Lunedì 08 Marzo 2021 | 11:34

NEWS DALLA SEZIONE

L'intervista
Il pugliese Gio Evan a Sanremo 2021: «La musica ha un potere terapeutico»

Il pugliese Gio Evan a Sanremo 2021: «La musica ha un potere terapeutico»

 
L'intervista
Sanremo 2021, Arisa: «Porto sul palco anche il legame con la mia Basilicata»

Sanremo 2021, Arisa: «Porto sul palco anche il legame con la mia Basilicata»

 
Musica
«L'eco dei tuoi no», Reverendo insieme a Claver Gold per il remix prodotto da Gian Flores

«L'eco dei tuoi no», Reverendo insieme a Claver Gold per il remix prodotto da Gian Flores

 
Nuove uscite
«Dove sei», il ritmo dancehall del brindisino Plata su una produzione che profuma di Salento

«Dove sei», il ritmo dancehall del brindisino Plata su una produzione che profuma di Salento

 
L'intervista
Gaudiano da Foggia a Sanremo: «Le prove all'Ariston emozionanti, finalmente di nuovo su un palco»

Gaudiano da Foggia a Sanremo: «Le prove all'Ariston emozionanti, finalmente di nuovo su un palco»

 
Musica
«Tribù urbana», nuovo disco per Ermal Meta: «Nasce per essere cantato a squarciagola sotto il palco»

«Tribù urbana», nuovo disco per Ermal Meta: «Nasce per essere cantato a squarciagola sotto il palco»

 
fuori il 26 marzo
«Parasite», gli Shakalab tornano in feat con i salentini Sud Sound System e Inoki

«Parasite», gli Shakalab tornano in feat con i salentini Sud Sound System e Inoki

 
Nuove uscite
Conte e Petrella: «Un disco per fermare le 'quarantene' della nostra anima»

Conte e Petrella: «Un disco per fermare le 'quarantene' della nostra anima»

 
Musica
«on fiVe», il disco tra prog e jazz di Leonardo De Lorenzo realizzato dal vivo, col pubblico in studio

«on fiVe», il disco tra prog e jazz di Leonardo De Lorenzo realizzato dal vivo, col pubblico in studio

 
In uscita
«Notoriedad», il duo Bautista, con un pizzico di Puglia, canta gioie e dolori della fama

«Notoriedad», il duo Bautista, con un pizzico di Puglia, canta gioie e dolori della fama

 
Ha radici molfettesi
«Niente da dire», viaggio nel mondo visionario di Lemuri sull'incomunicabilità della vita

«Niente da dire», viaggio nel mondo di Lemuri Il Visionario sull'incomunicabilità della vita

 

Il Biancorosso

Serie c
Bari messo ko dal Potenza al San Nicola: 0-2

Bari messo ko dal Potenza al San Nicola: 0-2

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariIl caso
Profanate le tombe di Ciccio e Tore, i fratellini di Gravina: la denuncia del papà e del sindaco

Profanate le tombe di Ciccio e Tore, i fratellini di Gravina: la denuncia del papà e del sindaco

 
MateraIl ritrovamento
Un'antica cisterna recuperata nel Parco della Murgia materana

Un'antica cisterna recuperata nel Parco della Murgia materana

 
Potenza'artefici del nostro destino'
8 marzo a Potenza, un mega manifesto all'ingresso della città con 24 volti di donne

8 marzo a Potenza, un mega manifesto all'ingresso della città con 24 volti di donne

 
FoggiaIl caso
Notte di fuoco nel Foggiano, in fiamme 2 baracche nel ghetto: incendiati tir e auto

Notte di fuoco nel Foggiano, in fiamme 2 baracche nel ghetto: incendiati tir e auto

 
Lecce8 marzo
«Sul podio c'è spazio per due», gli studenti leccesi celebrano la donna

«Sul podio c'è spazio per due», gli studenti leccesi celebrano la donna

 
Tarantoil siderurgico
Mittal, la Regione si costituisce al Consiglio di Stato

Mittal, la Regione si costituisce al Consiglio di Stato

 
BatIl caso
Barletta ,oltraggiato il monumento di Conteduca

Barletta ,oltraggiato il monumento di Conteduca

 

i più letti

L'intervista

«Radio Rivoluzione»: il debutto del duo pugliese AliC'è racconta la bellezza delle cose semplici

Prodotto da Molla, il brano del duo composto da Nicola Radogna e Rosita Cannito racconta la vita e il suo viaggio

«Radio Rivoluzione»: il debutto del duo pugliese AliC'è racconta la bellezza delle cose semplici

foto Maria Sicolo

Si chiama Radio Rivoluzione (LeindieMusic/Artist First) ed è il singolo d'esordio del duo pugliese AliC'è (Nicola Radogna e Rosita Cannito). Prodotto da Molla, il brano racconta la vita e il suo viaggio, da un'infanzia spensierata, un presente da condividere e un futuro da affrontare insieme, nella bellezza delle cose semplici. Il duo si è unito a fine 2019, marcatamente indie-pop con sonorità semplici ma raffinate. Li abbiamo contattati per sapere qualcosa di più sul loro percorso.

Radio Rivoluzione, cambiamento: cos'è il cambiamento per voi, data anche l'epoca che stiamo vivendo?

«Il cambiamento è dare il via ad una rivoluzione interiore e non... è la ricerca di tutto quello che ci manca, di qualcosa o qualcuno che ci completa. Il cambiamento si cerca, si vuole, a volte è inevitabile perché rappresenta quello spiraglio di luce che cercavi da tempo e non puoi chiudere lui la porta. È proprio quello che è contenuto all’interno di Radio Rivoluzione. Un cambiamento visto all’interno di due occhi, che trasforma le “mie rivoluzioni” in una sola: quella del cuore. Altre volte è un cambiamento magari poco desiderato, come quello vissuto in questo periodo storico. Un cambiamento improvviso e repentino che ricorderemo a lungo. Allo stesso tempo ha portato alla rivalutazione delle cose semplici magari dimenticate nella frenesia dei giorni»

Testi diretti, schietti, come vuole il filone indie a cui appartenete: come è nata Radio Rivoluzione?

«Radio Rivoluzione è nata in una notte di novembre, guardando una foto di noi due. E subito sono tornati alla mente tutti i ricordi che abbiamo dei nostri incontri, e subito dopo le immagini di tutto quello che siamo adesso, della nostra quotidianità, ma anche il pensiero dolce di poter intrecciare le nostre mani rugose in futuro. L’indomani davanti al pianoforte ci siamo lasciati guidare dall’essenzialità e quindi ad ogni ricordo un accordo. Così la rivoluzione, perché in realtà siamo un po’ stati l’uno la rivoluzione dell’altra. È proprio un invito a soffermarsi su cose apparentemente insignificanti quali la coperta sul divano, il caffè, i cuscini del letto, perché sono il motore della rivoluzione del cuore. E poi abbiamo voluto anche inserire una promessa che ci siamo fatti e che non appena terminerà quello periodo in cui è difficile viaggiare: portarci a Lisbona. Non una città a caso: è con l'omonima canzone dei Viito che abbiamo deciso di viaggiare insieme nella vita».

Il nome di Molla nella produzione è una garanzia, in cosa si sente il suo apporto?

«Molla è stato ed è un faro. Abbiamo deciso di affidare a lui i nostri pensieri e la nostra musica perché abbiamo sempre avuto stima di lui, e abbiamo sempre pensato che fosse un grande artista. Riesce ad entrare dentro di te e a capire di cosa hai realmente bisogno per poter far emergere quello che sei veramente, e lo tramuta in suoni, musica, e poesia. La nostra dimensione l’abbiamo trovata con suoni ricercati, ma allo stesso tempo attuali, freschi, che parlano di noi. A lui il nostro grazie per questo viaggio insieme e per tutti i suoi preziosi consigli».

Quali sono i vostri progetti futuri?

«Siamo già al lavoro su altri brani che speriamo di poter far ascoltare presto... attendiamo l’uscita del video ufficiale di Radio Rivoluzione e soprattutto aspettiamo con ansia il momento in cui si potrà tornare a fare musica live e suonare dal vivo le nostre canzoni».

(foto Maria Sicolo)

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie