Giovedì 23 Gennaio 2020 | 23:34

NEWS DALLA SEZIONE

Ambiente
La birra Peroni taglia le emissioni di CO2 del 30%

La birra Peroni taglia le emissioni di CO2 del 30%

 
La storia
Bari, la piccola Sara ha fretta e nasce in ambulanza

Bari, la piccola Sara ha fretta e nasce in ambulanza

 
Cinema
Al Festival di Berlino sbarca «Semina il vento» del tarantino Caputo

Al Festival di Berlino sbarca «Semina il vento» del tarantino Caputo

 
nel foggiano
Manifestò da solo per il clima: 12enne di Stornarella premiato da Regione Puglia

Manifestò da solo per il clima: 12enne di Stornarella premiato da Regione Puglia

 
al teatroteam
«Tradizione e Tradimento»: il concerto di Niccolò Fabi a Bari è un viaggio onirico

«Tradizione e Tradimento»: il concerto di Niccolò Fabi a Bari è un viaggio onirico

 
L'annuncio
«Christian Dior» sfilerà a maggio a Lecce

«Christian Dior» sfilerà a maggio a Lecce

 
Cervelli in fuga
Dalla Puglia ad Amsterdam come super esperto fiscale, la storia di Vito: «Tornare? Non credo»

Dalla Puglia ad Amsterdam come super esperto fiscale, la storia di Vito: «Tornare? Non credo»

 
letteratura
Taranto, ecco i 5 libri finalisti dell'edizione 2020 del Premio Alessandro Leogrande

Taranto, ecco i 5 libri finalisti dell'edizione 2020 del Premio Alessandro Leogrande

 
nel leccese
Taviano, cinema proietta film con sottotitoli per bimbo non udente: il «grazie» di una mamma

Taviano, cinema proietta film con sottotitoli per bimbo non udente: il «grazie» di una mamma

 
il caso
Sanremo 2020, «no» anche dalla Bellucci: la crisi rosa di Amadeus

Sanremo 2020, «no» anche dalla Bellucci: la crisi rosa di Amadeus

 

Il Biancorosso

contro la Reggina
Bari, Vivarini già guarda alla trasferta calabrese: «Testa alla partita di domenica»

Bari, Vivarini già guarda alla trasferta calabrese: «Testa alla partita di domenica»

 

NEWS DALLE PROVINCE

PotenzaDopo la tragedia
Tifosi investiti, l'autista di Melfi resta in carcere: indagato per omicidio

Tifosi investiti, l'autista di Melfi resta in carcere: indagato per omicidio

 
TarantoLa decisione
Ex Ilva, Ministero del Lavoro: autorizzata Cig fino a fine 2020

Ex Ilva, Ministero del Lavoro: autorizzata Cig fino a fine 2020. Dopo Consiglio ministri riunione su dossier 

 
BariAmbiente
La birra Peroni taglia le emissioni di CO2 del 30%

La birra Peroni taglia le emissioni di CO2 del 30%

 
FoggiaIl procedimento
Foggia, pioggia di interdittive antimafia: nel mirino 10 tra imprenditori e commercianti

Foggia, pioggia di interdittive antimafia: nel mirino 10 tra imprenditori e commercianti

 
Batnel nordbarese
Andria, sorpresi mentre cannibalizzano un Suv rubato poco prima: arrestati in 2

Andria, sorpresi mentre cannibalizzano un Suv rubato poco prima: arrestati in 2

 
BrindisiIl caso
Brindisi, Pd moroso: udienza di sfratto per sede del Pd

Brindisi, Pd moroso: udienza di sfratto per sede del Pd

 
Leccenel Leccese
Nardò, 91enne trovata a casa nel sangue, muore in ospedale: è giallo

Nardò, 91enne trovata a casa nel sangue, muore in ospedale: è giallo

 
MateraOperazione di CC e Gdf
Matera, truffa e riciclaggio: in cella ex direttore banca. Sequestrato noto ristorante

Matera, truffa e autoriciclaggio: in cella ex direttore di banca. Sequestrato noto ristorante nei Sassi (VD)

 

i più letti

La polemica

Locorotondo, pace fatta tra pellegrino Bruno con la sua asinella e i vigili

L'uomo che sta facendo il giro del mondo verso Gerusalemme a cavallo della sua asina, ieri era stato cacciato. Poi il chiarimento

Locorotondo, i vigili urbani fermano il pellegrino Bruno e la sua asinella

Tutto è finito a tarallucci e vino, ma nel senso più nobile e vero dell’espressione: pace siglata con taralli della Valle d’Itria e vino doc di Locorotondo. Si è concluso con un lieto fine lo spiacevole episodio che ha coinvolto Bruno Dias e la polizia municipale di Locorotondo.
Bruno, portoghese 36enne, è un pellegrino partito da Santiago de Compostela due anni fa e diretto in Terra Santa, a Gerusalemme. Insieme a lui la fedele asinella Salam. Bruno ha rivelato di essere stato allontanato dai vigili con modi poco «urbani». Il primo impatto con la città è stato traumatico: «Mi hanno detto che dovevo andare via». Bruno racconta: «Ho vissuto una situazione un po’ difficile, ma l’indifferenza è un problema mondiale.

Vedere un pellegrino con un asino non deve spaventare. Voglio ringraziare gli abitanti di Locorotondo che mi hanno fatto sentire tutto il loro affetto: ho conosciuto persone meravigliose. Alcune invece hanno bisogno di aprire di più il cuore. Il mio è un messaggio di pace». La vicenda si è trasferita sui social network dove Bruno ha trovato grande solidarietà dai cittadini. Ma la Polizia municipale respinge ogni addebito: «Abbiamo trattato Bruno con rispetto, nessuno lo ha cacciato».
Ieri mattina, infine, è stata siglata la pace tra il pellegrino lusitano, il sindaco Tommaso Scatigna e la polizia municipale. «Mi dispiace davvero tanto - ha detto il sindaco a Bruno - è stata solo un’incomprensione. Ti prego di accettare le nostre scuse. Locorotondo è un paese di persone educate ed accoglienti da sempre. Bruno a Locorotondo sarà sempre il benvenuto». Salam e Bruno hanno accettato le scuse: «Tutti sbagliamo, spero di aver portato un vento di pace in questa città».

IERI LA DISAVVENTURA - Disavventura a Locorotondo per Bruno Peregrino, partito da Santiago de Compostela, in Spagna, nel marzo del 2017 con la sua asinella Salam. Passo dopo passo, sono diretti a Gerusalemme, in Terra Santa, per un viaggio «in nome della pace».

Ma ll pellegrino portoghese, nato a Lisbona 36 anni fa, dopo aver attraversato mezza Puglia a Locorotondo ha lamentato di essere stato cacciato dalla Polizia municipale «perché mi hanno detto che non ero autorizzato a camminare con l’asina» ha detto. Si è molto arrabbiato: «Salam non fa del male a nessuno, è meglio di tante persone!».

A nulla sono valsi i tentativi di calmarlo. Ci ha provato anche l’assessora alla cultura Ermelinda Prete: «Bruno è un nostro gradito ospite». Ma lui ormai non voleva saperne più niente. «Ho ricevuto una bellissima accoglienza in tutta Italia, solo a Locorotondo sono stato trattato così male. Avete la mentalità chiusa!».
Solo i carabinieri, chiamati dallo stesso Bruno «per denunciare un attacco alla libertà», hanno placato l’ira del pellegrino. Comunque contenti i bambini. Un asino non l’avevano mai visto hanno accolto Bruno e Salam col sorriso.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie