Mercoledì 22 Maggio 2019 | 14:34

NEWS DALLA SEZIONE

Sanità
Andria, donazione multiorgano: il gesto di un 70enne

Andria, donazione multiorgano: il gesto di un 70enne

 
Sanità
Barletta, al via la riqualificazione del Pronto Soccorso dell'ospedale

Barletta, al via la riqualificazione del Pronto Soccorso dell'ospedale

 
L'indagine
Arresto Giancaspro, legale sindaco Trani: «Accuse infondate»

Bancarotta, l'ex patron del Bari Giancaspro interrogato per 6 ore
Legale sindaco Trani: «Accuse infondate»

 
I danni
Bat, maltempo distrugge ciliegie: controlli tecnici regionali

Bat, maltempo distrugge ciliegie: controlli tecnici regionali

 
Riflettori puntati
Trani, inchiesta Giancaspro: nuovo stadio in periferia, palazzi al posto del vecchio

Trani, inchiesta Giancaspro: nuovo stadio in periferia, palazzi al posto del vecchio

 
Il diretto
Ferrovie: l'Alta Velocità arriva a Barletta, due Frecciargento da e per Roma

Treni, a Barletta fermerà Bari-Roma. Mit: nuovi servizi su Alta velocità. Che non esiste

 
L'episodio
Bisceglie: atti osé in piazza fra adolescenti, scoppia rissa

Bisceglie: atti osé in piazza fra adolescenti, scoppia rissa

 
Magnitudo 2
Piccola scossa di terremoto tra Barletta e Foggia: nessun danno

Piccola scossa di terremoto tra Barletta e Foggia: nessun danno

 
REBUS VIABILITÀ
Trani, caos passaggio a livello: 60 giorni per scegliere

Trani, caos passaggio a livello: 60 giorni per scegliere

 
Il memoriale
Nardi Savasta

Magistrati arrestati, D'Introno: «Ai giudici escort, mazzette e frullatori»

 

Il Biancorosso

IL PAGELLONE
Di Cesare e Floriano campionato topPiovanello l'under più in palla

Di Cesare e Floriano campionato top
Piovanello l'under più in palla

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariIl giallo
Santeramo, ritrovata la statua di Sant’Erasmo: abbandonata in un casolare

Santeramo, ritrovata la statua di Sant’Erasmo: abbandonata in un casolare

 
MateraL'idea
Matera 2019: mille studenti in marcia per la «Cultura»

Matera 2019: mille studenti in marcia per la «Cultura»

 
LecceÈ in prognosi riservata
Nardò, esplode distributore di bevande: grave operaio 23enne

Nardò, esplode distributore di bevande: grave operaio 23enne

 
TarantoIl caso
Taranto, furti nei supermercati del centro: 5 denunce

Taranto, furti nei supermercati del centro: 5 denunce

 
Foggianel foggiano
mattinata

Mattinata, amministrazione giudiziaria per ditta allevamento, sospetta agevolazione mafiosa

 
BrindisiDopo la denuncia
Erchie, picchia e minaccia la moglie per anni: arrestato

Erchie, picchia e minaccia la moglie per anni: arrestato

 
PotenzaL'operazione
GdF, a Lauria scoperti 5 lavoratori in nero

GdF, a Lauria scoperti 5 lavoratori in nero

 
BatSanità
Andria, donazione multiorgano: il gesto di un 70enne

Andria, donazione multiorgano: il gesto di un 70enne

 

i più letti

nel nordbarese

GdF smantella rete di spaccio a Bisceglie: quattro arresti

Le indagini sono partite dopo il ritrovamento di 10kg di droga, proiettili e altro materiale in un box del comune del Nordbarese

La Guardia di Finanza di Bari ha tratto in arresto 4 biscegliesi con precedenti. L'operazione è il risultato di una complessa indagine scaturita dal sequestro, il 23 novembre 2017, di oltre 10kg di stupefacenti (marijuana, hashish e cocaina) trovati in un box di Bisceglie (Bt) e dall'arresto di Piefrancesco Di Liddo, 24 anni, all'epoca incensurato. Insieme allo stupefacente erano stati trovati anche proiettili, giubbotti antiproiettile, un disturbatore di frequenze radio Jammer, schede telefoniche vergini, e altro materiale che fu sequestrato. Inoltre ulteriori perquisizioni avevano permesso di ritrovare in una campagna di Bisceglie anche due auto e un motorino rubati.

Le indagini successive hanno consentito di ricostruire la filiera dello spaccio, e sono stati arrestati Pierfrancesco di Liddo, 26 anni, Michele De Gennaro, 25, Cosimo Matteo Elia De Gennaro, 34 e Paolo De Gennaro, 31, tutti indagati in concorso per produzione, traffico e detenzione illecita di sostanze stupefacenti. Gli ultimi due sono indagati anche per ricettazione e detenzione abusiva di armi. Michele De Gennaro è l'unico a cui sono stati consentiti i domiciliari.

I fratelli Cosimo e Paolo De Gennaro hanno a loro carico numerosi precedenti penali e di polizia: un terzo fratello, Matteo, è stato assassinato con un colpo di pistola l'11 giugno 2017. Per l'omicidio è stato rinviato a giudizio il biscegliese Mauro Dell'Orco.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400