Giovedì 26 Maggio 2022 | 15:40

In Puglia e Basilicata

L'EVENTO

I diritti dei lavoratori in musica, domani il Concertone di Taranto

Sul Palco delle Mura Greche attivisti ed artisti. Probabile presenza di Giuliano Sangiorgi. Diodato: «La voce per abbattere le disuguaglianze»

30 Aprile 2022

Giacomo Rizzo (foto Todaro)

TARANTO - Anche Giuliano Sangiorgi, leader dei Negramaro, dovrebbe esibirsi domani al concertone dell'Uno Maggio Libero e Pensante di Taranto insieme ad Ermal Meta, con il quale a marzo hanno pubblicato il loro primo singolo in duo Una cosa più grande. E' l'indiscrezione emersa questa mattina a margine della conferenza stampa di presentazione dell'evento, che si è svolta davanti al palco nell'area del parco archeologico delle Mura Greche. A spiegare gli ultimi dettagli dell'evento la presidente del Comitato Cittadini e Lavoratori Liberi e Pensanti Simona Fersini, l'attivista Virginia Rondinelli, la giornalista Serena Tarabini e Martina Martorano, che condurranno la manifestazione con Andrea Rivera, e Antonio Diodato, che cura la direzione artistica con Michele Riondino e Roy Paci. Come di consueto la musica farà da amplificatore alla voce degli attivisti che interverranno dal palco per condividere e discutere dal vivo i temi politici intorno ai quali è nata la manifestazione: lavoro, giustizia sociale e ambientale, parità di genere, la pace. Tra i big che saliranno sul palco a partire dalle ore 14 anche Gianni Morandi Gaia, The Zen Circus, Giovanni Caccamo, Fabio Celenza, Cosmo, Calibro 35, Cor Veleno con i Tre allegri ragazzi morti, Don Ciccio African Party, Ditonellapiaga, Eugenio in via di Gioia, Francesco Forni, Med Free Orkestra con Fabrizio Bosso e Chiara Galiazzo, Melancholia, Erica Mou, N.A.I.P., Andrea Pennacchi, Giovanni Truppi, Margherita Vicario e 99 posse.

«In questi giorni di guerra - hanno sottolineato gli organizzatori - è evidente più che mai la violenza del sistema a cui cittadini e lavoratori liberi e pensanti si oppongono da anni, in un territorio a cui non è stato risparmiato nulla: la raffineria e il siderurgico fra i più grandi del paese, il porto della Marina militare e la più grande base Nato italiana». Di questi temi si parlerà, dalle ore 10 alle 12.30, in piazza Federico Fellini, in un dibattito moderato della giornalista Maria Cristina Fraddosio, al quale interverranno tutte le realtà e personalità ospiti di questa edizione in un confronto aperto al pubblico. Dal palco di Uno Maggio si altereranno le riflessioni di movimenti, associazioni e società civile: Luisa Impastato, Aboubakar Soumahoro, Cecilia Strada, Raffaele Crocco, Stefania Barca, Mario Pansera, Cristina Mangia, Francesco Gonella, Valentina Petrini, Roberto Lucchini, Riccardo Noury - portavoce Amnesty International sezione italiana, No Tav, Fridays For Future, Massimo Coraddu – campagna Stop-RWM, No Tap, Associazione Bianca Guidetti Serra, Rete contro la militarizzazione, No Muos, Terra Dei Fuochi, Campagna per il clima fuori dal Fossile, Rise Up 4 Climate Justice, Extinction Rebellion, i lavoratori di Civitavecchia, Falconara, Bergamo, Veneto, Alitalia, Cementir e i lavoratori della cultura e dello spettacolo.

«Ci saranno delle sorprese» ha annunciato Antonio Diodato nel corso della conferenza stampa. «Invitiamo tutti ad arrivare molto presto, anche perché io, Michele Riondino e Roy Paci ci esibiremo in apertura. Colgo l'occasione per ringraziare gli artisti che vengono ad amplificare messaggi importanti perché questa manifestazione avvicina delle anime che hanno la stessa visione del mondo. Noi - ha sottolineato ancora il cantautore, vincitore di Sanremo 2020 - qui vogliamo ribadire che l'unico mondo in cui è possibile vivere pacificamente è un mondo in cui vengono rispettati i diritti di tutti, in cui gli ultimi vengono ascoltati per primi, i più fragili vengono tutelati. Ed è poi quello che ci unisce intorno a questo palco, la visione di un rispetto per il pianeta che ci ospita».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Carica altre news...

 

PODCAST

 

PRIMO PIANO

 
 
 
 
- News dai Territori -
 
Editrice del Mezzogiorno srl - Partita IVA n. 08600270725