori del Salento: a Otranto premi e degustazioni

Suoni e Sapori del Salento: a Otranto premi e degustazioni

 
TarantoArcelor Mittal
ArcelorMittal: «Se decreto crescita resta così, impossibile gestire stabilimento»

Ex Ilva, «Se dl crescita resta così, impossibile gestire stabilimento»

 
MateraL'operazione
Caporalato, sequestri per 7 milioni nel Materano

Caporalato, sequestri per 7 milioni nel Materano: 4 imprenditori indagati

 

i più letti

L'analisi

È vero esiste un’altra Taranto

Una Taranto libera da schiavitù vecchie (l'acciaio prima statale, poi Ilva ora ArcelorMittal) e nuove, almeno per i giorni del Medimex

Placebo al Medimex di Taranto (foto Todaro)

Placebo al Medimex di Taranto (foto Todaro)

TARANTO - Esiste un’altra Taranto: bella, vivace, animata di giovani e di turisti, piena di allegria e sgonfia di dolore, capace di sognare e sperare, di sentirsi cittadina del mondo e non trincea di morte e veleni. Una Taranto libera da schiavitù vecchie (l'acciaio prima statale, poi Ilva ora ArcelorMittal) e nuove, almeno per i giorni del Medimex, una Taranto capace di fare notizia per le foto di Patti Smith tra i venditori di cozze o a spasso per la città vecchia.

Vedere il cuore della città vivo sino a notte, pieno di pugliesi, italiani e stranieri rapiti dalla bellezza del lungomare e del suo straordinario tramonto, costituisce la migliore medicina possibile ad anni in cui da Taranto si solo è preso – valore, sudore, vita, gioventù – e portato altrove. Anche perché glielo abbiamo fatto fare, convinti che vittimismo e richiesta di assistenza alla fine avrebbero pagato come la storia tarantina più o meno recente insegna; perché lo ha consentito una classe politica spesso incapace e non lungimirante, alcune volte preda dell'egoismo più spicciolo, altre totalmente non in grado di incidere sulle scelte del Governo nazionale.

Il passato di Taranto non lo cambierà nessuno ma sul futuro bisogna lavorare tutti, nessuno escluso, facendo la propria parte, esprimendo i propri desideri, offrendo la propria idea di città, di riconversione e di sviluppo economico, lasciando quelle ormai sempre meno postazioni che garantiscono una rendita di posizione destinata o a scomparire o a restare in un contesto sempre più desertificato. Per anni l'immagine di Taranto è stata associata a veleni e morte. Una associazione giustificata dal processo per il disastro ambientale più grande d'Italia, dalle malattie (non passate) e dai lutti (non finiti), dalla contaminazione di un territorio che attende bonifiche e risposte chiare dallo Stato.

Il negazionismo non serve a niente e a nessuno ma si può, e si deve, cominciare a lavorare per un futuro nel quale la pacca sulla spalla o l'abbraccio di circostanza sia accompagnato dall'impegno concreto e tangibile perché non accada mai più. L'immagine della rockstar Patti Smith alle prese con le nostre cozze è emblematica: può costituire un formidabile volano turistico e commerciale per la nostra mitilicoltura a patto che ci sia la volontà di tutti gli attori del comparto di far sì che chi mangia le cozze di Taranto abbia la certezza intanto che siano di Taranto, e non importate da paesi vicini; e che siano allevate in luoghi sicuri per la salute. La stagione delle improvvisazioni, dei colpi di spugna, della superficialità, del benaltrismo ha prodotto enormi guasti, è arrivato il momento che vada in archivio definitivamente, per il bene nostro e dei nostri figli. Si può fare. Si deve fare.

(foto Todaro)

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie