Domenica 31 Maggio 2020 | 05:46

NEWS DALLA SEZIONE

l'ordinanza
Foggia, partecipò a rapina in Emilia, arrestato capoclan di Trinitapoli

Foggia, partecipò a rapina in Emilia, arrestato capoclan di Trinitapoli

 
Traffico
Trani, parcheggi: torna in vigore la sosta a pagamento

Trani, parcheggi: torna in vigore la sosta a pagamento

 
La decisione
Barletta, movida spericolata: chiuse due attività nel cuore della città

Barletta, movida spericolata: chiuse due attività nel cuore della città

 
Commercio
Trani, dopo 15 anni trasloca il mercato settimanale di via Falcone

Trani, dopo 15 anni trasloca il mercato settimanale di via Falcone

 
nella bat
Bisceglie, carabinieri smantellano piazza di spaccio: arrestati in 2 con 1,3kg di marijuana

Bisceglie, carabinieri smantellano piazza di spaccio: arrestati in 2 con 1,3kg di marijuana

 
Le proteste
Trani, «Nuovo padiglione, uno spreco»

Carcere di Trani: «Nuovo padiglione, uno spreco»

 
tragedia sfiorata
Barletta, misterioso agguato, 30enne ferito a colpi di pistola alla coscia e braccio

Barletta, misterioso agguato, 30enne ferito a colpi di pistola alla coscia e braccio

 
il disastro del 2016
Andria, scontro treni, riprende il processo nell'auditorium di un oratorio

Andria, scontro treni, riprende il processo nell'auditorium di un oratorio

 
IL PREMIO
Andria: «Cut cut JA», vado dal coiffeur con l’app dell’Itis Jannuzzi

Andria: «Cut cut JA», vado dal coiffeur con l’app dell’Itis Jannuzzi

 
il grande accusatore
Sistema Trani, chiesto il giudizio per D’Introno

Trani, giustizia svenduta: «D'Introno non è una vittima, deve essere processato»

 
Ambiente
La discarica di Trani verso la bonifica

La discarica di Trani verso la bonifica: ora inquina di meno

 

Il Biancorosso

Calcio
Bari in campo a luglio per lo sprint e la B è un sogno di mezza estate

Bari in campo a luglio per lo sprint e la B è un sogno di mezza estate

 

NEWS DALLE PROVINCE

MateraArte
Fase 2 a Matera, riaprono i siti delle chiese rupestri nei Sassi

Fase 2 a Matera, riaprono i siti delle chiese rupestri nei Sassi

 
Bariemergenza coronavirus
Fase 2 a Bari, Decaro incontra e ringrazia i volontari: «Siete la nostra forza»

Fase 2 a Bari, Decaro incontra e ringrazia i volontari: «Siete la nostra forza»

 
TarantoIl siderurgico
Arcelor Mittal, parlamentari M5s: «Chiarire rinvio prescrizione Aia»

Arcelor Mittal, parlamentari M5s: «Chiarire rinvio prescrizione Aia»

 
LecceIndustria
L’automotive riparte dopo tre mesi si punta su tecnologie ibride ed elettriche

L’automotive riparte dopo tre mesi si punta su tecnologie ibride ed elettriche

 
FoggiaLa lite
San Severo, poliziotto aggredito e preso a calci nei genitali da 3 ragazzi

San Severo, poliziotto aggredito e preso a calci nei genitali da 3 ragazzi

 
BariTemporali
Maltempo Puglia

Puglia e Basilicata, maltempo da brividi: prima la shelf cloud e poi la maxi grandinata

 
Batl'ordinanza
Foggia, partecipò a rapina in Emilia, arrestato capoclan di Trinitapoli

Foggia, partecipò a rapina in Emilia, arrestato capoclan di Trinitapoli

 
BrindisiLa decisione
Fase 2, sindaco di Brindisi frena sulla movida: locali chiusi a mezzanotte

Fase 2, sindaco di Brindisi frena sulla movida: locali chiusi a mezzanotte

 

i più letti

I roghi che invadono la città

Barletta, la «Terra dei fuochi» in contrada Callano

Scoperta la causa dell’aria irrespirabile avvertita l’altra sera

Barletta - Tre roghi lungo un cordone di diversi metri: è la scoperta raccapricciante di ieri mattina fatta ad opera di agenti del nucleo ambientale della Polizia locale, i Vigili del fuoco, unitamente al sindaco Cosimo Cannito e l’assessore all’ambiente Ruggiero Passero in un terreno agricolo, adibito a uliveto, in contrada Callano (a sud-ovest del territorio extraurbano della città). Roghi, ancora in piena attività, che emanavano un pessimo odore e che sono la causa dell’aria irrespirabile avvertita martedì sera in gran parte della città. Tanto da creare disagi a tanti cittadini con bruciori alla gola e agli occhi, nonchè difficoltà respiratorie.

I fumi che hanno invaso la città derivavano da questi roghi appiccati per bruciare scarti di olio e liquidi di scarti di lavorazione vegetale. E di altro materiale che sarà analizzato nel corso delle indagini già avviate. Sempre ieri è stato individuato e denunciato all’autorità giudiziaria il proprietario del terreno. Da notare che non è stato facile raggiungere il luogo del ritrovamento, nascosto all’interno del suddetto.

«Non è stata una bella scoperta – ha riferito in una nota alla stampa, il sindaco Cannito – ma è utile, innanzitutto per fare chiarezza e per smentire con i fatti chi arriva persino ad accusare strumentalmente l’Amministrazione comunale di essere connivente con gli untori dell’ambiente della nostra città o continua a fare insinuazioni su aziende attualmente ferme o comunque, evidentemente non responsabili di episodi come quello dell’altra sera». «E comunque – ha concluso il primo cittadino – non abbasseremo la guardia e non consentiremo a nessuno di continuare a compiere azioni simili, reati simili e i responsabili devono sapere che saranno individuati e perseguiti».

«Non siamo i migliori del mondo, non siamo quelli che non sbagliano mai, anzi - è la dichiarazione dell’assessore Passero rilasciata sul profilo personale di Facebook - ma a nessuno e dico nessuno deve essere concessa la possibilità di gettare discredito, a nessuno può essere data la possibilità di alludere a connivenze, soprattutto quando queste presunte opacità sono lanciate da figure istituzionali, fa ancora più male!». «Per la nostra città - ha ribadito Passero - ci stiamo impegnando a fondo, togliendo tempo ai nostri affetti, al nostro lavoro. Lunedì sera siamo andati a letto con un pugno di mosche in mano, i nostri sforzi e i nostri sopralluoghi, non avevano portato a nulla di concreto, ma ci siamo lasciati con una promessa, quella di non mollare e di trovare il colpevole di questo scempio. La risposta è arrivata, grazie a Dio. Lo dovevamo alla città che amiamo, alla città dove siamo nati che è la stessa città dove moriremo!».

Infine, ieri mattina, sul luogo dei roghi si è recato anche l’amministratore di Barsa, Michele Cianci che ha fornito una grossa pala meccanica necessaria per arginare l'incendio, in aiuto ai Vigili del Fuoco. «Cianci - riferisce un comunicato - ha condannato l’episodio messo in atto da sconosciuti, auspicando che forze dell'ordine e magistratura individuino i responsabili affinché paghino i danni arrecati all'intera comunità».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie