Lunedì 23 Novembre 2020 | 22:39

NEWS DALLA SEZIONE

L'evento
Vela, sarà Taranto a ospitare la prima tappa europea della SailGP 2021

Vela, sarà Taranto a ospitare la prima tappa europea della SailGP 2021

 
Il caso
Processo ex Ilva, uno dei pm è positivo al Covid ma si avanti

Processo ex Ilva, uno dei pm è positivo al Covid ma si avanti

 
maltrattamenti in famiglia
Grottaglie, picchia anziano genitore in preda ai fumi dell'alcol: arrestato 50enne

Grottaglie, picchia anziano genitore in preda ai fumi dell'alcol: arrestato 50enne

 
La gara
Nuoto, Pilato arriva quinta a Budapest: lo spettacolo è Dressel

Nuoto, Pilato arriva quinta a Budapest: lo spettacolo è Dressel

 
Per Santa Cecilia
Covid 19 Taranto, mons. Santoro: «Fermare pandemia e distruzione ambiente»

Covid 19 Taranto, mons. Santoro: «Fermare pandemia e distruzione ambiente»

 
Il virus
Taranto, positivo al Covid anche il presidente della Provincia Gugliotti

Taranto, positivo al Covid anche il presidente della Provincia Gugliotti

 
nel Tarantino
Torre Ovo, donna trovata impiccata: indagato il marito

Torre Ovo, donna trovata impiccata: indagato il marito

 
Il provvedimento
Taranto, notte di Santa Cecilia «vietata» alle bande

Taranto, notte di Santa Cecilia «vietata» alle bande

 
la tragedia
Taranto, scontro frontale tra due auto sulla SS100: due morti di 57 e 35 anni

Taranto, scontro frontale tra due auto sulla SS100: due morti di 57 e 35 anni

 
la sentenza
Taranto, abusi sui figli disabili: madre, convivente e due uomini condannati a 60 anni di carcere

Taranto, abusi sui figli disabili: madre, convivente e due uomini condannati a 60 anni di carcere

 
La lettera
Genitori Taranto scrivono a Mattarella in Giornata Diritti nel Fanciullo: «Qui nulla da festeggiare»

Genitori Taranto scrivono a Mattarella in Giornata Diritti nel Fanciullo: «Qui nulla da festeggiare»

 

Il Biancorosso

SERIE C
Casertana-Bari 0-2: i biancorossi si rialzano dopo il ko con la Ternana

Casertana-Bari 0-2: i biancorossi si rialzano dopo il ko con la Ternana

 

NEWS DALLE PROVINCE

LecceIl caso
Covid 19, positiva addetta ai pasti: chiusa scuola dell'infanzia a Lecce

Covid 19, positiva addetta ai pasti: chiusa scuola dell'infanzia a Lecce

 
BariIl caso
Covid, rientra l'allarme in casa di riposo ad Alberobello: ora solo 1 positivo

Covid, rientra l'allarme in casa di riposo ad Alberobello: ora solo 1 positivo

 
FoggiaIl caso
Sparatoria in un quartiere popolare di Foggia: un ferito

Sparatoria in un quartiere popolare di Foggia: un ferito FOTO

 
TarantoL'evento
Vela, sarà Taranto a ospitare la prima tappa europea della SailGP 2021

Vela, sarà Taranto a ospitare la prima tappa europea della SailGP 2021

 
BatA Barletta
Natale al tempo del Covid 19, Boccia: «Con 700 morti al giorno è fuori luogo parlare di cenoni»

Natale col Covid, Boccia: «Con 700 morti al giorno fuori luogo parlare di cenoni. Aree provinciali? Non cambia»

 
PotenzaIl caso
Potenza, i pilomat «vandalizzati» costano cari al Comune

Potenza, i pilomat «vandalizzati» costano cari al Comune

 
BrindisiVita amministrativa
Brindisi, bufera al Comune: sul bilancio Forza Itala e il Pd ai ferri corti

Brindisi, bufera al Comune: sul bilancio Forza Itala e il Pd ai ferri corti

 
Potenzadati regionali
Covid in Basilicata, 281 nuovi positivi su circa 2mila test durante il week end e altri 4 decessiA Matera tamponi drive in con la Marina

Covid Basilicata, + 281 positivi su circa 2mila test durante week end e + 4 decessi. A Matera tamponi drive in con la Marina

 

i più letti

«Scammer’s paradise»

Taranto, truffe milionarie: in 94 rischiano il giudizio

Un anno fa i 26 arresti, con una sessantina di società coinvolte in un presunto maxi raggiro a livello internazionale

Taranto, Truffe milionarie, 94 indagati

TARANTO - Approda al vaglio del giudice per l'udienza preliminare l’inchiesta «Scammer’s Paradise», cioè paradiso dei truffatori, svolta dai militari del nucleo di polizia economico-finanziaria della guardia di finanza.

A poco più di un anno dalle 26 ordinanze di custodia cautelare (14 in carcere e 12 ai domiciliari) sorrette anche da un sequestro di circa 13,5 milioni di euro a carico di indagati e una sessantina di società coinvolte in un presunto maxi raggiro, sono 94 ora gli imputati a cui il sostituto procuratore Remo Epifani contesta a vario titolo circa 130 capi d’accusa, tra cui associazione a delinquere e truffa aggravata, usura, estorsione, riciclaggio, autoriciclaggio, trasferimento fraudolento di valori e false comunicazioni sociali.

La richiesta di rinvio a giudizio firmata dal pubblico ministero Remo Epifani individua anche dieci parti offese, tra società e persone fisiche.

Secondo gli investigatori delle fiamme gialle, era Grottaglie il centro nevralgico dove venivano studiate e messe in atto ingegnose truffe milionarie messe a segno in tutta Italia ai danni di colossi della telefonia e dell’informatica.
Sono due le presunte associazioni per delinquere individuate dagli investigatori. La mente della geniale operazione illecita, secondo gli investigatori, era Diego Vestita, grottagliese di 48 anni con precedenti arresti per truffa e droga e coinvolto anche nell’operazione “Dirty money”. A lui sono contestate circa 90 truffe.

Le indagini dei finanzieri sono partite a marzo del 2017 dai controlli a carico di un condannato per mafia, ritenuto vicino a Vestita.

Dalle intercettazioni sono emerse numerose truffe messe a segno dal grottagliese ai danni di multinazionali come Fastweb, Xerox e Hp che operano nella vendita e nel noleggio di beni tecnologici e sistemi informatici.

A Grottaglie poi c’era una seconda presunta associazione per delinquere, guidata da Enrico Urgesi, anch’egli gravato da precedenti specifici. Operava nel settore dei prodotti informatici ed elettronici.
Attraverso annunci online e finte sedi sparse in tutta Italia, il gruppo contattava altre aziende del settore per acquistare materiale, poi rivenduto a nero, pagando solo le prime rate e facendo perdere le proprie tracce grazie a un sistema di società fantasma o inattive.

Nel novero degli indagati, infatti c’è uno stuolo di soggetti accusati di aver fatto da prestanome quali titolari di società create ad arte per mettere a segno le truffe, con la complicità di un commercialista che falsificava i bilanci e li depositava in Camera di Commercio.
I prestanome erano ricercati e assoldati da due soggetti con precedenti per associazione per delinquere di stampo mafioso, uno legato al clan D’Amore, l’altro al clan D’Oronzo.

Secondo l’accusa i proventi delle truffe, svariati milioni di euro, erano reinvestiti in attività usuraia ma anche in attività lecite finite sotto sequestro come autolavaggi, un supermercato di Altamura, rivendite di auto, distributori di carburanti e centri benessere.

Per non essere intercettati, gli associati usavano telefoni cellulari di vecchia generazione e cambiavano continuamente schede Sim, intestate anche queste a prestanome.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie