Domenica 25 Luglio 2021 | 21:53

NEWS DALLA SEZIONE

Ambiente
Taranto, video-trappole in azione contro gli incivili

Taranto, video-trappole in azione contro gli incivili

 
Tragedia sfiorata
Taranto, tenta di ammazzare il rivale in amore: arrestato

Taranto, tenta di ammazzare il rivale in amore: arrestato

 
L'impatto
Taranto, finisce contro un muro in moto: morto 35enne di Brindisi

Taranto, finisce contro un muro in moto: morto 35enne di Brindisi

 
Il caso
Taranto, sparatoria allo Yachting Club di San Vito: convalidato fermo 37enne

Taranto, sparatoria allo Yachting Club di San Vito: convalidato fermo 37enne

 
Il caso
Aggressione a ex collega, condannati 4 esponenti dell'Usb Taranto

Aggressione a ex collega, condannati 4 esponenti dell'Usb Taranto

 
Il siderurgico
Ex Ilva, cassa Covid di 13 settimane per massimo 3.500 addetti. Usb: «Mancanza di prospettiva»

Ex Ilva, cassa Covid di 13 settimane per massimo 3.500 addetti. Usb: «Mancanza di prospettiva»

 
Allarme
Torre Colimena, In giro armato e ubriaco: denunciato nel Tarantino

Torre Colimena, In giro armato e ubriaco: denunciato nel Tarantino

 
violenza in famiglia
Taranto, avrebbe ucciso la moglie: piantonato in ospedale

Taranto, avrebbe ucciso la moglie: piantonato in ospedale

 
qualità della vita
Taranto, rinasce il quartiere Salinella per i Giochi del Mediterraneo

Taranto, rinasce il quartiere Salinella per i Giochi del Mediterraneo

 
Acciaierie di Italia
Taranto, Ex Ilva, Tar: ora il Ministero concluda riesame ex Batteria 12

Taranto, Ex Ilva, Tar: ora il Ministero concluda riesame ex Batteria 12

 
le indagini
Sparatoria pub Taranto: violate norme anti-Covid, chiuso bar

Sparatoria pub Taranto: violate norme anti-Covid, chiuso bar

 

Il Biancorosso

Sport
Focolaio tra i giocatori del Bari: predisposto il trasferimento dei 9 positivi

Focolaio tra i giocatori del Bari: predisposto il trasferimento dei 9 positivi

 

NEWS DALLE PROVINCE

Lecceblitz della polizia
Interrotta in Salento festa in villa con 200 ragazzi

Interrotta in Salento festa in villa con 200 ragazzi

 
Foggial'episodio
Migranti: un uomo ferito a coltellate nel Ghetto di Foggia

Migranti: un uomo ferito a coltellate nel Ghetto di Foggia

 
Materaeconomia
Appalti col massimo ribasso? «Danneggiano lavoratori e cittadini»

Appalti col massimo ribasso? «Danneggiano lavoratori e cittadini»

 
Baril'emergenza
Bari, cena in bianco no cibo di strada sì: polemica sugli eventi all’aperto

Bari, cena in bianco no cibo di strada sì: polemica sugli eventi all’aperto

 
Brindisisangue sulle strade
Scontro tra auto, un morto e un ferito nel Brindisino

Scontro tra auto, un morto e un ferito nel Brindisino

 
Potenzacovid
Basilicata, dilaga la variante Delta

Basilicata, dilaga la variante Delta

 
TarantoAmbiente
Taranto, video-trappole in azione contro gli incivili

Taranto, video-trappole in azione contro gli incivili

 

i più letti

Oncologia

Taranto, tenda climatizzata per i pazienti in fila

La proposta della Asl. Ieri l’incontro tra Rossi e Franzoso

ranto

Presto una soluzione logistica per i pazienti oncologici in coda (battezzate le “file della vergogna”) sotto il sole torrido di questa prima estate, davanti all’ospedale Moscati, in attesa di entrare per effettuare la propria cura.
Potrebbe servire allo scopo una copertura climatizzata all’esterno dell’ospedale, magari utilizzando le tensostrutture della Protezione civile usate in piena emergenza Covid e che, ora dismesse, dovranno essere climazzate proprio per attutire il disagio. Una soluzione che richiederà comunque qualche giorno per l’allestimento.

È quanto assicurato ieri dal direttore generale dell’Asl Ta, Stefano Rossi, alla consigliera regionale Francesca Franzoso (FI) che, dopo aver evidenziato la scorsa settimana i disagi a cui stava andando incontro un certo numero di pazienti fragili quali, appunto, gli oncologici, l’altro ieri – vista la persistenza della cosa - era tornata a protestare ed a chiedere un incontro ai vertici aziendali.

Stessa protesta era giunta anche dal consigliere regionale Renato Perrini (FdI). Le soluzioni da mettere in campo potrebbero dover riguardare un periodo di tempo limitato, sostanzialmente il mese di luglio, in quanto ad agosto – è stato evidenziato – sarà pienamente funzionante la Radioterapia dove sono in corso lavori di adeguamento per l’arrivo dei nuovi macchinari. Ma i malati in attesa in coda all’esterno sono anche quelli che effettuano quotidianamente terapie chemioterapiche presso gli altri reparti dove, come nel resto delle strutture ospedaliere, vigono rigide regole anti-contagio e, dunque, ingressi scaglionati e fortemente contingentati.

Inevitabile che, anche con un’articolazione temporale diluita nel tempo, i pazienti siano nelle condizioni di dover comunque attendere. Cosa che, appunto, accade all’esterno, sotto il sole.

«Il dg Rossi sostiene che tali file già non si creano più – afferma la consigliera Franzoso -. Io sostengo che evidentemente le segnalazioni sono servite a prestare più attenzione. Personalmente, continuo a ricevere segnalazioni di questo tipo. Anche se la durata di tale attesa va riducendosi, una soluzione sia pure per un breve periodo va trovata, considerando la fragilità delle persone».

Inoltre, in merito ai pazienti oncologici costretti a fare la radioterapia fuori provincia nelle more del completamento dei lavori per l’allestimento dei nuovi macchinari, l’altro ieri l’Asl aveva precisato che si tratta del 40% di pazienti. Una trentina, numericamente, i pazienti in queste condizioni, è stato precisato ieri. In questo caso l’impegno assunto dall’Asl è quello di contattarli tutti per capire dove queste persone stanno incontrando problemi e quali i disagi che stanno vivendo.

«Ho lamentato che in questo momento alle persone viene fornito semplicemente un numero di telefono a cui rivolgersi personalmente – aggiunge Franzoso -. Non esiste alcuna corsia preferenziale in una sorta di rete interna che si faccia carico degli appuntamenti. Gli utenti lamentano, infatti, di aver chiamato ma non aver ricevuto risposta oppure di non aver avuto appuntamento a breve venendo considerati come pazienti che si presentano per la prima volta in una struttura ospedaliera diversa da quella propria di riferimento. È stato assicurato che anche questo aspetto troverà una soluzione e che il paziente che dovrà spostarsi fuori provincia per fare il trattamento, sarà preso in carico dal Coro (Centro orientamento oncologico). Sarà questo organismo a curare contatti e quant’altro. Il dg Rossi – conclude la consigliera Franzoso - ha assicurato che fornirà a breve un riscontro di quali sono le problematiche riscontrate da queste 30 persone e quali le modalità di risoluzione messe in campo dall’Asl».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzetta Necrologie