Giovedì 27 Giugno 2019 | 12:10

NEWS DALLA SEZIONE

Graduation day Unibas
Potenza, la Giornata del laureato in stile college: 130 nuovi "dottori"

Potenza, la Giornata del laureato in stile college: 130 nuovi "dottori"

 
Cultura
Viandanti Festival: ad Altamura protagonisti Ezio Bosso e Philippe Daverio

Viandanti Festival: ad Altamura protagonisti Ezio Bosso e Philippe Daverio

 
A sorpresa
Casellati al Petruzzelli: in platea per il figlio direttore della Tosca

Casellati a sorpresa al Petruzzelli per il figlio direttore della Tosca

 
L'intervista
Tiromancino gira a Taranto il video di «Vento del Sud»: «Verrei a viverci»

Tiromancino, girato a Taranto il video di «Vento del Sud»

 
La novità
Gravina, ecco la prima bottiglia di vino intelligente che "parla"

Arriva dalla Puglia la prima bottiglia di vino intelligente che "parla"

 
Storia a lieto fine
Terlizzi, cucciolo salvato dai vvff: il video condiviso anche da Salvini

Terlizzi, cucciolo salvato dai vvff: il video condiviso anche da Salvini

 
Dopo l'annuncio
Olimpiadi invernali 2026: la parodia social è tutta Made in Puglia

Olimpiadi invernali 2026: la parodia social è tutta Made in Puglia

 
Il riconoscimento
Puglia, Giovinazzo in copertina sulla guida Lonely Planet

Puglia, Giovinazzo in copertina sulla guida Lonely Planet

 
Musica
Dai Boomdabash ai Sud Sound System: ecco chi aprirà il concerto di Jovanotti a Barletta

Dai Boomdabash ai Sud Sound System: ecco chi aprirà il concerto di Jovanotti a Barletta

 
La storia
Mola, da giovane scultrice a suora: ecco la nuova vita di Angela

Mola, da giovane scultrice a suora: ecco la nuova vita di Angela

 
L'iniziativa
Flashmob lirico a sorpresa sull’autobus da Bari a Matera

Flashmob lirico a sorpresa sull’autobus da Bari a Matera

 

Il Biancorosso

CALCIO MERCATO
Machach, talento francese del Napoliè l'ultima idea intrigante del Bari

Machach, talento francese del Napoli è l'ultima idea intrigante del Bari

 

NEWS DALLE PROVINCE

HomeIl caso
Bari, indagine su Emiliano e Stefanazzi: la finanza torna in Regione

Bari, indagine su Emiliano e Stefanazzi, la Finanza torna in Regione

 
FoggiaLaurea magistrale
Foggia, arriva la laurea in Scienze Giuridiche della Sicurezza: prima in Italia

Foggia, arriva laurea in Scienze Giuridiche della Sicurezza: è la prima in Italia

 
TarantoIl caso
Taranto, aggredisce poliziotti in stazione: arrestato 22enne

Taranto, aggredisce poliziotti in stazione: arrestato 22enne

 
PotenzaIl processo
Potenza, quando la stalker è la cugina gelosa: fiumi di offese e telefonate

Potenza, quando la stalker è la cugina gelosa: fiumi di offese e telefonate

 
MateraSanità
Matera, chiude il reparto di Psichiatria: il sit in tra i Sassi

Matera, chiude il reparto di Psichiatria: il sit in tra i Sassi

 
LecceIl provvedimento
Lecce, 8 autisti con i «super poteri»: multeranno chi intralcia la circolazione

Lecce, 8 autisti con i «super poteri»: multeranno chi intralcia la circolazione

 
Batomicidio griner
Sparatoria ad Andria, trovata bruciata l’auto dei sicari

Sparatoria ad Andria, trovata bruciata l’auto dei sicari

 
GdM.TVIl rogo
Torre Guaceto, incendio minaccia la Riserva:  interviene il Canadair

Torre Guaceto, incendio minaccia la Riserva: distrutti tre ettari

 

i più letti

La polemica

Locorotondo, pace fatta tra pellegrino Bruno con la sua asinella e i vigili

L'uomo che sta facendo il giro del mondo verso Gerusalemme a cavallo della sua asina, ieri era stato cacciato. Poi il chiarimento

Locorotondo, i vigili urbani fermano il pellegrino Bruno e la sua asinella

Tutto è finito a tarallucci e vino, ma nel senso più nobile e vero dell’espressione: pace siglata con taralli della Valle d’Itria e vino doc di Locorotondo. Si è concluso con un lieto fine lo spiacevole episodio che ha coinvolto Bruno Dias e la polizia municipale di Locorotondo.
Bruno, portoghese 36enne, è un pellegrino partito da Santiago de Compostela due anni fa e diretto in Terra Santa, a Gerusalemme. Insieme a lui la fedele asinella Salam. Bruno ha rivelato di essere stato allontanato dai vigili con modi poco «urbani». Il primo impatto con la città è stato traumatico: «Mi hanno detto che dovevo andare via». Bruno racconta: «Ho vissuto una situazione un po’ difficile, ma l’indifferenza è un problema mondiale.

Vedere un pellegrino con un asino non deve spaventare. Voglio ringraziare gli abitanti di Locorotondo che mi hanno fatto sentire tutto il loro affetto: ho conosciuto persone meravigliose. Alcune invece hanno bisogno di aprire di più il cuore. Il mio è un messaggio di pace». La vicenda si è trasferita sui social network dove Bruno ha trovato grande solidarietà dai cittadini. Ma la Polizia municipale respinge ogni addebito: «Abbiamo trattato Bruno con rispetto, nessuno lo ha cacciato».
Ieri mattina, infine, è stata siglata la pace tra il pellegrino lusitano, il sindaco Tommaso Scatigna e la polizia municipale. «Mi dispiace davvero tanto - ha detto il sindaco a Bruno - è stata solo un’incomprensione. Ti prego di accettare le nostre scuse. Locorotondo è un paese di persone educate ed accoglienti da sempre. Bruno a Locorotondo sarà sempre il benvenuto». Salam e Bruno hanno accettato le scuse: «Tutti sbagliamo, spero di aver portato un vento di pace in questa città».

IERI LA DISAVVENTURA - Disavventura a Locorotondo per Bruno Peregrino, partito da Santiago de Compostela, in Spagna, nel marzo del 2017 con la sua asinella Salam. Passo dopo passo, sono diretti a Gerusalemme, in Terra Santa, per un viaggio «in nome della pace».

Ma ll pellegrino portoghese, nato a Lisbona 36 anni fa, dopo aver attraversato mezza Puglia a Locorotondo ha lamentato di essere stato cacciato dalla Polizia municipale «perché mi hanno detto che non ero autorizzato a camminare con l’asina» ha detto. Si è molto arrabbiato: «Salam non fa del male a nessuno, è meglio di tante persone!».

A nulla sono valsi i tentativi di calmarlo. Ci ha provato anche l’assessora alla cultura Ermelinda Prete: «Bruno è un nostro gradito ospite». Ma lui ormai non voleva saperne più niente. «Ho ricevuto una bellissima accoglienza in tutta Italia, solo a Locorotondo sono stato trattato così male. Avete la mentalità chiusa!».
Solo i carabinieri, chiamati dallo stesso Bruno «per denunciare un attacco alla libertà», hanno placato l’ira del pellegrino. Comunque contenti i bambini. Un asino non l’avevano mai visto hanno accolto Bruno e Salam col sorriso.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie