Martedì 19 Febbraio 2019 | 03:12

NEWS DALLE PROVINCE

LecceNel Leccese
Distruggono macchia mediterranea per costruire edifici, due denunce a Porto Cesareo

Distruggono macchia mediterranea per costruire edifici, due denunce a Porto Cesareo

 
HomeDopo la protesta
Ex Ilva, deputati M5s contestati a Taranto: «Traditori». La replica: «Mai parlato di chiusura»

Ex Ilva, deputati M5s contestati a Taranto: «Traditori». La replica: «Mai parlato di chiusura»

 
BariLa lettera del sindaco
Palagiustizia Bari, Decaro: «Mi aspetto risposte da Bonafede»

Palagiustizia Bari, Decaro: «Mi aspetto risposte da Bonafede»

 
BrindisiLotta alla droga
Carovigno, "spiaggiati" a Punta Penna Grossa 14 kg di marijuana

Carovigno, "spiaggiati" a Punta Penna Grossa 14 kg di marijuana

 
MateraDopo la frana
Pomarico, servizio di vigilanza davanti alle scuole

Pomarico, servizio di vigilanza davanti alle scuole

 
HomeLa nomina
Basilicata, Berlusconi presenta il candidato unico del centro destra: è Bardi

Basilicata, Berlusconi presenta il candidato unico del centro destra: è Bardi

 
FoggiaLotta allo spaccio
San Severo, in camera 10 kg di droga e un’arma clandestina: arrestato 28enne

San Severo, in camera 10 kg di droga e un’arma clandestina: arrestato 28enne

 

Lettere alla Gazzetta

Sforzo comune in Europa per gli sbarchi

L'Italia deve porre con forza in Europa il problema dell’immigrazione. Di fatto la questione è affidata agli Stati che predispongono la prima accoglienza. Ma così non può andare avanti, anche perché i soliti furbetti, come si deduce dalle osservazioni della magistratura, hanno trovato modo di trasformare gli interventi di soccorso in un incredibile occasione di arricchimento. Servirebbe una forza come europea per fronteggiare gli sbarchi, altrimenti fra pochi anni la situazione esploderà, specie nelle grandi città. L’Italia non è in grado di sostenere uno sforzo simile, col paradosso che più soldi si stanziano più il fenomeno s’aggrava, perché più cresce la tentazione da parte di alcune organizzazioni di fare quattrini in nome della solidarietà. Se c’è una ragione per accelerare il processo d’integrazione europea, l’emergenza immigrazione è di sicuro la più convincente.

Carlo Torrisi, Brindisi

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400