Domenica 20 Giugno 2021 | 18:36

Il Biancorosso

Calcio
Michele Mignani

Il Bari si affida a Mignani: è lui il nuovo allenatore

 

NEWS DALLE PROVINCE

Batla curiosità
Barletta,  le campane suonano l'inno d'Italia per gli azzurri in campo

Barletta, le campane suonano l'inno d'Italia per gli azzurri in campo

 
HomeCovid
Puglia, 3.157.341  le dosi di vaccino somministrate fino ad oggi i

Puglia, 3.157.341  le dosi di vaccino somministrate fino ad oggi

 
BariLa polemica
Bari, una parrocchia prigioniera della movida senza regole

Bari, una parrocchia prigioniera della movida senza regole

 
Leccei soccorsi
Migranti sbarcati a Porto Selvaggio tra lo stupore dei bagnanti

Migranti sbarcati a Porto Selvaggio tra lo stupore dei bagnanti

 
Materatradizioni e pandemia
Matera, il carro della «Bruna» resta ai box

Matera, il carro della «Bruna» resta ai box

 
Potenzabasilicata
Vulture, campi senz’acqua: un crac da tre milioni di euro

Vulture, campi senz’acqua: un crac da tre milioni di euro

 
FoggiaL'inchiesta
Foggia, mazzette anche a Pompei

Foggia, mazzette anche a Pompei

 
TarantoIl caso
Ex Ilva, dopo blackout fumi e fiamme nello stabilimento, i Verdi: «Bisogna avvisare i tarantini»

Ex Ilva, dopo blackout fumi e fiamme nello stabilimento, i Verdi: «Bisogna avvisare i tarantini»

 

i più letti

I formaggi: meglio di capra o di mucca?

A scuola di cucina

Asya Argentieri

Asya Argentieri

Asya Argentieri è una studentessa al secondo anno della Triennale di Scienze Gastronomiche a Pollenzo. L'obiettivo che si prefigge questo blog è quello di far conoscere ogni aspetto del cibo e trasferire la passione della buona cucina non solo a coloro che ne conoscono il lato gustativo. Il cibo infatti, è molto di più di quello che viene rappresentato a tavola e che spesso non viene raccontato. La passione di Asya che per ragioni di studio ora gira il mondo allo scopo di conoscere le diverse culture e i metodi applicati alla cucina «deriva - racconta - anche dal luogo in cui sono nata: la Puglia». «Una regione in cui - aggiunge - nel passato il cibo assumeva particolari significati e che oggi abbiamo perso di vista».

I formaggi: meglio di capra o di mucca?

Uno dei cibi presenti in quasi ogni tavola pugliese è il formaggio. Questo alimento è considerato fin dall'antichità simbolo della vittoria umana sulla natura, poiché frutto di una fermentazione ricercata e difficile.

Nel passato la maggior parte dei formaggi proveniva da latte di mucca o di pecora. Oggigiorno, le tecniche più affinate hanno permesso una tale specializzazione del processo, da creare dei formaggi provenienti da latte di bufala e asino, due latti molto difficili da lavorare.

Parliamo di come si fa il formaggio. La prima cosa da fare, anche se non obbligatoria, è la pastorizzazione del latte scelto. Questo aiuta ad essere più sicuri del proprio prodotto. Dopo di che è solito aggiungere delle colture di batteri, capaci di produrre una carica batterica necessaria per il formaggio. Le colture, dette starters, sono due: mesofile (batteri che vivono in temperature tra i 20 e 40 gradi) o termofile (batteri che vivono a temperature superiori a 45 gradi). Una volta selezionata la coltura, il latte è pronto per coagulare, ossia per solidificarsi. Questo procedimento spetta al caglio, sostanza ricca di enzimi estratta dallo stomaco dei lattanti di origine bovina, ovina o caprina. Possono essere utilizzate delle sostanze coagulanti vegetali per produrre formaggi vegetariani. Concluso tale processo, la cagliata ha bisogno di spurgare l'acqua in eccesso, e viene tagliata con diversi attrezzi. A seguire viene cotta o semicotta e stagionata o mangiata fresca.

Consideriamo adesso due tipologie di formaggio tra le più famose in Puglia: i formaggi di latte bovino e formaggi di latte caprino. Sono molto più consumati e apprezzati quelli a latte bovino, perché più delicati nel sapore, e meno aggressivi nel gusto dei formaggi a latte caprino. In confronto ai formaggi di mucca, però, presentano delle caratteristiche nutritive uniche.

Il latte caprino è il più simile a quello materno, ricco di potassio, ferro, calcio, riboflavina, fosforo e taurina, una sostanza importante per la crescita cerebrale dei bambini. È altamente digeribile, e per questo è consigliato agli intolleranti al lattosio. Inoltre, ha una bassa percentuale di grassi, soprattutto nei formaggi prodotti in estate, dove tocca il 2,7%. Può variare il contenuto di colesterolo a seconda della razza e del tipo di formaggio, ma il formaggio con meno colesterolo è il caprino fresco.

Parlando invece del formaggio bovino, è molto diffuso poiché facile da produrre e ha un sapore abbastanza neutro. Questo spiega il perché è molto facile trovare formaggi di mucca aromatizzati o ricchi di alcune colture batteriche specifiche, in grado di dare un gusto più deciso al formaggio. Sono i formaggi più noti in Puglia, anche per un aspetto storico, legato alla reperibilità del latte vaccino. Il latte vaccino è un alimento ricco di nutrienti come il latte caprino, ma in diverse quantità. le sue componenti sono: acqua (86%), lattosio (5%) e la restante parte è costituita da grassi e proteine. Sono quest'ultimi a determinarne l'importanza nutritiva e l'utilità nella crescita.

Concludiamo affermando che nessuno dei seguenti formaggi è da considerare il migliore, bensì ognuno di essi possiede delle caratteristiche uniche da rendere entrambi un alimento ricco dal punto di vista nutrizionale e gustativo. Starà al consumatore decidere quale possiede le qualità più affini al suo palato.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzetta Necrologie