Domenica 12 Luglio 2020 | 09:13

NEWS DALLA SEZIONE

Vino
Primitivo di Manduria, stop di 3 anni a crescita dei vigneti

Primitivo di Manduria, stop di 3 anni a crescita dei vigneti

 
Il caso
Taranto, gambizza un pregiudicato in strada: fermato 42enne

Taranto, gambizza un pregiudicato in strada: fermato 42enne

 
Opere pubbliche
Taranto accelera sui parcheggi: operativo il piano del Comune

Taranto accelera sui parcheggi: operativo il piano del Comune

 
il siderurgico
Taranto, ritardi fatture: gli autotrasportatori in protesta

Taranto, ritardi fatture: gli autotrasportatori in protesta

 
dal 14 al 19 luglio
Tutto pronto per il Taranto Jazz Festival: Tosca è l'ospite d'onore della prima edizione

Tutto pronto per il Taranto Jazz Festival: Tosca è l'ospite d'onore della prima edizione

 
La novità
Asl Taranto acquista capannone per Cittadella del Carnevale

Asl Taranto acquista capannone per Cittadella del Carnevale

 
La decisione
Taranto, al via il piano contro le cozze straniere nel Mar Piccolo

Taranto, al via il piano contro le cozze straniere nel Mar Piccolo

 
Il caso
Manduria, bruciano 10 ettari di uliveto al sindaco: indagano i carabinieri

Manduria, bruciano 10 ettari di uliveto al sindaco: indagano i carabinieri

 
Sanità
Taranto, al via campagna vaccinazione anti pneumococcica

Taranto, al via campagna vaccinazione anti pneumococcica

 
la visita
Taranto, ministra Bellanova: «Agricoltura settore del futuro, occorre puntare sui giovani»

Taranto, ministra Bellanova: «Agricoltura settore del futuro, occorre puntare sui giovani»

 
La decisione
Sava, anziano perseguitato. In cinque a processo

Sava, anziano maltrattato e minacciato: in 5 a processo

 

Il Biancorosso

calcio
Bari, si avvicina la sfida playoff, Simeri: «Daremo tutto»

Bari, si avvicina la sfida playoff, Simeri: «Daremo tutto»

 

NEWS DALLE PROVINCE

BatIncidente ferroviario
Andria, quattro anni di dolore in attesa della sentenza

Nordbarese: 4 anni fa lo scontro fra treni, il dolore e l'attesa per la sentenza

 
BariI controlli
Bari, pesce non tracciato e ricci: sequestrati 3 quintali da Guardia costiera

Bari, pesce non tracciato e ricci: sequestrati 3 quintali da Guardia costiera

 
GdM.TVL'intervista
Racale, chi rapì il piccolo Mauro? La mamma: « Dopo 43 anni chiediamo la verità e che torni a casa»

Racale, chi rapì il piccolo Mauro? La mamma: « Dopo 43 anni chiediamo la verità e che torni a casa»

 
TarantoVino
Primitivo di Manduria, stop di 3 anni a crescita dei vigneti

Primitivo di Manduria, stop di 3 anni a crescita dei vigneti

 
FoggiaFurto e riciclaggio
Cerignola, sorpresi a smontare auto fuggono alla vista dei CC: 2 arrestati

Cerignola, sorpresi a smontare auto fuggono alla vista dei CC: 2 arrestati

 
PotenzaIstruzione
Basilicata, Medicina: manca solo la firma, dal 2021 qui 60 matricole

Basilicata, Medicina: manca solo la firma, dal 2021 qui 60 matricole

 
BrindisiCriminalità
Fasano, presto le ronde contro i furti nelle abitazioni

Fasano, presto le ronde contro i furti nelle abitazioni

 
MateraIl ritrovamento
Trafugata nel 2008 la scultura del cane di San Rocco torna in chiesa a Gorgoglione

Trafugata nel 2008 la scultura del cane di San Rocco torna in chiesa a Gorgoglione

 

i più letti

emergenza coronavirus

Mittal Taranto, intesa azienda sindacati: stop Acciaieria 1. Melucci: «Produzione ora non più essenziale»

Intanto gli ambientalisti del movimento «Giustizia per Taranto» chiedono il rispetto del DPCM del 22 marzo scorso

Ilva, nel piano Mittal Marcegagliaspuntano oltre 2400 esuberi

TARANTO - Entro la giornata di oggi verranno fermati gli impianti dell’Acciaieria 1 dello stabilimento siderurgico ArcelorMittal di Taranto nell’ambito delle misure di contenimento dei rischi di contagio da Coronavirus. Lo ha comunicato oggi la dirigenza alle Rsu (Rappresentanze sindacali unitarie). Entro mercoledì gli stessi impianti saranno messi in sicurezza come da procedure aziendali. Il personale interessato che dovrà fermarsi e usufruirà della cassa integrazione dopo lo smaltimento ferie è di 521 unità. Resterà solo il presidio di alcuni lavoratori a salvaguardia degli impianti.


La Uilm spiega che da subito 15 operai saranno dislocati in Acciaieria 2 per alcune postazioni scoperte e nel tempo, in caso di necessità, sarà coinvolto ulteriore personale. Con la fermata dell’Acciaieria 1 lo stabilimento passa dalle 48 colate giornaliere a circa 30 colate. L’Acciaieria 2 lavorerà con tre convertitori. 

OPERAZIONI DI FERMATA -  Proseguono nello stabilimento ArcelorMittal di Taranto, in conseguenza dell’accordo tra azienda e sindacati sulle misure di contenimento dei rischi di contagio da Coronavirus, le operazioni di fermata dell’Altoforno 2, impianto dell’area a caldo che fu al centro di uno scontro giudiziario e che ha ottenuto la proroga della facoltà d’uso nel gennaio scorso grazie a un provvedimento favorevole del Tribunale del riesame.

La Fim Cisl, dopo l’incontro di oggi tra la dirigenza e le Rsu (Rappresentanze sindacali unitarie), precisa che l’Afo2 da "venerdì notte è stato assoggettato all’abbassamento della carica onde evitare ripercussioni tecniche e shock termici, ma senza effettuare il colaggio della salamandra, visti i tempi contingentati. Gli scambiatori di calore Cowper continueranno ad essere alimentati per non deteriorare irrimediabilmente gli impianti». A seguito della fermata, aggiunge la Fim, «verrà utilizzato unicamente il personale necessario per la messa in sicurezza dell’impianto, in successione del quale verranno lasciati unicamente i presidi. A fine operazione saranno collocati in cassa integrazione 56 operai. L’azienda si sta attrezzando per cercare di verificare la possibilità di anticipare eventualmente la fermata, compatibilmente anche - conclude l’organizzazione sindacale - con il reperimento dei ricambi e l’impiego delle ditte per la manutenzione, che originariamente era prevista per fine aprile».

LA RICHIESTA DEGLI AMBIENTALISTI - «L'acciaieria ex Ilva non rientra nelle aziende che producono beni essenziali e, quindi, per tale motivo, autorizzate a proseguire l’attività». Lo afferma il movimento ambientalista Giustizia per Taranto, aggiungendo che "secondo il DPCM del 22 marzo sono sospese, sino al 3 aprile, tutte le attività produttive industriali ad eccezione di quelle indicate nell’allegato 1 del DPCM. Nell’allegato 1, che elenca i codici ateco delle attività consentite, non c'è il codice 24.10, quello che riguarda le acciaierie». Il movimento fa presente che l'ex Ilva «rientra comunque nelle attività previste dalla lettera G dell’articolo 1 del DPCM (impianti a ciclo produttivo continuo).

Per queste è prevista la prosecuzione della attività previa comunicazione al Prefetto, ma solo al fine di evitare che l'interruzione provochi un grave pregiudizio agli impianti o problemi di sicurezza». Alla luce di «tali presupposti, ed escludendo - afferma Giustizia per Taranto - che l’interruzione della produzione di Mittal per 15 giorni sia un problema di rilevanza strategica nazionale (fattispecie prevista lettera H), riteniamo che lo stabilimento ArcelorMittal vada messo in regime di comandata: cioè produzione ferma ma garantendo il personale minimo per questioni di sicurezza e di non pregiudizio degli stessi». Secondo il movimento ambientalista, «ogni altra soluzione (ad esempio il proseguimento della produzione) sarebbe in contrasto con quanto previsto dal DPCM ed incoerente rispetto alla mission dello stesso: limitare gli spostamenti al fine di diffondere il Coronavirus».

LA LETTERA DI MELUCCI - Non sembra evincersi l'essenzialità dei servizi produttivi di ArcelorMittal Italia presso lo stabilimento di Taranto». Lo scrive il sindaco di Taranto Rinaldo Melucci in una lettera al prefetto Demetrio Martino.
Preso atto «delle prerogative che il Dpcm riconosce in capo ai Prefetti e considerato l’elevato numero di lavoratori interessati da potenziali esposizioni all’agente patogeno (con relative ricadute sul resto della popolazione)», il primo cittadino chiede di informare il Comune «di ogni comunicazione pervenuta dal gestore degli impianti; di fornire ogni utile informazione circa l’eventuale essenzialità delle attività svolte dallo stabilimento siderurgico di Taranto e la relativa applicazione delle disposizioni del Dpcm con le conseguenti modalità di applicazione». Melucci porta a conoscenza il prefetto «delle numerose richieste di analoga portata pervenute al Civico Ente dalle organizzazioni sindacali» ed evidenzia come per il Comune sia «preminente la tutela della salute pubblica rispetto qualsiasi altra considerazione correlata all’attività produttiva dello stabilimento stesso».

I SINDACATI -  Nel corso di un incontro con l'azienda che si è svolto nel pomeriggio di oggi, i sindacati Fim, Fiom, Uilm e Usb hanno chiesto di «ridurre ulteriormente al massimo la presenza dei lavoratori diretti e dell’appalto», aggiungendo che «ciò è possibile solo con marcia al minimo tecnico in assetto di comandata, per scongiurare il serio rischio di una esplosione dei contagi» da coronavirus. Lo comunicano in una nota congiunta le organizzazioni sindacali, che hanno chiesto un incontro urgente al prefetto di Taranto Demetrio Martino «in merito alle ultime novità contenute nel Dpcm sul Coronavirus e considerate la mancanza di sostanziali risposte a seguito dell’incontro odierno con i vertici di ArcelorMittal». Secondo Fim, Fiom, Uilm e Usb, «di essenziale in questa vicenda consideriamo solo e soltanto la salute dei lavoratori diretti e dell’appalto».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie