Lunedì 19 Novembre 2018 | 22:38

NEWS DALLA SEZIONE

Il Pisum sativum.

 
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno

La Portulaca, benefici e proprietà.

A scuola di cucina

Asya Argentieri

Asya Argentieri

Asya Argentieri è una studentessa al secondo anno della Triennale di Scienze Gastronomiche a Pollenzo. L'obiettivo che si prefigge questo blog è quello di far conoscere ogni aspetto del cibo e trasferire la passione della buona cucina non solo a coloro che ne conoscono il lato gustativo. Il cibo infatti, è molto di più di quello che viene rappresentato a tavola e che spesso non viene raccontato. La passione di Asya che per ragioni di studio ora gira il mondo allo scopo di conoscere le diverse culture e i metodi applicati alla cucina «deriva - racconta - anche dal luogo in cui sono nata: la Puglia». «Una regione in cui - aggiunge - nel passato il cibo assumeva particolari significati e che oggi abbiamo perso di vista».

La Portulaca, benefici e proprietà.

La Portulaca oleacera, o semplicemente Portulaca, è una pianta infestante presente quasi in tutte le regioni italiane dal centro Italia verso il meridione. Essa appartiene alla famiglia delle Portulacee, e negli ultimi anni ha ricevuto molti apprezzamenti grazie alle numerose proprietà benefiche conosciute già ai tempi dell’antico Egitto, uno tra i primi ad utilizzarla a scopo benefico.

L’etimologia del nome Portula (piccola porta) fu attribuita a questa pianta da Linneo mentre Oleacera che deriva dal Latino oleraceus (pianta coltivata) le fu attribuita per l’utilizzo commestibile per cui veniva coltivata. Porcellana deriva invece dal fatto che i maiali sono ghiotti di questa pianta. Si presenta come una pianta strisciante dai fusti violacei o rossastri e carnosi, foglie opposte carnose ed ovali. I fiori sono gialli, poco appariscenti e di breve durata (a seconda delle specie, alcune infatti vengono coltivate a scopo ornamentale).

La Portulaca presenta proprietà diuretiche, depurative, dissetanti e anti-diabetiche. è famosa nella medicina popolare per il trattamento contro la diarrea ed il vomito, in caso di enterite acuta, di emorroidi e di emorragie post-parto. Ma contemporaneamente è divenuta famosa grazie alla presenza di acidi grassi polinsaturi omega 3, che essendo i grassi considerati buoni, aiutano a prevenire alcune malattie cardiovascolari. Elenchiamo qui i suoi nutrienti più importanti:

mucillagini;
proteine,
carboidrati;
sali minerali (fosforo, ferro, magnesio, calcio, potassio, zinco, folati, sodio, rame, selenio e manganese);
vitamina A, B1, B2, B3, C ed E;
Omega3;
acido α-linolenico;
glutatione;
betalaina.


L’infuso è ideale per favorire la diuresi e la depurazione, ma anche per far scendere la febbre e contro le infiammazioni. In insalata è ottima contro diabete, colesterolo, per proteggere il cuore e rafforzare le difese immunitarie. I cataplasmi con le foglie sono ideali da applicare in caso di acne, eczemi e punture d’insetto.

La Portulaca viene utilizzata anche in cucina, soprattutto per condire le insalate, per le minestre, può essere mangiata cruda, è molto saporita anche in un semplice piatto di pasta, ed è molto buona anche in una semplice frittata. Questa pianta però presenta anche delle controindicazioni, soprattutto per chi soffre di calcoli renali è preferibile non abusarne a causa dell’elevata presenza di ossalati.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400