Giovedì 28 Maggio 2020 | 03:33

NEWS DALLA SEZIONE

fase 2
Taranto, più controlli anti-assembramento: vertice in prefettura con le forze dell'ordine

Taranto, più controlli anti-assembramento: vertice in prefettura con le forze dell'ordine

 
L'annuncio
Mittal Taranto, 114 dipendenti rientrano dalla cassa integrazione

Mittal Taranto, 114 dipendenti rientrano dalla cassa integrazione

 
Controlli della Ps
Taranto, spacciava pasticche di «turbodroga» sintetica Tesla: arrestato 22enne

Taranto, spacciava pasticche di «turbodroga» sintetica Tesla: arrestato 22enne

 
dalla polizia
Migranti, controlli in hotspot Taranto: arrestati 7 tunisini

Migranti, controlli in hotspot Taranto: arrestati 7 tunisini

 
IL CASO
Taranto, il pasticcio dell’appalto: il nuovo ospedale resta bloccato

Taranto, il pasticcio dell’appalto: il nuovo ospedale resta bloccato

 
L'INCIDENTE
Aereo cade nel Tevere, di Martina Franca l’istruttore

Aereo cade nel Tevere, il racconto dell'istruttore martinese sopravvissuto

 
LA VERTENZA
Taranto, altra Cig per non decidere dell'ex Ilva

Taranto, altra Cig per non decidere sull'ex Ilva

 
La tragedia
Taranto, si ribalta Apecar muore 80enne, ferita la moglie

Taranto, si ribalta Apecar muore 80enne, ferita la moglie

 
taranto
Mittal, cassa integrazione Covid prolungata per 5 settimane

Mittal, cassa integrazione Covid prolungata per 5 settimane

 
ll caso
Taranto, il nuovo ospedale non sarà pronto prima di quattro anni

Taranto, il nuovo ospedale non sarà pronto prima di quattro anni

 
spazi verdi
Taranto, al rione Tamburi tutto pronto per la Foresta Urbana

Taranto, al rione Tamburi tutto pronto per la Foresta Urbana

 

Il Biancorosso

calcio
Bari, il difensore Perrotta: «Chiediamo chiarezza sul prosieguo del torneo»

Bari, il difensore Perrotta: «Chiediamo chiarezza sul prosieguo del torneo»

 

NEWS DALLE PROVINCE

BrindisiLutto
Brindisi piange la scomparsa si «Mestru Roc», tra i primi meccanici della provincia

Brindisi piange la scomparsa si «Mestru Roc», tra i primi meccanici della provincia

 
Battragedia sfiorata
Barletta, misterioso agguato, 30enne ferito a colpi di pistola alla coscia e braccio

Barletta, misterioso agguato, 30enne ferito a colpi di pistola alla coscia e braccio

 
Potenzafase 2
Basilicata economia, 53 milioni per microimprese e turismo

Basilicata economia, 53 milioni per microimprese e turismo

 
BariLa decisione
Salvataggio Popolare Bari, via libera del Fondo Interbancario di Tutela dei Depositi con 1,17 miliardi

Salvataggio PopBari, via libera del Fondo interbancario con 1,17 miliardi

 
MateraLavori pubblici
Matera, sicurezza stradale: nuovo intervento Anas sulla «Basentana»

Matera, sicurezza stradale: nuovo intervento Anas sulla «Basentana»

 
Tarantofase 2
Taranto, più controlli anti-assembramento: vertice in prefettura con le forze dell'ordine

Taranto, più controlli anti-assembramento: vertice in prefettura con le forze dell'ordine

 
Foggiafase 2
Foggia, vietato mangiare e bere all'aperto: arriva ordinanza anti-assembramenti

Foggia, vietato mangiare e bere all'aperto: arriva ordinanza anti-assembramenti

 
LecceLa tragedia
Il cantiere del gasdotto

Pisignano, operaio 35enne muore schiacciato da tubo in gasdotto: cantiere sequestrato

 

i più letti

a taranto

Mittal, sindacati in sciopero. Arriva Conte a Taranto. Boccia: «Se mercato fallisce tocca allo Stato»
Di Maio avverte Governo: niente scudo

Braccia incrociate per 24 ore in tutti gli stabilimenti del gruppo. Presidio dei lavoratori

Mittal, sindacati in sciopero. ieri Emiliano: «Siamo con Conte, stop carbone senza licenziare»

foto Todaro

È in corso dalle 7 di questa mattina lo sciopero di 24 ore indetto da Fim, Fiom e Uilm nello stabilimento siderurgico di Taranto e negli altri siti del Gruppo ArcelorMittal. Decine di lavoratori dell’appalto sono in presidio nei pressi della portineria imprese. Presenti anche lavoratori diretti e rappresentanti sindacali. I metalmeccanici chiedono «all’azienda l’immediato ritiro della procedura di retrocessione dei rami d’azienda e al governo di non concedere nessun alibi alla stessa per disimpegnarsi, ripristinando tutte le condizioni in cui si è firmato l’accordo del 6 settembre 2018 che garantirebbe la possibilità di portare a termine il piano Ambientale nelle scadenze previste». Fim, Fiom e Uilm sostengono che «la multinazionale ha posto delle condizioni provocatorie e inaccettabili e le più gravi riguardano la modifica del Piano ambientale, il ridimensionamento produttivo a quattro milioni di tonnellate e la richiesta di licenziamento di 5mila lavoratori, oltre alla messa in discussione del ritorno a lavoro dei 2mila attualmente in Amministrazione straordinaria». Da fonti sindacali si apprende che il premier Conte sarà a Taranto nel pomeriggio.

E in mattinata si è espresso anche il ministro degli Esteri Luigi Di Maio: «Dobbiamo obbligare Mittal a rimanere a Taranto, si stanno rimangiando l'accordo. Mettere sulla strada 5000 persone mi sembra assurdo». E aggiunge_«Questo tema del pretesto neanche Mittal l’ha usato e ora vedo che una parte del sistema, anche mediatico», concentrandosi sull'immunità, «invece di stare con i lavoratori dimostra di stare con Mittal». Lo afferma il capo politico M5S Luigi Di Maio al termine della riunione con i ministri del Movimento. «Se il Pd presenta un emendamento» sullo scudo «è un problema per il governo», sottolinea Di Maio.

USB NON PARTECIPA ALLO SCIOPERO - «Non partecipiamo allo sciopero in quanto crediamo che finché abbiamo contezza che Mittal andrà via non riteniamo opportuno fare manifestazioni o mobilitazioni». Lo sottolinea Alessandro D’Amone dell’Usb di Taranto riferendosi allo sciopero di 24 ore, iniziato alle 7 del mattino, proclamato da Fim, Fiom e Uilm in tutti i siti di ArcelorMittal Italia dopo l'annunciato disimpegno della multinazionale, che ha avviato la procedura di retrocessione dei rami d’azienda.

Commentando il tavolo di crisi aperto dal Governo, D’Amone ha detto che «dalle parole bisogna passare ai fatti. Qui non si tratta di gestire un piccolo negozio, questa è la fabbrica più grande d’Europa. Ci sono situazioni talmente delicate che mettono in pericolo lavoratori e cittadini che da subito il Governo deve dare seguito a quello che sta pensando. Per noi lo scudo penale è un mezzo squallido utilizzato dalla multinazionale per i propri interessi, mentre le manutenzioni ordinarie e straordinarie agli impianti non vengono fatte». 

NORME SULLO SCUDO CAMBIATE, VALUTI IL GIUDICE - Sullo scudo penale per l’ex Ilva sono «sopravvenute» diverse modifiche normative. E a fronte di «una tale evoluzione» del quadro delle disposizioni, «non può spettare che al giudice rimettente valutare in concreto» la loro incidenza «sia in ordine alla rilevanza, sia in riferimento alla non manifesta infondatezza delle questioni di legittimità costituzionale sollevate». Così la Corte Costituzionale motiva la decisione presa il 9 ottobre scorso di restituire gli atti al gip di Taranto.

