Mercoledì 21 Agosto 2019 | 21:01

NEWS DALLA SEZIONE

L'analisi
Quell’inedita sfida a tre aspettando il Quirinale

Quell’inedita sfida a tre aspettando il Quirinale

 
L'analisi
Quaresime e resurrezioni nel mare d’agosto

Quaresime e resurrezioni nel mare d’agosto

 
La riflessione
Da bruco a farfalla così è cambiato Conte

Da bruco a farfalla così è cambiato Conte

 
L'analisi
La lezione di Machiavelli segna anche la politica pop

La lezione di Machiavelli segna anche la politica pop

 
L'analisi
Le parolacce al posto delle idee

Le parolacce al posto delle idee

 
L'editoriale
L'opposizione come incubo: il potere logora chi non ce l'ha

L'opposizione come incubo: il potere logora chi non ce l'ha

 
Estate
Se la città di San Nicola fa Ferragosto con i turisti

Se la città di San Nicola fa Ferragosto con i turisti

 
La mostra
C'erano le grandi firme sui tasti di una volta

C'erano le grandi firme sui tasti di una volta

 
L'editoriale
Quel faro del Quirinale nella crisi più anomala

Quel faro del Quirinale nella crisi più anomala

 
Il punto
Morti e feriti sulle strade come una guerra

Morti e feriti sulle strade come una guerra

 
L'analisi
Quella fretta di dare subito la parola agli elettori

Quella fretta di dare subito la parola agli elettori

 

Il Biancorosso

L'ANALISI
Bari, Antenucci il punto fermochi lo affiancherà domenica?

Bari, Antenucci il punto fermo, chi lo affiancherà domenica?

 

NEWS DALLE PROVINCE

PotenzaI controlli
Laghi di Monticchio, chiuso ristorante: aveva lavoratore in nero

Laghi di Monticchio, chiuso ristorante: aveva lavoratore in nero

 
TarantoDomenico Bello
Mottola, trovato morto dopo 9 giorni 32enne scomparso

Mottola, trovato morto dopo 9 giorni 32enne scomparso

 
MateraLe fiamme
Montescaglioso, incendio nei boschi domato con 20 lanci dei Canadair

Montescaglioso, incendio nei boschi domato con 20 lanci dei Canadair

 
BariTrasportato in codice rosso
Bari, bimbo di 3 anni scivola da scoglio e rischia di annegare: è grave

Bari, bimbo di 3 anni scivola da scoglio e rischia di annegare: è grave

 
LecceMusica
Notte Taranta, domani a Martano l'ultima tappa del festival itinerante

Notte Taranta, con Aqp il Concertone sarà più green e plastic free

 
BrindisiPoi donato in beneficienza
Brindisi, pesce troppo piccolo: sequestrati 120 kg dalla Guardia Costiera

Brindisi, pesce troppo piccolo: sequestrati 120 kg dalla Guardia Costiera

 
BatL'operazione dei cc
Trani, trovato con una pistola e 1,5 grammi di cocaina: arrestato

Trani, trovato con una pistola e 1,5 grammi di cocaina: arrestato

 
FoggiaL'idea di due gelatai
Zapponeta, per preparare gelati usano la bava di lumaca invece dell’acqua

Zapponeta, per preparare gelati bava di lumaca al posto dell’acqua

 

i più letti

La riflessione

Il laboratorio pugliese passa a conciliare i poli opposti

«L'assessore di una giunta “rossa” che professa voti per la lista più a destra d'Europa Eccoci in Puglia a ragionare come se nulla fosse sull'endorsement lanciato da Leo Di Gioia, titolare dell'Agricoltura nel governo Emiliano a Casanova (Lega)»

Regione puglia

Se fosse accaduto due, tre anni fa - ma in politica equivalgono ad un'era geologica - forse sarebbe diventato un caso nazionale: l'assessore di una giunta “rossa” che professa voti per la lista più a destra d'Europa E invece, eccoci qui, in Puglia (un tempo “laboratorio” della sinistra galoppante che sradicava la destra, moderata, di Tatarella), a ragionare come se nulla fosse sull'endorsement lanciato da Leo Di Gioia, titolare dell'Agricoltura nel governo Emiliano, a favore del candidato salviniano Massimo Casanova.
No, con la scelta di Di Gioia non c'entrebbero gli ombrelloni del Papeete beach, la spiaggia di Milano Marittima dove Salvini spesso va a prendere il sole in compagnia del candidato al Parlamento di Strasburgo, che ne è titolare.

Né la comunione d'intenti più volte manifestata dall'assessore con il ministro dell'Agricoltura, il salviniano Centinaio, con il quale ha condiviso l'altalena del decreto Xylella e gli incidenti di percorso (tanti, e tutti burocratici) sul famigerato decreto sull'emergenza gelate. Di Gioia, interpellato sul caso, rivendica con orgoglio la sua ascendenza di centrodestra, pur esercitando un ruolo di peso in un governo di centrosinistra, dicendosi pronto a giurare di avere pure la “benedizione” del presidente su tale modus operandi.
Nulla di cui scandalizzarsi, per carità. Viviamo in tempi nei quali gli alleati di governo, gialli e verdi, se le suonano di santa ragione su tutto e un minuto dopo tornano come se nulla fosse a professare unità d'intenti. E viviamo in tempi nei quali se provi a rispolverare quelle “vecchie” categorie di destra e sinistra sembra quasi che stai pronunciando una bestemmia. Ma qualche domanda, se possibile, sarebbe lecito porsela ogni tanto. E magari chiedersi come sia possibile per il “ministro” di un governo regionale che guarda al rispetto dei conti pubblici e alla piena spesa europea come una missione strategica conciliare questa visione con quella di un partito che, invece, in Europa vuole andarci proprio per fare il contrario, ovvero far saltare i vincoli e i paletti imposti dall'Unione e rivoltarne le regole come un calzino. E, ancora, chiedersi come sia possibile conciliare l'azione di un governo regionale, di cui Di Gioia è autorevole esponente, che ha votato una legge contro l'omotransfobia in Puglia con quella della Lega in Europa, il cui leader ha voluto per legge ripristinare sulle carte d'identità la dicitura “padre” e “madre” in un contestatissimo decreto?

La lista delle domande potrebbe continuare, ovviamente, ma - come si diceva – non sono più di “moda” in tempi come questi. Tempi che sembrano calzare perfettamente a Di Gioia, cresciuto da militante in An, poi approdato da destra al Popolo della Libertà e quindi assessore nei governi Vendola ed Emiliano alla testa di una civica di centrosinistra. Lista che il prossimo 26 maggio – lo stesso giorno in cui Di Gioia voterà per Casanova all'Europarlamento – lo porta candidato a Foggia col centrosinistra. Si dirà ancora: le dinamiche territoriali non c'entrano nulla con l'Europarlamento. Ma cosa accadrà al Nostro, e ai tanti come lui che governano in esecutivi di colore opposto a quello per cui votano, quando le direttive europee andranno calate sul territorio? Insomma, tanto per fare un esempio, si potrà sfilare a Foggia per il “gay pride” insieme al presidente della Regione nel mentre l'Europa di Salvini e Orban chiederanno il solo riconoscimento delle famiglie naturali?
Infine, una circostanza che, in queste ore, sta facendo riflettere sia sostenitori che detrattori del presidente Emiliano. Non è che questa storia di pescare dal polo opposto, ovvero cooptare ex di destra in ruoli apicali nella Regione di sinistra, rischia di rivelarsi un “boomerang”? Chi di trasversalismo ferisce, di trasversalismo perisce?

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie