Domenica 21 Ottobre 2018 | 11:56

NEWS DALLA SEZIONE

L'analisi
Cosa farà la Caritas se svanirà la povertà?

Cosa farà la Caritas se svanirà la povertà?

 
La riflessione
In ballo mille posti di lavoro nella crociata anti-giornali

In ballo mille posti di lavoro nella crociata anti-gior...

 
L'analisi
Lega - 5 stelle una tregua fondata sugli equivoci

Lega - 5 stelle una tregua fondata sugli equivoci

 
L'analisi
Per il Sud altri schiaffi: sarà l'ora di reagire?

Per il Sud altri schiaffi: è l'ora di reagire

 
L'analisi
«SCARTO» A 22 ANNI

«SCARTO» A 22 ANNI

 
La riflessione
Più poveri verie più poveri finti

Più poveri veri
e più poveri finti

 
L'analisi
Traslazione d’imposta cioè pagano sempre i soliti

Traslazione d’imposta cioè pagano sempre i soliti

 
La riflessione
Il caro prezzo da pagare per un paese indeciso a tutto

Il caro prezzo da pagare per un paese indeciso a tutto

 
L'analisi
Una manovra che aumenta le distanze fra le due Italie

Una manovra che aumenta le distanze fra le due Italie

 
La riflessione
Benefìci anche per l’Ilva dal realismo energetico

Benefìci anche per l’Ilva dal realismo energetico

 
L'analisi
L’eutanasia delle culture politiche del 20° secolo

L’eutanasia delle culture politiche del 20° secolo

 
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno

i più letti

L'analisi

La tentazione fatale di riscoprire l’anti-scienza

Non c'è medicina che possa curare il dolore di una famiglia di fronte a una tragedia come quella di mercoledì in Basilicata, dove una bambina affetta da una sindrome rara, è deceduta 24 ore dopo essere stata sottoposta alla vaccinazione esavalente

Lorenzin: vaccini gratis  e più assistenza sanitaria

Gli scienziati spiegano che i vaccini non causano la morte, e che anzi proteggono dalle malattie. Ma non c'è medicina che possa curare il dolore di una famiglia di fronte a una tragedia come quella di mercoledì in Basilicata, dove – questo sappiamo – una bambina affetta da una sindrome rara, in cura presso un centro di riferimento nazionale, è deceduta 24 ore dopo essere stata sottoposta alla vaccinazione esavalente.

Il vero dramma è, oggi, la loro angoscia di genitori, il dubbio che consumerebbe chiunque nella stessa situazione: quello di non aver fatto la scelta giusta pur di fronte alle rassicurazioni che senz'altro avranno ricevuto. Ma storie come questa, nel contesto in cui viviamo, rischiano di essere dinamite. E dobbiamo provare a disinnescarle. L’Italia è pericolosamente attraversata da atteggiamenti antiscientifici di cui i social network sono la benzina. Sono il luogo in cui aleggia lo spettro del complotto, dove il sospetto diventa verità, il rischio è trasformato in certezza e il rifiuto della più grande scoperta medica dell’era moderna è mascherato dalla formula pelosa della libertà vaccinale, cioè dall'arroganza di poter decidere anche per la salute degli altri. Questo è, dunque, il vero rischio: che solo a parlarne, certe vicende siano automaticamente prese come la prova che gli «antivax» aspettavano, passandola di bocca in bocca, per dire che no, adesso basta, è il momento di ascoltare i «genitori consapevoli».

Ascoltarli, certo, ci mancherebbe. E provare, magari, a raccontare perché due anni fa il mondo scientifico ha ritenuto di dover ricorrere alla vaccinazione obbligatoria di fronte al rischio di centinaia di morti inutili per morbillo, a un ritorno indietro di cinquant'anni nella battaglia per debellare malattie che si credevano dimenticate. Obbligare qualcuno a sottoporsi a una iniezione non è certamente una cosa bella. Ma a un certo punto è parsa l'unica soluzione.
È una battaglia impari quella che il mondo dell'informazione sta provando a fare sui vaccini, affiancando i medici, gli insegnanti, i tanti specialisti e anche – va detto – un pezzo ampio e trasversale della politica. Ma la furia dei social sul punto è incontrollabile e non ammette il dissenso, bollato come fiancheggiamento delle multinazionali. Il ragionamento è semplice ed è stato ripetuto fino alla noia: i vaccini sono sicuri, come per qualunque farmaco le reazioni avverse esistono ma hanno probabilità bassissime e possono agevolmente essere controllate, non esistono decessi in cui è stato accertato il rapporto causale con la vaccinazione. È quello che il professor Pierluigi Lopalco oggi spiega su queste colonne: non si muore per i vaccini, esistono meccanismi scientifici che li sottopongono a verifiche continue e - fino ad ora - i sospetti peggiori non sono mai stati confermati.

Eppure oggi, c'è da scommetterci, la notizia di Melfi farà riprendere vigore alle truppe degli antivaccinisti. Ancora una volta: la migliore medicina, l’unica possibile, è ascoltare gli esperti. Perché con la scienza la par condicio non vale: parla chi ha titolo per parlare, tutti gli altri - noi compresi - fanno domande e ascoltano. E perché sulla salute non si scherza, né sulla nostra né su quella di chi non la pensa come noi.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400