In particolare il Gip di Taranto aveva sollevato la questione di costituzionalità su due norme del 2015 (più volte modificate), che hanno consentito la prosecuzione dell’attività dello stabilimento ILVA ed esonerato da responsabilità penale i soggetti che hanno dato e danno attuazione al piano di risanamento. Il giudice le aveva ritenute non rispettose di vari principi costituzionali, tra cui, anzitutto, quelli relativi alla tutela della salute e dell’ambiente. L’occasione della pronuncia, la riunione di tre procedimenti aperti dalla Procura di Taranto e relativi alle emissioni inquinanti del Siderurgico, due dei quali erano sfociati in richieste di archiviazione proprio per la concessione dell’immunità penale.

Proprio facendo notare le modifiche normative intervenute, erano stati i legali di Arcelor Mittal e l’avvocatura dello Stato, in rappresentanza del governo, a chiedere il 9 ottobre scorso alla Consulta di restituire gli atti al giudice. La Regione Puglia aveva chiesto invece alla Corte costituzionale di dichiarare l’incostituzionalità dell’immunità penale.

EMILIANO: LI INSEGUIREMO GIUDIZIARIAMENTE PER FAR RISARCIRE I DANNI - «Mittal ha sospeso tutti gli acquisti dei materiali, gli ordinativi, ha presentato ricorso al tribunale di Milano per accertamento del suo diritto di recesso, quindi si sta comportando come una persona che non è disposta a tornare indietro». Lo dichiara il presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano. «Spero - prosegue Emiliano - che Arcelor si renda conto dei danni economici e giudiziari che rischia di subire, certamente Taranto, la Puglia e l’Italia se ne faranno una ragione se dovessero andare via. Noi, però, li inseguiremo giudiziariamente per farli risarcire tutti i danni che stanno provocando, e soprattutto spero che tutta Italia consideri il gruppo Mittal come gruppo ostile, chiederemo la solidarietà dell’Europa anche. Detto questo l’Italia non finisce al recesso di Arcelor»

BOCCIA: SE MERCATO FALLISCE TOCCA ALLO STATO - L'acciaio è strategico e se il mercato fallisce non è uno scandalo ma è semplicemente giusto che tocchi allo Stato occuparsene. Finiamola di prenderci in giro. In tutto il mondo, nelle aziende strategiche, in alcuni settori industriali c'è lo Stato». Lo ha detto il ministro per gli Affari regionali e le Autonomie, Francesco Boccia, parlando della vertenza del siderurgico ex Ilva di Taranto a margine di un incontro sull'autonomia differenziata organizzato nella sede di Confindustria Bari e Bat.

COMMISSARI VERSO RICHIESTA PROROGA STOP AFO2 - I commissari dell’Ilva in amministrazione straordinaria presenteranno un'istanza all’autorità giudiziaria di Taranto per chiedere la proroga del termine del 13 dicembre fissato dal tribunale per la realizzazione degli adeguamenti di sicurezza dell’Altoforno 2 sottoposto a sequestro dopo l’incidente del giugno 2015 in cui è morto l’operaio Alessandro Morricella. Lo hanno annunciato gli stessi commissari, Francesco Ardito, Alessandro Danovi e Antonio Lupo, in un incontro avuto ieri in Procura con il procuratore di Taranto, Carlo Maria Capristo. La proroga, secondo i commissari, sarebbe necessaria per consentire di completare gli adeguamenti legati alla sicurezza dell’impianto ed evitare così lo spegnimento che, altrimenti, dovrebbe essere avviato dopo il termine indicato del 13 dicembre. Ieri, prima dell’incontro con i commissari, anche l’ad di Arcelor Mittal, Lucia Morselli è andata in Procura, dove si è brevemente soffermata con il procuratore, per un incontro di cortesia.

IERI CONTE DA MATTARELLA. PRONTI NUOVI COMMISSARI, IDEA NAZIONALIZZAZIONE. LEGA ALL'ATTACCO - Il governo fa mostra di compattezza e determinazione sull'Ex Ilva, ma i vertici dell’acciaieria non cedono di un millimetro. Dopo il primo incontro finito nel nulla, il premier Giuseppe Conte ha detto ai quattro venti che auspica di poter riaprire quanto prima il tavolo di confronto per salvare i ventimila posti di lavoro in ballo, indotto compreso, e attende a ore una risposta. Da ArcelorMittal, però, nessun cenno. E’ lo stallo: da una parte c'è l’Esecutivo, disposto a concedere lo scudo penale ma fermo sulla volontà di far rispettare gli accordi e garantire l’occupazione. Dall’altra c'è la richiesta di cinquemila esuberi e una causa per rescindere il contratto e 'lasciarè Taranto. E l’ipotesi di ricucire con la multinazionale è sempre più remota.

La questione è complessa e gli spiragli pochi. I sindacati giocano la carta dello sciopero, e ne programmano uno di 24 ore in tutti gli stabilimenti. In mattinata Conte sale al Quirinale da un preoccupato Sergio Mattarella, per parlare anche delle misure che possono essere messe in atto. «Qui non ci sono governi attuali e precedenti - è l’appello di Conte - qui non c'è la maggioranza o l’opposizione, per una volta non ci dividiamo, marciamo coesi verso il salvataggio di questo polo industriale». C'è chi ipotizza un intervento di Cdp o la nazionalizzazione. «Stiamo già valutando tutte le possibili alternative - ripete Conte - ma aspetto una proposta dal signor Mittal e vorrei incontrarlo nelle prossime ore». In ogni caso, spiega Conte, se ci sarà il disimpegno da parte di ArcelorMittal, tornerà la gestione commissariale. Il tribunale è l'esito da evitare. Se però sarà proprio un giudice a dover decidere, Conte assicura che il governo ha tutti gli «strumenti giuridici» per affrontare «la battaglia legale del secolo». Nelle norme, spiega il ministro dello Sviluppo economico, Stefano Patuanelli, manca «l'elemento necessario» a giustificare "il recesso», chiesto dalla multinazionale franco-indiana. «Se una Multinazionale ha firmato un impegno con lo Stato - è la posizione di Luigi Di Maio - lo Stato deve farsi rispettare, chiedendo il rispetto dei patti e facendosi risarcire i danni».

Premier, ministri ed esponenti di maggioranza, compresi Italia Viva e M5S, ripetono come un mantra che quello per il salvataggio dell’ex Ilva deve essere uno sforzo del sistema Paese. «Lo Stato deve essere unito e compatto», dice il presidente della Camera Roberto Fico. Alla luce di questa narrazione, figuriamoci se il governo può apparire diviso. Però, ai Cinque Stelle non piace troppo lo scudo penale, che è uno dei punti più controversi. Allora è una corsa a smontarne la portata. «E' un falso problema, su quello il governo è compatto», assicura Conte ripetendo di averlo detto chiaro e tondo anche Lakshmi Mittal e Aditya Mittal, Ceo e Cfo della multinazionale. E poi, ricorda il premier, nel contratto «non c'è alcun riferimento allo scudo penale». Infatti, spiega, la retromarcia della multinazionale non è dovuta a quello, ma a «un problema di piano industriale, di sostenibilità economica». I dati confortano questa spiegazione: ArcelorMittal ha chiuso il terzo trimestre con una perdita salita a 486,52 milioni euro e un calo della produzione di acciaio da 22,8 a 20,2 milioni di tonnellate. «I rappresentati di ArcelorMittal - dice Patuanelli - ci hanno detto chiaramente che non sono in grado di portare a termine il loro Piano industriale per rilanciare l’Ilva».

In serata Conte incontra prima i sindacati e poi i vertici locali: il sindaco di Taranto, Rinaldo Melucci, il presidente della Provincia, Giovanni Gugliotti e il presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano. Con loro ha aperto un «tavolo permanente» di crisi, chiedendo di sostenere la difesa, come parti civili, in un eventuale contenzioso giudiziario.
Malgrado gli appelli al fronte comune, l’opposizione attacca la maggioranza. Durante le comunicazioni di Patuanelli alla Camera, i deputati della Lega hanno esposto dei cartelli con la scritta «A casa voi, non gli operai dell’Ilva», gridando "elezioni, elezioni»."Abbiamo al governo dei pericolosi incapaci», dice Matteo Salvini. Mentre per l’azzurra Anna Maria Bernini, «Conte chiama a raccolta tutto il Paese mentre non riesce a chiamare a raccolta nemmeno la sua maggioranza».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie