Mercoledì 22 Maggio 2019 | 04:49

NEWS DALLA SEZIONE

L'analisi
Una manovra di dolori può richiamare i professori

Una manovra di dolori può richiamare i professori

 
L'analisi
Domenica un voto metà italiano metà europeo

Domenica un voto metà italiano metà europeo

 
L'analisi
Cari giovani del Sud che vi fanno scappare

Cari giovani del Sud che vi fanno scappare

 
L'analisi
Sud ancora più povero senza i soldi dell’Europa

Sud ancora più povero senza i soldi dell’Europa

 
Il punto
Foggia retrocesso 2 volte: un golpe antisportivo da «repubblica delle banane»

Foggia retrocesso 2 volte: un golpe antisportivo da «repubblica delle banane»

 
La riflessione
La strategia del drago nei porti della penisola

La strategia del drago nei porti della penisola

 
L'analisi
Liti continue in attesa del giudizio universale

Liti continue in attesa del giudizio universale

 
L'analisi
Comunicazione ossessiva più rischi per il Paese

Comunicazione ossessiva più rischi per il Paese

 
La lettera
Ministro Lezzi alla «Gazzetta»: «Sud, le risorse non si toccano»

Ministro Lezzi alla «Gazzetta»: «Sud, le risorse non si toccano»

 
La riflessione
Il miracolo di S. Nicola sul lungomare di Bari

Il miracolo di S. Nicola sul lungomare di Bari

 
L'analisi
Così tolgono al Mezzogiorno sia i figli che l’anima

Così tolgono al Mezzogiorno sia i figli che l’anima

 

Il Biancorosso

IL PAGELLONE
Di Cesare e Floriano campionato topPiovanello l'under più in palla

Di Cesare e Floriano campionato top
Piovanello l'under più in palla

 

NEWS DALLE PROVINCE

LecceIngenti danni
Lecce, a fuoco villa di candidato Lega gestore di una spiaggia

Lecce, a fuoco villa di candidato Lega gestore di una spiaggia

 
MateraL'incidente
Montescaglioso, contro tra auto e moto: un morto

Montescaglioso, scontro tra auto e moto: muore un 30enne

 
HomeLa decisione
Bari, figlio di 2 donne: giudice dà l'ok alla trascrizione dell'atto di nascita

Bari, figlio di 2 donne, i giudici: «Ok a trascrizione atto di nascita»

 
TarantoI tubi scambiati
Morirono in 8 per scambio tubi in ospedale: reato va in prescrizione

Castellaneta, 8 morti in ospedale: il reato va in prescrizione

 
BrindisiIl comizio
Ostuni, botta e risposta tra Salvini e i contestatori: «Torna a casa» «Voi fischiate noi lavoriamo»

Ostuni, botta e risposta tra Salvini e contestatori: «Torna a casa» «Voi fischiate noi lavoriamo»

 
PotenzaComando provinciale
Controlli dei Carabinieri, sei denunciati nel Potentino

Controlli dei Carabinieri, sei denunciati nel Potentino

 
HomeLa visita
Cagnano Varano, Trenta balla la tarantella con le ballerine del Gargano

Cagnano Varano, Trenta balla la tarantella con le ballerine del Gargano

 

i più letti

Il punto

La sicurezza sui binari non è un gioco d'azzardo

«Chi rilascia le autorizzazioni all’esercizio di una linea ferroviaria? Chi stabilisce se è sicura? Chi ha il potere, in caso contrario, di interrompere la circolazione? »

incidente ferroviario Bari Nord

Se Ferrotramviaria ha tenuto banco con carte truccate, la Regione aveva l’obbligo di intervenire. Il Tribunale di Trani ha richiamato proprio un precedente giurisprudenziale in materia di gioco d’azzardo motivando la decisione di accogliere la richiesta di alcune vittime della strage dei treni, secondo cui anche la Regione Puglia deve essere chiamata a rispondere di quanto avvenne a luglio 2016 fra Andria e Trani. Ma i treni non sono slot machine.
La decisione del collegio tranese, che ha dichiarato la Regione responsabile civile, non presuppone un accertamento di responsabilità. Ma tutto ruota attorno a un assunto ancora da dimostrare: che la Regione doveva vigilare e non lo ha fatto.

La questione della vigilanza sui sistemi di trasporto non è semplice né di poco conto: basti ricordare che al crollo del ponte Morandi, e ai tumultuosi annunci grilloleghisti dell’imminente revoca della concessione ad Autostrade ha fatto seguito il nulla più assoluto. Non esiste giustizia sommaria, nemmeno a fronte di una strage, e il processo di Trani dovrà appunto stabilire se - come ritiene l’accusa - i manager di Ferrotramviaria abbiano o no sottovalutato gli aspetti relativi alla sicurezza della circolazione, lasciando che si utilizzasse un sistema di controllo rodato ma antiquato (l’ormai notissimo «blocco telefonico», ovvero fischietto e paletta) invece di un qualche dispositivo elettronico per il quale in passato erano stati pure erogati finanziamenti pubblici.


Ma chi rilascia le autorizzazioni all’esercizio di una linea ferroviaria? Chi stabilisce se è sicura? Chi ha il potere, in caso contrario, di interrompere la circolazione? La legge affida questo ruolo agli organi ministeriali (all’epoca dei fatti l’Ustif, oggi - proprio dopo la strage della Andria-Corato, una agenzia formalmente indipendente), mentre le Regioni sono soltanto i committenti del servizio di trasporto: stabiliscono gli orari, la frequenza dei collegamenti, le tariffe e scelgono i gestori. L’ordinanza del Tribunale di Trani ha richiamato gli obblighi del gestore e quelli dell’Ansf (oggi Ansfisa), ma ha pure ritenuto che il contratto di servizio stipulato con Ferrotramviaria imponesse alla Regione il monitoraggio sui treni «aventi carattere di criticità» e «con specifico riferimento al loro livello di sicurezza». Insomma, secondo il Tribunale, in presenza di «criticità» la Regione avrebbe dovuto rescindere il contratto di servizio.


Il punto, però, è che la Regione non ha gli strumenti tecnici per occuparsi di sicurezza del trasporto: i suoi uffici hanno infatti le competenze in materia di programmazione dei servizi e di opere pubbliche, e gli ispettori - lo prevede il contratto - verificano la puntualità dei treni e la loro pulizia. E del resto, tra gli imputati del processo figurano proprio i dirigenti e i funzionari dell’Ustif (il vecchio ufficio del ministero che ha ceduto le competenze all’Ansf), proprio con l’accusa di non aver vigilato. Nessuna accusa è stata invece mossa alla Regione, né al livello tecnico né tantomento a quello politico, tanto che l’ente figura anche tra le parti offese: è stata danneggiata dal suo concessionario.
Sarà il processo, adesso, a dire come stanno le cose. Le vittime dell’assurdo incidente del 2016 hanno il diritto alla verità oltre che ai giusti risarcimenti, e - purtroppo va detto - a volte si ha la sensazione che i secondi siano più importanti della prima.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400