Domenica 19 Gennaio 2020 | 06:09

Il Biancorosso

Calcio
Bari, Vivarini: «Dobbiamo vincere sempre»

Bari, Vivarini: «Dobbiamo vincere sempre»

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariPer Sant'Antonio Abate
Cani e gatti domestici sfilano a Putignano per la benedizione

Cani e gatti domestici sfilano a Putignano per la benedizione

 
BatIl caso
Gli ingegneri-netturbini di Barletta si raccontano a France 2

Gli ingegneri-netturbini di Barletta si raccontano a France 2

 
LecceMoria di tartarughe
Lecce, «Caretta caretta» spiaggiate morte trovate a San Cataldo

Lecce, «Caretta caretta» spiaggiate morte trovate a San Cataldo

 
TarantoI controlli
Taranto, incensurato nascondeva in casa fucile a pallettoni e munizioni

Taranto, incensurato nascondeva in casa fucile a pallettoni e munizioni

 
FoggiaLe ricerche
San Severo, a caccia della pantea co i droni

San Severo, caccia alla pantera con i droni

 
MateraL'annuncio
Matera e disabili, presto in città un «Albergo etico»

Matera e disabili, presto in città un «Albergo etico»

 

i più letti

Lettere alla Gazzetta

Aumenta il numero dei nominati ma nessuno lancia una protesta

Gentile Direttore, approfitto della provocazione insita suo ultimo editoriale per rendere pubblico ciò che ho tenuto per me fino a questo momento.
Come già da lei espressamente sottolineato, la legge elettorale non ha nulla a che vedere con il problema della frantumazione dei grandi partiti a cui da almeno venti anni a questa parte è soggetto il Parlamento italiano. E poco ha a che fare anche con la qualità delle leggi che ne vengono fuori che, a giudicare dagli infiniti richiami espressi dalla Corte Costituzionale, è a dir poco scadente.
Detto questo, il problema dell’atomismo parlamentare è stato preso in carico dalle quattro forze politiche madri della nuova legge elettorale. È stato anzi uno dei nodi cruciali del dibattito in Commissione Affari Costituzionali e si è subito risolto con la previsione di liste di “nominati” dalle segreterie di partito. A differenza del sistema tedesco infatti, la nuova legge elettorale prevede che i futuri parlamentari non siano scelti dagli iscritti di ogni partito, ma direttamente dalle loro segreterie. Questo vuol dire che chi sarà in lista in ogni circoscrizione, sarà soppesato non tanto in base alle reali capacità di rappresentare il territorio, quanto al grado di fiducia riposto nel partito e nel suo leader. Peccato però che i leader passano e i partiti pure.
Il M5S, forza politica integralista, ha permesso tutto questo perché il suo statuto, con la previsione delle “parlamentarie” on-line non difetta di rappresentatività tra la popolazione, ma gli altri tre partiti? Ricordo ancora quando era in gioco il futuro dell’Italicum, come l’opinione pubblica italiana fosse scandalizzata dal fatto che - secondo le stime - almeno il 60% dei possibili eletti sarebbero stati nominati. Ora però non si sentono più voci e risuona un silenzio di tomba sia tra le forze politiche che in gran parte dell’opinione pubblica anche se - dati alla mano - stavolta la percentuale di nominati è ben superiore, se non massima.
A proposito della qualità delle leggi che ne vengono fuori, se la premessa di leggi condivise che si avranno con il nuovo sistema elettorale è questa, non oso immaginare il resto.
Federico Longo, Bari
Sottoscrivo. (Gdt)

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie