Domenica 19 Maggio 2019 | 20:19

Il Biancorosso

L'ALLENATORE
Cornacchini: "Daremo battaglia ad AvellinoDimostreremo di essere la squadra più forte"

Cornacchini: «Ad Avellino dimostreremo di essere la squadra più forte»

 

NEWS DALLE PROVINCE

LecceQuesta mattina
Lecce, assalto al gazebo Lega in centro: una ragazza contusa. Martedì atteso Salvini

Lecce, assalto a gazebo Lega in centro: 17enne contusa. Martedì atteso Salvini

 
BatIl diretto
Ferrovie: l'Alta Velocità arriva a Barletta, due Frecciargento da e per Roma

Treni, a Barletta fermerà Bari-Roma. Mit: nuovi servizi su Alta velocità. Che non esiste

 
TarantoNel tarantino
Manduria, anziano pestato a morte da baby-gang: altri 4 minori indagati

Manduria, anziano pestato a morte: indagati altri 4 minori

 
FoggiaNel foggiano
Chieuti, uomo morì durante corsa buoi: animalisti chiedono lo stop a Emiliano

Chieuti, uomo morì durante corsa buoi: animalisti chiedono lo stop

 
Brindisinel brindisino
Latiano, crolla solaio di scuola in ristrutturazione: grave operaio

Latiano, crolla solaio di scuola in ristrutturazione: grave operaio

 
PotenzaA ripacandida
Si ustiona mentre accende il camino: grave un 20enne nel Potentino

Si ustiona mentre accende il camino: grave un 20enne nel Potentino

 

i più letti

Lettere alla Gazzetta

Sforzo comune in Europa per gli sbarchi

L'Italia deve porre con forza in Europa il problema dell’immigrazione. Di fatto la questione è affidata agli Stati che predispongono la prima accoglienza. Ma così non può andare avanti, anche perché i soliti furbetti, come si deduce dalle osservazioni della magistratura, hanno trovato modo di trasformare gli interventi di soccorso in un incredibile occasione di arricchimento. Servirebbe una forza come europea per fronteggiare gli sbarchi, altrimenti fra pochi anni la situazione esploderà, specie nelle grandi città. L’Italia non è in grado di sostenere uno sforzo simile, col paradosso che più soldi si stanziano più il fenomeno s’aggrava, perché più cresce la tentazione da parte di alcune organizzazioni di fare quattrini in nome della solidarietà. Se c’è una ragione per accelerare il processo d’integrazione europea, l’emergenza immigrazione è di sicuro la più convincente.

Carlo Torrisi, Brindisi

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400