Lunedì 22 Ottobre 2018 | 17:03

NEWS DALLA SEZIONE

A Taranto
Tornelli rotti all'Ilva: venerdì scatta lo sciopero per i lavoratori dell'appalto

Tornelli rotti all'Ilva: venerdì scatta lo sciopero per...

 
La città delle ceramiche
Grottaglie nuova Città Europea dello Sport 2020, Emiliano: «Ok gioco di squadra»

Grottaglie nuova Città Europea dello Sport 2020, Emilia...

 
La classifica
Taranto poco smart: al 120esimo posto per vivibilità

Taranto poco smart: al 102esimo posto per vivibilità

 
Nella città vecchia
Taranto, nel ristorante di pescel'energia elettrica era... a sbafo

Taranto, nel ristorante di pesce l'energia elettrica er...

 
Scoperta dal Noe di Lecce
Manduria, piantagione ulivi trasformata in discarica

Manduria, piantagione ulivi trasformata in discarica

 
Consegnate al comune
Petizione genitori tarantini per chiudere Ilva, raccolte 4mila firme

Petizione genitori tarantini per chiudere Ilva, raccolt...

 
Nel Tarantino
S.G. Jonico, autocarro investe e uccide ciclista 80enne

San Giorgio Jonico, autocarro investe e uccide ciclista...

 
Dopo l'intervento
Taranto, bimba gettata dal balcone: trasferita al Gemelli

Taranto, bimba gettata dal balcone: trasferita al Gemel...

 
Lotta allo spaccio
Marina di Ginosa, ritrovati 60 kg di marijuana in un casolare: 2 arresti

Marina di Ginosa, ritrovati 60 kg di marijuana in un ca...

 
Il caso
Taranto, provocò un incidente in cui una bimba rimase gravemente ferita: a giudizio 23enne

Taranto, provocò incidente e bimba perse una mano: a gi...

 
Il siderurgico
Ilva, il tempo stringe: chi assumerà Mittal? Lavoratori ancora al buio

Ilva, il tempo stringe: chi assumerà Mittal? Lavoratori...

 
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno

i più letti

Dai Cc del Noe

Cedimenti nella cava
sequestrata area a Statte

ci sarebbe una situazione di pericolo determinata dalla presenza di fessurazioni, cavità e cedimenti sui fronti di cava

carabinieri Noe

I carabinieri del Nucleo operativo ecologico di Lecce hanno sottoposto a sequestro preventivo d’urgenza nel territorio di Statte (Taranto) un’area di venticinquemila metri quadrati, all’interno della quale si stava esercitando attività estrattiva di pietra calcarea in assenza delle prevista autorizzazione alle emissioni in atmosfera e del documento di sicurezza e salute coordinato dei lavoratori. Dubbi sono sorti anche in relazione alla stabilità della cava. Contrariamente a quanto attestato nella documentazione fornita, infatti, ci sarebbe una situazione di pericolo determinata dalla presenza di fessurazioni, cavità e cedimenti sui fronti di cava non espressamente rilevati nella relazione. Sono stati inoltre sottoposti a sequestro una pala, un escavatore cingolato ed un mezzo per il trasporto dei materiali di cava, nonchè due impianti mobili per la frantumazione di inerti. Quattro le persone denunciate, il legale rappresentante della società proprietaria della cava, quello della ditta che si occupa del trattamento e del trasporto della pietra, il direttore della cava ed il geologo che ha redatto i documenti di sicurezza. Le ipotesi di reato contestate dal noe sono quelle della inosservanza delle norme relative alla sicurezza ed alla salute dei lavoratori, delle emissioni in atmosfera non autorizzate, e delle false attestazioni nella relazione inerente alla stabilità dei fronti di cava. Il valore complessivo dei beni sottoposti a sequestro è di circa settecentomila euro.(

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400