Martedì 17 Settembre 2019 | 04:11

NEWS DALLA SEZIONE

nel tarantino
Manduria, operai sfruttati e sottopagati: sospesa attività caseificio, 3 denunce

Manduria, operai sfruttati e sottopagati: sospesa attività caseificio, 3 denunce

 
Siderurgico
Mittal, fine prima fase di demolizione AFo3 Riaperte scuole ai Tamburi

Mittal, fine prima fase di demolizione AFo3 Riaperte scuole ai Tamburi

 
Dai carabinieri
Taranto, sequestrate 6 tonnellate di buste di plastica non conformi

Taranto, sequestrate 6 tonnellate di buste di plastica non conformi

 
Incidente stradale
Massafra, perde il controllo della moto e si schianta: morto 48enne

Massafra, perde il controllo della moto e si schianta: morto 48enne

 
La telefonata a sorpresa
Depuratore Sava, Romina Power chiama ed Emiliano risponde: confronto a Domenica in

Depuratore Sava, Romina Power chiama ed Emiliano risponde: confronto a Domenica in

 
Le fiamme
Taranto, incendio tra le ville: panico a Lama

Taranto, incendio tra le ville: panico a Lama

 
i roghi
Incendio a lago Salso nel Foggiano, distrutti ettari di canneto

Incendio a lago Salso nel Foggiano, distrutti ettari di canneto. Fiamme anche a Torre Colimena, nel Tarantino

 
L'iniziativa
«Basta con i decreti ammazza-Taranto»: il flash-mob in piazza

«Basta con i decreti ammazza-Taranto»: il flash-mob in piazza

 
La denuncia
Arcelor Mittal, licenziato ingiustamente operaio Usb: la protesta di Borraccino

Arcelor Mittal, licenziato ingiustamente operaio Usb, l'azienda: 'Era di comandata'

 
L'episodio
Taranto, sul bus senza biglietto: gambiano prende a pugni autista e gli rompe gli occhiali, denunciato

Taranto, sul bus senza biglietto: gambiano picchia autista e gli rompe gli occhiali, denunciato

 
Nel tarantino
Ginosa, tir contromano sulla SS106: polizia stradale multa conducente che aveva guidato più ore del consentito

Ginosa, tir contromano sulla SS106: polstrada multa conducente, aveva guidato troppe ore

 

Il Biancorosso

Serie C
Bari pensa in grande, la Reggina per volare

Bari pensa in grande, la Reggina per volare

 

NEWS DALLE PROVINCE

FoggiaLotta alla droga
Cagnano Varano, spunta piantagione di 100 piante di marijuana: arrestato 56enne

Cagnano Varano, spunta piantagione di 100 piante di marijuana: arrestato 56enne

 
BariIl bando
Servizio civile all'Università di Bari: 118 posti per giovani volontari

Servizio civile all'Università di Bari: 118 posti per giovani volontari

 
MateraNel Materano
Frana Pomarico, Bardi: «In arrivo un piano specifico per le nuove case»

Frana Pomarico, Bardi: «In arrivo un piano specifico per le nuove case»

 
Tarantonel tarantino
Manduria, operai sfruttati e sottopagati: sospesa attività caseificio, 3 denunce

Manduria, operai sfruttati e sottopagati: sospesa attività caseificio, 3 denunce

 
LecceLa tragedia
Stroncato da infarto per strada: muore sindaco di San Pietro in Lama

Stroncato da infarto per strada: muore sindaco di San Pietro in Lama

 
BatL'evento
Andria, la festa patronale si chiude con Avitabile e l'Orchestra Popolare Notte della Taranta

Andria, la festa patronale si chiude con Avitabile e l'Orchestra Popolare Notte della Taranta

 
PotenzaLa challenge
Avigliano, avvistata «Samara» nella notte: è arrivata in Basilicata

Avigliano, avvistata «Samara» nella notte: è arrivata in Basilicata

 
BrindisiL'omicidio
Brindisi, 19enne ucciso con 3 colpi alla testa: domani i funerali

Brindisi, 19enne ucciso con 3 colpi alla testa: oggi i funerali

 

i più letti

Il processo

Taranto, ambiente svenduto, lite legale: oggi si torna in aula

Ricorso in Cassazione di 8 imputati contro i nuovi testi chiesti dal pm

Tribunale, toga

TARANTO - A due mesi di distanza dall’ultima udienza e a oltre tre anni dall’avvio del dibattimento, riprende stamattina il processo «Ambiente svenduto», chiamato a fare luce sul presunto disastro ambientale provocato tra il 1995 e il 2013 dall’attività dello stabilimento siderurgico.

Una ripresa che non si annuncia in discesa perché alla luce di quanto avvenuto nell’udienza dello scorso 8 luglio, nella quale la corte d’assise (presidente Stefania D’Errico, giudice a latere Fulvia Misserini e sei giudici popolari) ha ammesso ulteriori prove, e altri testi, proposti dal pubblico ministero Mariano Buccoliero a seguito di quanto emerso nelle attività di indagine sui rifiuti sversati in località Leucaspide, otto imputati (la società Riva Forni Elettrici, Fabio Riva, Nicola Riva, Luigi Capogrosso, Girolamo Archinà, Alfredo Ceriani, Agostino Pastorino e Giovanni Rebaioli) hanno, tramite gli avvocati Carlenrico Paliero, Luca Perrone, Pasquale Annicchiarico, Vincenzo Vozza, Gian Domenico Caiazza, Stefano Lojacono e Gaetano Melucci, proposto ricorso in Cassazione.

In particolare, il pm Mariano Buccoliero ha chiesto, sulla base dell’ulteriore attività integrativa, depositata il 26 giugno presso la segreteria della Procura e poi portata in udienza dinanzi alla Corte d’Assise, di ascoltare il luogotenente Mariani della Guardia di Finanza e altri testi, tutti riferibili a quanto emerso indagando sullo smaltimento delle polveri degli elettrofiltri del camino E312 dell’agglomerato, di fatto interrompendo l’ascolto dei testimoni della difesa, iniziato lo scorso 12 marzo e già interrotto una prima volta a maggio per ascoltare nuovi testi proposti dalla pubblica accusa. Già in quella occasione, il collegio di difesa chiese alla corte di respingere il tentativo della Procura di far entrare nel processo documenti e testimonianze avendo concluso il suo turno, rinviando al massimo ogni ulteriore richiesta nella fase prevista dall’articolo 507 del codice di procedura penale, ovvero al termine del dibattimento quando viene proposta dalle parti al giudice l’acquisizione di nuove prove ritenute indispensabili ai fini della decisione finale.

Dopo quanto avvenuto l’8 luglio, parte della difesa allora ha deciso di ricorrere in Cassazione, impugnando l’ordinanza con la quale la corte d’assise ha deciso di dare via libera all’istanza del pubblico ministero. Nel dettaglio, viene sollevata l’abnormità dell’ordinanza della corte d’assise che ha sospeso la fase di istruzione a discarico, ammettendo l’escussione di nuove prove testimoniali. Secondo i legali, l’ordinanza della corte d’assise è stata adottata «in spregio ai principi ispiratori della disciplina codicistica, determinando una irragionevole e scomposta dilatazione dei tempi del processo, giungendone a snaturarne irrimediabilmente la stessa natura e funzione», ritenendo «peraltro che dette incursioni accusatorie potrebbero protarsi sine die, allorquando, come nel caso di specie, le indagini integrative rivengano da attività svolta in un diverso procedimento». Gli avvocati degli 8 imputati chiedono l’annullamento dell’ordinanza della corte d’assise, assunta ai sensi dell’articolo 430 del codice di procedura penale, disciplinante appunto l’attività integrativa di indagine, o in subordine l’invio degli atti alla Corte Costituzionale per violazione dell’articolo 111 della Costituzione, posto a garanzia del giusto processo, e dell’articolo 6 della Convenzione europea dei diritti dell’uomo che affronta il tema dell’equo processo, della ragionevole durata, della presunzione di innocenza e delle garanzie processuali dell’imputato in relazione al principio del contraddittorio.

Difficilmente la corte d’assise stamattina sospenderà il dibattimento per aspettare la decisione della Corte di Cassazione. Probabile la prosecuzione del processo con l’ascolto dei testi proposti dal pm, facendo - quasi - finta che nulla sia accaduto mentre il tempo scorre inesorabilmente e una parte delle accuse mosse ai 47 imputati hanno imboccato il binario della prescrizione.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie