Martedì 07 Luglio 2020 | 21:33

NEWS DALLA SEZIONE

Preso dai Cc
Taranto, spacciatore tradito da un incidente: aveva droga in auto

Taranto, spacciatore tradito da un incidente: aveva droga in auto

 
ambiente
Taranto, nube di polveri in area ex Ilva: depositato esposto Comune

Taranto, nube di polveri in area ex Ilva: depositato esposto Comune

 
nel Tarantino
Grottaglie, maltrattamenti e minacce ai familiari per 10 anni: 22enne in carcere

Grottaglie, maltrattamenti e minacce ai familiari per 10 anni: 22enne in carcere

 
nel Tarantino
Palagiano, crolla solaio a scuola, famiglie preoccupate: «Tragedia sfiorata»

Palagiano, crolla solaio a scuola, famiglie: «Tragedia sfiorata». La replica del sindaco

 
la città
Taranto, si costituisce Comitato cittadino per la salute e l'ambiente

Taranto, si costituisce Comitato cittadino per la salute e l'ambiente

 
Ambiente
Taranto, boom di pm 10 ai Tamburi: il sabato nero dell'ex Ilva

Taranto, boom di pm10 ai Tamburi: il sabato nero dell'ex Ilva

 
nel Tarantino
Martina Franca, picchia infermiere del pronto soccorso: arrestato 50enne

Martina Franca, picchia infermiere del pronto soccorso: arrestato 50enne

 
nel Tarantino
Castellaneta, sequestrato intero terreno coltivato con 70mila piante di cannabis: 4 arresti

Castellaneta, sequestrato intero terreno coltivato con 70mila piante di cannabis: 4 arresti

 
In via Leonida
Taranto, entro metà agosto sarà ultimato il parcheggio nell'ex artiglieria

Taranto, entro metà agosto sarà ultimato il parcheggio nell'ex Artiglieria

 
Il siderurgico
ArcelorMittal, sindaco di Taranto: «Valutiamo esposto su emissioni»

ArcelorMittal, sindaco di Taranto: «Valutiamo esposto su emissioni»

 

Il Biancorosso

Serie C
Gautieri: «Bari, se devo affrontarti spero sia nella partita della finale»

Gautieri: «Bari, se devo affrontarti spero sia nella partita della finale»

 

NEWS DALLE PROVINCE

BrindisiE' ricoverato
Da Milano in vacanza a Villanova: turista va in ospedale, positivo al Covid

Da Milano in vacanza a Villanova: turista va in ospedale, positivo al Covid

 
TarantoPreso dai Cc
Taranto, spacciatore tradito da un incidente: aveva droga in auto

Taranto, spacciatore tradito da un incidente: aveva droga in auto

 
Potenzaper 24 tifosi
Tifoso Vultur Rionero investito: gup Potenza accoglie istanze per messa alla prova

Tifoso Vultur Rionero investito: gup Potenza accoglie istanze per messa alla prova

 
Batper i dipendenti
Asl-Bat, ecco le «ferie solidali», da cedere a colleghi in difficoltà

Asl-Bat, ecco le «ferie solidali», da cedere a colleghi in difficoltà

 
Foggial'episodio a giugno
Foggia, dà un pugno a un minore e gli ruba la minicar: arrestato sorvegliato speciale

Foggia, dà un pugno a un minore e gli ruba la minicar: arrestato sorvegliato speciale

 
MateraIl caso
Matera, pulizia nei Sassi: il progetto resta nel cassetto

Matera, pulizia nei Sassi: il progetto resta nel cassetto

 

i più letti

Oncologia

Taranto, tenda climatizzata per i pazienti in fila

La proposta della Asl. Ieri l’incontro tra Rossi e Franzoso

ranto

Presto una soluzione logistica per i pazienti oncologici in coda (battezzate le “file della vergogna”) sotto il sole torrido di questa prima estate, davanti all’ospedale Moscati, in attesa di entrare per effettuare la propria cura.
Potrebbe servire allo scopo una copertura climatizzata all’esterno dell’ospedale, magari utilizzando le tensostrutture della Protezione civile usate in piena emergenza Covid e che, ora dismesse, dovranno essere climazzate proprio per attutire il disagio. Una soluzione che richiederà comunque qualche giorno per l’allestimento.

È quanto assicurato ieri dal direttore generale dell’Asl Ta, Stefano Rossi, alla consigliera regionale Francesca Franzoso (FI) che, dopo aver evidenziato la scorsa settimana i disagi a cui stava andando incontro un certo numero di pazienti fragili quali, appunto, gli oncologici, l’altro ieri – vista la persistenza della cosa - era tornata a protestare ed a chiedere un incontro ai vertici aziendali.

Stessa protesta era giunta anche dal consigliere regionale Renato Perrini (FdI). Le soluzioni da mettere in campo potrebbero dover riguardare un periodo di tempo limitato, sostanzialmente il mese di luglio, in quanto ad agosto – è stato evidenziato – sarà pienamente funzionante la Radioterapia dove sono in corso lavori di adeguamento per l’arrivo dei nuovi macchinari. Ma i malati in attesa in coda all’esterno sono anche quelli che effettuano quotidianamente terapie chemioterapiche presso gli altri reparti dove, come nel resto delle strutture ospedaliere, vigono rigide regole anti-contagio e, dunque, ingressi scaglionati e fortemente contingentati.

Inevitabile che, anche con un’articolazione temporale diluita nel tempo, i pazienti siano nelle condizioni di dover comunque attendere. Cosa che, appunto, accade all’esterno, sotto il sole.

«Il dg Rossi sostiene che tali file già non si creano più – afferma la consigliera Franzoso -. Io sostengo che evidentemente le segnalazioni sono servite a prestare più attenzione. Personalmente, continuo a ricevere segnalazioni di questo tipo. Anche se la durata di tale attesa va riducendosi, una soluzione sia pure per un breve periodo va trovata, considerando la fragilità delle persone».

Inoltre, in merito ai pazienti oncologici costretti a fare la radioterapia fuori provincia nelle more del completamento dei lavori per l’allestimento dei nuovi macchinari, l’altro ieri l’Asl aveva precisato che si tratta del 40% di pazienti. Una trentina, numericamente, i pazienti in queste condizioni, è stato precisato ieri. In questo caso l’impegno assunto dall’Asl è quello di contattarli tutti per capire dove queste persone stanno incontrando problemi e quali i disagi che stanno vivendo.

«Ho lamentato che in questo momento alle persone viene fornito semplicemente un numero di telefono a cui rivolgersi personalmente – aggiunge Franzoso -. Non esiste alcuna corsia preferenziale in una sorta di rete interna che si faccia carico degli appuntamenti. Gli utenti lamentano, infatti, di aver chiamato ma non aver ricevuto risposta oppure di non aver avuto appuntamento a breve venendo considerati come pazienti che si presentano per la prima volta in una struttura ospedaliera diversa da quella propria di riferimento. È stato assicurato che anche questo aspetto troverà una soluzione e che il paziente che dovrà spostarsi fuori provincia per fare il trattamento, sarà preso in carico dal Coro (Centro orientamento oncologico). Sarà questo organismo a curare contatti e quant’altro. Il dg Rossi – conclude la consigliera Franzoso - ha assicurato che fornirà a breve un riscontro di quali sono le problematiche riscontrate da queste 30 persone e quali le modalità di risoluzione messe in campo dall’Asl».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie