Sabato 23 Marzo 2019 | 07:14

NEWS DALLA SEZIONE

La riflessione
L’autonomia non fa cultura

L’autonomia non fa cultura

 
L'analisi
Via della seta, ma per il Sud via della beffa

Via della seta, ma per il Sud via della beffa

 
La riflessione
La metamorfosi del belpaese dalla Vlora alla Diciotti

La metamorfosi del Belpaese dalla Vlora alla Diciotti

 
L'analisi
Gli aiuti di Stato il credito e il paradosso tra i due diritti

Gli aiuti di Stato il credito e il paradosso tra i due diritti

 
la polemica
La Madonna della Pace salentina «plagiata» da una casa di moda tedesca

La Madonna della Pace salentina «plagiata» da una casa di moda tedesca

 
La riflessione
Matera, silenzio sui suoi ambasciatori di cultura locale

Matera, silenzio sui suoi ambasciatori di cultura locale

 
L'analisi
Quando a inquinare provvedevano i cavalli

Quando a inquinare provvedevano i cavalli

 
La riflessione
Un Paese tra medioevo e corti barocche

Un Paese tra medioevo e corti barocche

 
L'analisi
Il piano crescita e la campagna elettorale permanente

Il piano crescita e la campagna elettorale permanente

 
L'editoriale
Attenzione a non tifare per la decrescita infelice

Attenzione a non tifare per la decrescita infelice

 
L'analisi
Comincia su un treno la morte del Sud

Comincia su un treno la morte del Sud

 

Il Biancorosso

IL REBUS
Come sostituire Hamlili?Le soluzioni di Cornacchini

Come sostituire Hamlili?
Le soluzioni di Cornacchini

 

NEWS DALLE PROVINCE

BrindisiFino al 25 marzo
Brindisi, atti vandalici in scuola media: resterà chiusa per 4 giorni

Brindisi, atti vandalici in scuola media: resterà chiusa per 4 giorni

 
HomeLa foto
Scritta shock contro il vicepremier a Lecce: «Non sparare a Salve, spara a Salvini»

Scritta shock contro il vicepremier a Lecce: «Non sparare a salve, spara a Salvini»

 
FoggiaDopo i servizi di «Striscia»
Deliceto, percolato della discarica nel fiume: accuse di Regione e Ager

Deliceto, percolato della discarica nel fiume: accuse di Regione e Ager, violato il contratto

 
BariAmbiente
Sacchetti rifiuti, in 5 comuni baresi ritiro anche con tessera sanitaria

Sacchetti rifiuti, in 5 comuni baresi si ritireranno con tessera sanitaria

 
TarantoIl siderurgico
Taranto, Arcelor Mittal condannata per comportamento antisindacale

Taranto, AM condannata per comportamento antisindacale. Borraccino: «Sentenza storica»

 
PotenzaEnergia e polemiche
Basilicata, un colpo di coda sull’eolico raddoppiata la potenza

Basilicata, un colpo di coda sull’eolico raddoppiata la potenza

 
BatIl caso
Andria, vertenza Villa Gaia accuse e polemiche a colpi di carte bollate

Andria, vertenza Villa Gaia accuse e polemiche a colpi di carte bollate

 

Il punto

Basta! Diciamo No alla violenza contro le donne

«Circa la metà delle donne nell’Unione europea è stata vittima di molestie verbali, fisiche o online. Un terzo delle donne e delle ragazze a livello mondiale subisce violenze nel corso della vita»

violenza sessuale

Circa la metà delle donne nell’Unione europea è stata vittima di molestie verbali, fisiche o online. Un terzo delle donne e delle ragazze a livello mondiale subisce violenze nel corso della vita. Nel mondo, ogni anno, si sposano circa 12 milioni di ragazze di età inferiore a 18 anni: una ogni due secondi. L’eliminazione della violenza contro le donne e le ragazze è al centro dell’Agenda 2030 per lo sviluppo sostenibile. Almeno 200 milioni di donne e ragazze in 30 paesi hanno subito mutilazioni genitali femminili.
Basta alla mattanza delle donne. Il termine femminicidio - utilizzato per la prima volta nel 1976 dall’attivista sudafricana Diana Russel e diventato di utilizzo comune per designare una categoria criminologica specifica - bandito dalle cronache. Questo l’auspicio di tutti oggi 25 novembre «Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne» data incardinata nell’alfabeto della violenza contro le donne allorquando nel 1960 furono uccise le tre sorelle Mirabal, attiviste politiche della Repubblica Dominicana.


Per quello che attiene alla situazione attuale la Commissione europea in occasione della Giornata 2018 precisa che: «La violenza nei confronti delle donne è una grave violazione dei diritti umani, eppure è tuttora diffusa in tutto il mondo. L’idea che le molestie o le violenze inflitte alle donne siano normali e accettabili è sbagliata e deve cambiare. Spetta a tutti noi dire no, respingere apertamente gli atti di violenza o molestia, sostenere le vittime». In merito alla strategia per quello che attiene alla eliminazione della violenza contro le donne e le ragazze, fanno sapere da Bruxelles, che è «al centro dell’Agenda 2030 per lo sviluppo sostenibile. È un primo passo verso la pace e la sicurezza globali, una condizione indispensabile per la promozione, la protezione e il rispetto dei diritti umani, l’uguaglianza di genere, la democrazia e la crescita economica» e che «negli ultimi due anni abbiamo fornito a più di 1,5 milioni di ragazze e donne servizi di protezione e cura in casi di mutilazioni genitali femminili. Tremila comunità, comprendenti 8,5 milioni di persone, hanno pubblicamente annunciato che avrebbero abbandonato questa pratica. Per combattere i matrimoni di minori, l’Ue ha raggiunto più di 1,6 milioni di persone tramite iniziative volte a cambiare atteggiamenti e prassi riguardo ai diritti delle ragazze».


Come strumento operativo la Commissione europea gestisce la campagna «NON.NO.NEIN – Say no! Stop violence against women» attraverso la quale elargisce, dal 2016 alla fine del 2018, 15 milioni di euro di finanziamenti a Stati membri e il prossimo 4 dicembre ci sarà una conferenza ad alto livello. Anche l’iniziativa Spotlight, organizzata insieme alle Nazioni Unite, reagisce a tutte le forme di violenza contro donne e ragazze. Merita una menzione, inoltre, il piano d’azione dell’Ue sulla parità di genere 2016-2020 che si è prefissato l’ambizioso obiettivo di integrare tale dimensione nell’85 % di tutte le nuove iniziative dell’Ue entro il 2020 e la Convenzione del Consiglio d’Europa sulla prevenzione e la lotta contro la violenza sulle donne e la violenza domestica nota come la Convenzione di Istanbul.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400