Giovedì 21 Marzo 2019 | 11:12

Il Biancorosso

IL PERSONAGGIO
La signora Francesca colpisce ancoraPizze e focacce per gli auguri a Brienza

La signora Francesca colpisce ancora
Pizze e focacce per gli auguri a Brienza

 

NEWS DALLE PROVINCE

TarantoNel tarantino
Castellaneta Marina, sequestrato ristorante sulla spiaggia completamente abusivo

Castellaneta Marina, sequestrato ristorante in spiaggia abusivo

 
BatÈ intervenuta la polizia
Barletta, tenta di uccidere il fratello accoltellandolo dopo lite, 53enne in cella

Barletta, tenta di uccidere il fratello accoltellandolo dopo lite, 53enne in cella

 
BariL'inchiesta
Mercato nero della legna: un business malavitoso

Mercato nero della legna: un business malavitoso

 
LecceA lecce
Statua S.Oronzo, procede restauro: «È molto deteriorata»

Statua S.Oronzo, procede restauro: «È molto deteriorata»

 
MateraInfortunio sul lavoro
Policoro, 34enne muore mentre taglia alberi. Allarme sindacati

Policoro, 34enne muore mentre taglia alberi. Allarme sindacati

 
FoggiaNel Foggiano
Lesina, procura indaga su imprenditore Casanova per abusi edilizi

Lesina, procura indaga su imprenditore Casanova per abusi edilizi

 
BrindisiCentrale Enel Brindisi
Cerano, principio di incendio nella torre nastro trasportatore, nessuna conseguenza

Cerano, principio di incendio nella torre nastro trasportatore, nessuna conseguenza

 
PotenzaLe previsioni
Economia: nel 2019-2023 Potenza crescita zero

Economia: nel 2019-2023 Potenza crescita zero

 

Lettere alla Gazzetta

Si chiama libertà di scelta o di espressione

Recentemente, un gruppo di femministe mantovane se l’è presa con una azienda di intimo, coprendo le "vergogne" raffigurate nei suoi poster con piccoli manifesti (abusivi) recanti la scritta "Anche questa è violenza". A voler scervellarsi su cos'altro dovrebbe contenere un reggiseno, se non un seno femminile, e su come pubblicizzarlo, se non con una modella che lo indossa, si rischia comunque di finire nella nutrita schiera di accidiosi voyeur che sicuramente sanno di cosa si sta parlando.
Tuttavia, alle ideatrici di quella rinnovata, quanto anacronistica "foglia di fico”, una cosa, pacificamente, va detta: se una modella decide di mostrare a tutti una parte del suo seno e della sua bellezza, di sicuro ben remunerata per farlo, non c’entra niente con la violenza. Si chiama, invece, libertà di scelta o di espressione.
E francamente, visto che siamo in tema, vedo più violenza nel grave ritardo nella costituzione delle “breast unit”, previste dalla legge per la prevenzione e la cura del tumore al seno. Se le suddette femministe, i dirigenti della nota azienda di intimo e persino la seducente modella in questione si dedicassero anche a queste iniziative in favore della salute femminile, forse le donne potrebbero tornare ad andare d’accordo.

Paolo Izzo, Roma

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400