Mercoledì 27 Marzo 2019 | 03:13

NEWS DALLA SEZIONE

L'editoriale
Fino a quando il capitano resisterà all'ipotesi voto

Fino a quando il capitano resisterà all'ipotesi voto

 
La riflessione
Governo, alleati ma sempre più concorrenti a caccia di voti

Governo, alleati ma sempre più concorrenti a caccia di voti

 
L'analisi
Amaro lucano per Di Maio nell’urna dolce per Salvini

Amaro lucano per Di Maio nell’urna dolce per Salvini

 
L'analisi
Il circolo vizioso che frena la Basilicata

Il circolo vizioso che frena la Basilicata

 
La riflessione
La «favola» del bus a fuoco e la sua morale per Salvini

La «favola» del bus a fuoco e la sua morale per Salvini

 
L'analisi
Il Movimento in affanno e politiche all’orizzonte

Il Movimento in affanno e politiche all’orizzonte

 
La riflessione
L’autonomia non fa cultura

L’autonomia non fa cultura

 
L'analisi
Via della seta, ma per il Sud via della beffa

Via della seta, ma per il Sud via della beffa

 
La riflessione
La metamorfosi del belpaese dalla Vlora alla Diciotti

La metamorfosi del Belpaese dalla Vlora alla Diciotti

 
L'analisi
Gli aiuti di Stato il credito e il paradosso tra i due diritti

Gli aiuti di Stato il credito e il paradosso tra i due diritti

 
la polemica
La Madonna della Pace salentina «plagiata» da una casa di moda tedesca

La Madonna della Pace salentina «plagiata» da una casa di moda tedesca

 

Il Biancorosso

LA PARTITA
Il meglio di Palmese-Baritutte le emozioni biancorosse

Il meglio di Palmese-Bari
tutte le emozioni biancorosse

 

NEWS DALLE PROVINCE

PotenzaL'annuncio
Basilicata, lo sconfitto Trerotola resterà in consiglio regionale

Basilicata, lo sconfitto Trerotola resterà in consiglio regionale

 
LecceLa sentenza
Lecce, processo a gruppo Scu: 12 condanne e un patteggiamento

Lecce, processo a gruppo Scu: 12 condanne e un patteggiamento

 
BrindisiL'episodio
Francavilla F.na, tenta di uccidere il cognato, arrestato

Francavilla F.na, tenta di uccidere il cognato, arrestato

 
TarantoUn 36enne
Consegnava eroina nascosta nei panini: arrestato a Taranto

Consegnava eroina nascosta nei panini: arrestato a Taranto

 
GdM.TVNel foggiano
«Servizio completo»: così i 7 arrestati di S.Severo fornivano droga e sesso

«Servizio completo»: così i 7 arrestati di S.Severo fornivano droga e sesso

 
HomeL'operazione dei cc
Margherita di Savoia, rapina una farmacia e poi fugge su auto rubata: arrestato 41enne

Margherita di Savoia, rapina una farmacia e poi fugge su auto rubata: arrestato 41enne

 
GdM.TVLo spettacolo sportivo
Matera 2019, Fiona May in scena stasera con «Maratona di New York»

Matera 2019, Fiona May in scena con «Maratona di New York»

 

Patologia della ricchezza, una pizza a 2mila euro

pizza d'oro

Una volta, ad alcuni forestieri in visita ai Sassi di Matera, un ragazzino che faceva da guida, alla domanda dei turisti che chiedevano perché i mattoni del pavimento di un basso fossero messi stranamente a spina di pesce, spiegò che serviva a far vedere che i proprietari di quel basso erano ricchi, perché mica tutti si potevano permettere i mattoni a spina di pesce, che costavano di più, e così si capiva che loro non erano come gli altri. La spiegazione suscita il sorriso. Che anche nei poveri Sassi di Matera (di quanto tempo fa?) ci fosse la gara a esibire la ricchezza, insomma... Ma non si può negare che la risposta del ragazzino metta il dito su una conseguenza, della ricchezza.

Cerchiamo di spiegarci. Innanzitutto, bando alla piccola ipocrisia pelosa e ammettiamo subito che la ricchezza sarà anche bella ma morta, come dice Leonardo Sciascia nel suo ‘Candido’, ma è anche morta ma bella, come riconosce lo scrittore nello stesso rigo. Dipende dal tipo di persona che uno è. E a occhio si ha l’impressione che il primo gruppo (bella ma morta) sia un club molto ristretto. Tutti gli altri li vorremmo e come, i fantasiliardi di Paperon de’ Paperoni, o almeno i miliardi di Jeff Bezos, il patron di Amazon. Al limite, ecco, anche i soldi (ma quanti ce ne avrà veramente?) di quello che sta qui vicino che vende apparecchiature mediche, così dice, ma non si sa che apparecchiature sono e intanto si è fatto la villa con la piscina, va sempre all’ultima moda, e anche al figlio che c’ha tre anni gli ha comprato la macchinina col motore.

Va bene, questo per dire che qui nessuno vuole fare il santarellino; perché bisogna avere il coraggio di riconoscere che i ricchi non sono persone come me e come voi, come disse una volta Scott Fitzgerald, lo scrittore del ‘Grande Gatsby’. E non è vero che sì, hanno più soldi, come rispose Ernest Hemingway, l’autore di ‘Addio alle armi’, che si credeva spiritoso, perché a quel tempo lui si puzzava di fame, come dicono a Napoli, e quindi il sospetto che parlasse per invidia è mooolto più che un sospetto. Un ricco - un ricco vero, eh, non come quello di ‘apparecchiature mediche’, che sappiamo noi che vuol dire - un ricco vero lo riconosci dallo stile, perché fa quelle cose che a noi piacerebbe fare ma un destino ingiusto e cornuto ci tiene legati a questo stipendio così disgraziato.

Ma comunque, un ricco ha stile, ha allure, come si dice in inglese, e anche in francese. E nella capitale del mondo, che è New York, lì si vede che la ricchezza è proprio un lifestyle, avete presente? Soprattutto nel food, che vuol dire il mangiare, perché dimmi come mangi e ti dirò chi sei, come diceva coso, come si chiama...? Allora, per esempio, uno si trova a Manhattan e per il lunch, che vuol dire il pranzo, non vuole andare nel solito ristorante tre stelle Michelin, perché una persona poi si stanca anche di questi posti, eh. Oggi, per cambiare, ha voglia di un sandwhich, che vuol dire un panino, ma non i tramezzini di pan di spugna con la fettina di salame, come si fa da noi; no, un panino vero. Ora, di posti che fanno sandwhich a New York ce n’è quanti se ne vuole, ma un vero ricco, che ha un lifestylee perciò è anche un foodie (vuol dire buongustaio) non può andare nella prima paninoteca che incontra, dove magari trova gente qualunque che per cinque, dieci dollari si toglie la fame. Lui invece vuole un wagyubeefsandwhich, con 150 grammi di manzo A5 Ozaki Wagyu impanato nel panko (come, che cos’è! Il pangrattato giapponese, no?) passato in friggitrice e poi lasciato a riposare per riassorbire i succhi che si sa che durante la cottura un po’ si disperdono. E a New York c’è un solo posto che fa solo wagyubeefsandwhich, Don Wagyu. Il prezzo? Ah, sì, 180 dollari; e naturalmente solo pochi happy few (pochi felici) se lo possono permettere.

Se dopo ha voglia di un gelato, c’è una coppa con vaniglia Tahiti e scaglie d’oro 24 carati che costa 1.000 dollari, e naturalmente quelli che se la possono permettere sono ancora meno. Ma se uno vuole proprio mettere un abisso fra sé e gli altri, la sera va da a farsi una pizza con caviale, tartufo nero, fiocchi d’oro commestibile: 2.000 dollari e qui a poterselo permettere sono proprio quattro gatti, di numero. Insomma, una cosa veramente esclusiva. Perché, diciamo la verità, se la ricchezza non serve a distinguersi, a che serve?
Ecco; ma intanto che l’invidia tocca livelli stellari, chissà perché un pensiero sorge curioso: ma sapendo che a Napoli una ‘Margherita’, cioè la vera pizza, costa 6 - 7 euro, uno che a New York la paga 2.000 dollari, con quelle cose sopra, non sentirà sbattere furiosamente sulla testa l’ala della stupidità?

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400