Sabato 21 Settembre 2019 | 02:54

NEWS DALLA SEZIONE

L'analisi
La soluzione per il Sud? E' semplice e immediata

La soluzione per il Sud? E' semplice e immediata

 
L'analisi
Dalle tv ai giornali, i «pirati» fanno strage

Dalle tv ai giornali, i «pirati» fanno strage

 
Economia
L'autunno caldo delle tasche degli italiani

L'autunno caldo delle tasche degli italiani

 
L'analisi
L'assedio dei clan alle curve

L'assedio dei clan alle curve

 
L'editoriale
L'effetto proporzionale ha scatenato l'ex premier

L'effetto proporzionale ha scatenato l'ex premier

 
Il punto
Maggioranza e opposizione tra presente e futuro

Maggioranza e opposizione tra presente e futuro

 
L'analisi
Occasione Sud dopo il freno all’autonomia differenziata

Occasione Sud dopo il freno all’autonomia differenziata

 
L'analisi
Lo stile di vita europeo tra un danese e un pugliese

Lo stile di vita europeo tra un danese e un pugliese

 
Il punto
Dov’è il fantasma stramilionario

Dov’è il fantasma stramilionario

 
L'editoriale
Ora il sud si muove e reagisce ai danni

Ora il Sud si muove e reagisce ai danni

 
L'editoriale
Stabilità o crescita? Il compromesso Italia-Europa

Stabilità o crescita? Il compromesso Italia-Europa

 

Il Biancorosso

Il match di domenica
Bari, Schiavone out per derby con Francavilla

Bari, Schiavone out per derby con Francavilla

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariIl rapporto sanità
Umanizzazione ospedali, Bari sul podio con Santa Maria e San Paolo

Umanizzazione cure, Bari sul podio con Santa Maria e San Paolo

 
PotenzaLe assunzioni
Concorsi Arpab, assessore ai sindacati: non abbandonate il tavolo

Concorsi Arpab, assessore ai sindacati: non abbandonate il tavolo

 
FoggiaFinanziato dal Miur
Sanità, il robot «Mario» in corsia a Casa Sollievo: progetto di Exprivia

Sanità, la robotica in corsia e a casa: progetto di Exprivia

 
LecceUN 45enne
Racale, maltrattava la madre: dal divieto di stare a casa passa al carcere

Racale, maltrattava la madre: dal divieto di stare a casa passa al carcere

 
BrindisiDenunciato un uomo
Brindisi, usa abusivamente lampeggiante blu: «Lo facevo per l'autovelox»

Brindisi, usa abusivamente lampeggiante blu: «Lo facevo per l'autovelox»

 
MateraL'iniziativa
Matera 2019, un concerto fra i Sassi con il compositore della musica spettarla

Matera 2019, un concerto fra i Sassi con il compositore della musica spettarla

 
TarantoIl Riesame
Taranto, accolto ricorso ex Ilva: Altoforno 2 resterà acceso

Taranto, accolto ricorso ex Ilva: Altoforno 2 resterà acceso

 
BatL'inchiesta
Barletta, tangenti al carabinieri per l'appalto delle palazzina

Barletta, tangenti al carabinieri per l'appalto delle palazzine

 

i più letti

L'analisi

È vero esiste un’altra Taranto

Una Taranto libera da schiavitù vecchie (l'acciaio prima statale, poi Ilva ora ArcelorMittal) e nuove, almeno per i giorni del Medimex

Placebo al Medimex di Taranto (foto Todaro)

Placebo al Medimex di Taranto (foto Todaro)

TARANTO - Esiste un’altra Taranto: bella, vivace, animata di giovani e di turisti, piena di allegria e sgonfia di dolore, capace di sognare e sperare, di sentirsi cittadina del mondo e non trincea di morte e veleni. Una Taranto libera da schiavitù vecchie (l'acciaio prima statale, poi Ilva ora ArcelorMittal) e nuove, almeno per i giorni del Medimex, una Taranto capace di fare notizia per le foto di Patti Smith tra i venditori di cozze o a spasso per la città vecchia.

Vedere il cuore della città vivo sino a notte, pieno di pugliesi, italiani e stranieri rapiti dalla bellezza del lungomare e del suo straordinario tramonto, costituisce la migliore medicina possibile ad anni in cui da Taranto si solo è preso – valore, sudore, vita, gioventù – e portato altrove. Anche perché glielo abbiamo fatto fare, convinti che vittimismo e richiesta di assistenza alla fine avrebbero pagato come la storia tarantina più o meno recente insegna; perché lo ha consentito una classe politica spesso incapace e non lungimirante, alcune volte preda dell'egoismo più spicciolo, altre totalmente non in grado di incidere sulle scelte del Governo nazionale.

Il passato di Taranto non lo cambierà nessuno ma sul futuro bisogna lavorare tutti, nessuno escluso, facendo la propria parte, esprimendo i propri desideri, offrendo la propria idea di città, di riconversione e di sviluppo economico, lasciando quelle ormai sempre meno postazioni che garantiscono una rendita di posizione destinata o a scomparire o a restare in un contesto sempre più desertificato. Per anni l'immagine di Taranto è stata associata a veleni e morte. Una associazione giustificata dal processo per il disastro ambientale più grande d'Italia, dalle malattie (non passate) e dai lutti (non finiti), dalla contaminazione di un territorio che attende bonifiche e risposte chiare dallo Stato.

Il negazionismo non serve a niente e a nessuno ma si può, e si deve, cominciare a lavorare per un futuro nel quale la pacca sulla spalla o l'abbraccio di circostanza sia accompagnato dall'impegno concreto e tangibile perché non accada mai più. L'immagine della rockstar Patti Smith alle prese con le nostre cozze è emblematica: può costituire un formidabile volano turistico e commerciale per la nostra mitilicoltura a patto che ci sia la volontà di tutti gli attori del comparto di far sì che chi mangia le cozze di Taranto abbia la certezza intanto che siano di Taranto, e non importate da paesi vicini; e che siano allevate in luoghi sicuri per la salute. La stagione delle improvvisazioni, dei colpi di spugna, della superficialità, del benaltrismo ha prodotto enormi guasti, è arrivato il momento che vada in archivio definitivamente, per il bene nostro e dei nostri figli. Si può fare. Si deve fare.

(foto Todaro)

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie