Mercoledì 23 Gennaio 2019 | 02:09

LETTERE ALLA GAZZETTA

Come rilanciare l’economia considerando anche il terremoto

Per un effettivo rilancio dell’economia l’Italia deve mirare, a mio avviso, verso scelte e investimenti pubblici tali da stimolare e attrarre investimenti privati, interni e internazionali.
Non incentivi, quindi, ma investimenti in infrastrutture, sostegni alle imprese che innovano, migliorano la qualità del prodotto e la sostenibilità della produzione (minori consumi di acqua ed energia, un'industria «green»), fanno ricerca con le università e i centri di ricerca pubblici e privati, rafforzano la loro capitalizzazione, aumentano di dimensione, vanno all'estero per conquistare nicchie di mercato e acquisire altre imprese.
Spendere in infrastrutture per stimolare la crescita, aumenterebbe la capacità produttiva, stimolerebbe direttamente la domanda a breve termine e questo agirebbe da catalizzatore per gli investimenti privati. Se non c'è domanda gli investimenti privati non ripartono, e solo la spesa pubblica può innescare il circolo virtuoso. Keynes lo aveva detto tre quarti di secolo fa.
Per quanto riguarda i settori sui quali concentrare le risorse, come più volte e da più parti osservato, un rilancio degli investimenti in costruzioni, indirizzato soprattutto alla ristrutturazione del patrimonio esistente, alla valorizzazione delle strutture pubbliche e alla prevenzione dei rischi idrogeologici, avrebbe effetti importanti sull’occupazione e sull’attività economica; aggiungerei la green economy e un piano pluriennale di alloggi pubblici di qualità (scandalosamente carenti in Italia) da locare ad affitto sociale.
Ed ancora, come evidenzia in un’intervista il geologo Mario Tozzi, «siccome ormai è chiaro che dobbiamo avere a che fare con i terremoti dovremmo costruire e fare una manutenzione antisismica di tutti gli edifici pubblici e privati, i soldi devono essere impiegati in questo modo: è la priorità», ricordando che «in Giappone e in California con una scossa simile a quella di Amatrice c'è soltanto un po' di spavento ma non crolla nulla».
I soldi, infine, andrebbero spesi al Sud, dove le infrastrutture sono carenti. Basti pensare che una città come Matera - da tempo meta turistica di pregio, oltre che capoluogo di provincia - non ha una stazione ferroviaria. E che dire del fatto che per andare da Roma a Lecce con il treno ci vogliono 9 ore mentre per andare in Sicilia si deve prendere un traghetto che costa la bellezza di 73 euro andata e ritorno con l'automobile.
Purtroppo, a parte i vincoli Ue, girano alcune false opinioni sui soldi dati al Sud, che sono la conseguenza sia del pregiudizio negativo di fondo alimentato anche da troppi sprechi, inefficienze e malversazioni da parte delle amministrazioni meridionali, sia dall’abilità di agit-prop degli interessi del Nord, segnatamente la Lega Nord, che sono stati capaci di inventarsi, propagandare ed imporre una inesistente questione settentrionale, che ha obliterato quella reale e antica, la questione meridionale.
A tutto ciò dovrebbe, però, accompagnarsi anche una serie di riforme.
La pubblica amministrazione in tutti i suoi aspetti: semplificazione; ottimizzazione delle risorse umane e strumentali, formando e selezionando adeguatamente il personale; ponendo degli obiettivi reali e raggiungibili e chiedendo effettivamente conto dei risultati ottenuti.
La giustizia deve essere più celere e dare certezza dei diritti e dei doveri - si pensi che il contenzioso giudiziario concorre in modo determinante a causare un aumento dei costi e, soprattutto, dei tempi di realizzazione delle opere pubbliche rimandando sine die il soddisfacimento delle esigenze della collettività.

Francesco Sannicandro, Bari

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400