Domenica 02 Ottobre 2022 | 15:16

In Puglia e Basilicata

La confisca

Andria, 30 anni di furti e illeciti: era proprietario di un palazzo

Sotto chiave il patrimonio del prluripregiudicato Francesco Recchia: dichiarava 7mila euro l'anno. Immobili acquistati senza mutuo o prestiti

12 Giugno 2018

Redazione on line

I Carabinieri del Comando Provinciale di Bari hanno confiscato beni mobili ed immobili riconducibili al pluripregiudicato andriese Francesco Recchia e ai suoi familiari. L'uomo, più volte condannato per furto e ricettazione, attualmente sorvegliato speciale di P.S, ha illecitamente accumulato, sin dai primi anni 80, capitali che ha reinvestito nell’acquisto di un intero stabile, sito in Andria, composto da due appartamenti di oltre 200 metri quadri ciascuno, ed un ampio locale commerciale. L’intera acquisizione immobiliare è stata effettuata senza mai fare ricorrere a prestiti o mutui bancari.

La magistratura ha condiviso le indagini dei militari che hanno accertato l’illecita provenienza dei capitali accumulati dal proposto e dai suoi congiunti. Il provvedimento è stato emesso dalla sezione misure di prevenzione del tribunale di Trani. Lo stile di vita di Recchia, monitorato dagli investigatori per oltre 30 anni, ha consentito di appurare che, a fronte di un reddito medio annuo dichiarato al fisco di circa € 7.000, ha investito somme di denaro quantificate in  oltre 1 milione di euro.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Carica altre news...

 

PODCAST

 

PRIMO PIANO

 
 
 
 
- News dai Territori -
 
Editrice del Mezzogiorno srl - Partita IVA n. 08600270725