Giovedì 13 Maggio 2021 | 01:04

NEWS DALLA SEZIONE

Ambiente
Ex Ilva, esposto in Procura sugli attuali livelli di inquinamento

Ex Ilva, esposto in Procura sugli attuali livelli di inquinamento

 
Calcio
Play off di serie C: Bari-Foggia in diretta su RaiSport

Play off di serie C: Bari-Foggia in diretta su RaiSport

 
I numeri
Vaccini, consegnate 141mila dosi Pfizer in Puglia

Vaccini, consegnate 141mila dosi Pfizer in Puglia: prima in Italia con 96,1% somministrazioni

 
Lavoro
Puglia, uno sportello per gli operatori dello sport: iniziativa della Cgil

Puglia, uno sportello per gli operatori dello sport: iniziativa della Cgil

 
Il bollettino nazionale
Covid in Italia, 7.852 nuovi casi e 262 morti nelle ultime 24 ore

Covid in Italia, 7.852 nuovi casi e 262 morti nelle ultime 24 ore

 
L'inchiesta
Corruzione, gip concede domiciliari a giudice arrestato

Corruzione, gip concede domiciliari a giudice arrestato

 
l'ordinanza
C'è il Giro d'Italia, scuole chiuse a Foggia

C'è il Giro d'Italia, scuole chiuse a Foggia

 
L'episodio
Bari, scopre il marito con una prostituta e picchia entrambi

Bari, scopre il marito con una prostituta e picchia entrambi

 
La condanna
Don Uva, Universo Salute dovrà rispondere anche della vecchia gestione

Don Uva, Universo Salute dovrà rispondere anche della vecchia gestione

 
L'omicidio
Ex carabiniere ucciso a Copertino: disposta l'autopsia, due indagati

Carabiniere ucciso a Copertino: disposta l'autopsia, indagati i genitori della sua ex

 
Serie B
Lecce, dieci giorni per ricucire il sogno della promozione in A

Lecce, dieci giorni per ricucire il sogno della promozione in A

 

Il Biancorosso

La novità
Bari, il difensore Alessandro Minelli fermo per tre mesi

Bari, il difensore Alessandro Minelli fermo per tre mesi

 

NEWS DALLE PROVINCE

TarantoAmbiente
Ex Ilva, esposto in Procura sugli attuali livelli di inquinamento

Ex Ilva, esposto in Procura sugli attuali livelli di inquinamento

 
BatL'appuntamento
«The master class», in onda alle 20 su Amica 9 Tv il format in collaborazione con la Gazzetta del mezzogiorno

«The master class», in onda alle 20 su Amica 9 Tv il format in collaborazione con la Gazzetta del mezzogiorno

 
FoggiaIl caso
Arresti al Comune di Foggia: consigliere indagato ancora ricoverato

Arresti al Comune di Foggia: consigliere indagato ancora ricoverato

 
BariL'iniziativa
Grumo, arriva «Sulle ali della libertà», premio in memoria di Alessandro Fariello

Grumo, arriva «Sulle ali della libertà», premio in memoria di Alessandro Fariello

 
BrindisiL'inchiesta
Corruzione, gip concede domiciliari a giudice arrestato

Corruzione, gip concede domiciliari a giudice arrestato

 
Lecceil progetto
San Foca, il mare accessibile ai pazienti fragili

San Foca, il mare accessibile ai pazienti fragili

 
PotenzaCovid
Basilicata, continua a calare il numero di positivi

Basilicata, continua a calare il numero di positivi - LE FOTO

 
PotenzaLa condanna
Don Uva, Universo Salute dovrà rispondere anche della vecchia gestione

Don Uva, Universo Salute dovrà rispondere anche della vecchia gestione

 

i più letti

Il blitz

Sgominato il clan Riviezzi che gestiva il bar del Tribunale a Potenza: 14 arresti. Il video

L'operazione «Iceberg» della Dda, 14 le persone arrestate

Potenza - Un clan familistico. Violento. Una ingente quantità dei denaro rimediata grazie alla complessa attività illecita, non ultima la gestione del bar all'interno del Palazzo di giustizia del capoluogo lucano. Ecco chi sono i Riviezzi. Un video mostra il quartier generale dell'organizzazione durante l'irruzione delle forze dell'ordine, questa mattina.

Nel linguaggio mafioso, a volte un «segno» vale più di tanti colpi di pistola: infatti, riuscire a gestire - anche se attraverso prestanome - il bar all’interno del palazzo di giustizia di Potenza, è da considerarsi un «segno di audace auto-affermazione in un luogo simbolico». Non basta: si tratta anche di una «eclatante dimostrazione della propria forza verso l’esterno» e della garanzia di avere «un osservatorio privilegiato in un palazzo nevralgico nel sistema di tutela e ripristino della legalità».
L’operazione «Iceberg» di Polizia e Gdf a Pignola (Potenza), su impulso della Direzione distrettuale antimafia del capoluogo lucano - costringe a fare un «salto di qualità» nella considerazione che in Basilicata bisogna avere per il fenomeno mafioso. Del resto, il «forte valore simbolico» che ha la gestione di un bar in un palazzo di giustizia fatta propria da un clan è stato sottolineato davanti ai giornalisti dallo stesso Procuratore distrettuale, Francesco Curcio, che non ha perso l’occasione per aggiungere un’altra riflessione: la criminalità organizzata «opera in modo rilevante e significativo in Basilicata ed anche in provincia di Potenza, nonostante si registri non di rado una sottovalutazione del fenomeno».

Secondo la Procura, infatti, il «clan mafioso dei Riviezzi di Pignola» opera «di fatto su tutta la provincia di Potenza», in collaborazione con almeno un clan melfitano ma anche con gruppi criminali calabresi (grazie a «particolari appoggi e considerazione") e campani, «con proiezioni, nel settore degli stupefacenti, anche all’estero». Due anni di indagini hanno portato alla luce «la sua endemica compenetrazione nel tessuto istituzionale ed imprenditoriale del Potentino». La gestione del bar del palazzo di giustizia di Potenza era - fino al sequestro, disposto dal gip distrettuale contestualmente a undici arresti in carcere (anche per il presunto capoclan, Saverio Riviezzi), tre ai domiciliari e tre obblighi di presentazione alla polizia giudiziaria - una specie di fiori all’occhiello. Gestione non diretta ma attraverso prestanome, che «schermavano «soggetti appartenenti o comunque contigui al sodalizio». Nel 2018, un affiliato era riuscito a «convincere» il rappresentante di una società che voleva gestire il bar a «recedere dal ricorso al Tar» contro l’aggiudicazione.

Quando l’uomo fu arrestato, due mesi dopo - insieme al capoclan e ad altri affiliati - nel bar si verificarono «scene di pianto e commozione», registrate dalle telecamere installate dagli investigatori. Le indagini hanno portato anche a far luce su un particolare del delitto di Giancarlo Tetta, ucciso con otto colpi di pistola nel 2008 (il cadavere fu poi bruciato). Il capoclan e un affiliato fornirono l'auto ai sicari di Tetta: era stata rubata a Potenza il giorno prima dell’omicidio. L’inchiesta ha chiarito anche una tentata rapina e un furto (bottino: 235 mila euro) in due uffici postali di Potenza, avvenuti nel 2017 e nel 2018, oltre alla "particolare forza intimidatoria che il clan Riviezzi è in grado di esprimere e di cui risulta di essersi avvalso - ha spiegato la Direzione distrettuale antimafia - in occasione di varie condotte estorsive in danno di imprenditori e commercianti, perpetrate dai suoi affiliati in un arco di tempo che va dal 2013 in poi e fino ad epoca recente».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie