Giovedì 22 Agosto 2019 | 21:54

NEWS DALLA SEZIONE

Inquinamento
Emissioni a Taranto, forse riaperte scuole ai Tamburi. Cisl: camino «fuma» ancora

Emissioni a Taranto, forse riaperte scuole ai Tamburi. Cisl: camino «fuma» ancora

 
Un 46enne
Massafra, perseguita la ex e il suo compagno: in cella

Massafra, perseguita la ex e il suo compagno: in cella

 
Domenico Bello
Mottola, trovato morto dopo 9 giorni 32enne scomparso

Mottola, trovato morto dopo 9 giorni 32enne scomparso

 
Denuncia Usb
Taranto ammorbata da puzza di gas nauseabonda: la denuncia dell'Usb

Taranto, allarme per una puzza gas ai quartieri Paolo VI e Tamburi

 
Il caso
Ginosa, migranti sfruttati nei campi: un arresto per caporalato

Ginosa, migranti sfruttati nei campi: un arresto per caporalato

 
Inquinamento
Taranto, riapriranno le scuole a rischio dei Tamburi

Taranto, riapriranno le scuole a rischio dei Tamburi

 
La denuncia
ArcelorMittal, Usb: «A rischio crollo parte del tetto dell'Acciaieria1»

ArcelorMittal, Usb: «A rischio crollo parte del tetto dell'Acciaieria1»

 
Socialnews
Il tramonto di Taranto vista con gli occhi di Daniele Silvestri: la foto è da strappalike

Il tramonto di Taranto visto con gli occhi di Daniele Silvestri: la foto è da strappalike

 
L'arresto
Contrabbando di sigarette, nei guai un 23enne di Taranto

Contrabbando di sigarette, nei guai un 23enne di Taranto

 
Sequestrate dalla Guardia Costiera
Taranto, pesca di frodo: beccato con 20 chili di cetrioli di mare in auto

Taranto, pesca di frodo: beccato con 20 chili di cetrioli di mare in auto

 
alle Cave di Fantiano
Cinzella Festival 2019 a Grottaglie: grande attesa per iFranz Ferdinand

Cinzella Festival 2019 a Grottaglie: grande attesa per i Franz Ferdinand

 

Il Biancorosso

IL PUNTO
Il Bari gioca la carta Schiavone ci sarà più qualità a centrocampo

Il Bari gioca la carta Schiavone
ci sarà più qualità a centrocampo

 

NEWS DALLE PROVINCE

TarantoInquinamento
Emissioni a Taranto, forse riaperte scuole ai Tamburi. Cisl: camino «fuma» ancora

Emissioni a Taranto, forse riaperte scuole ai Tamburi. Cisl: camino «fuma» ancora

 
PotenzaInquinamento
Maratea, allarme liquami: nuovo stop bagni a Fiumicello

Maratea, allarme liquami: nuovo stop bagni a Fiumicello

 
FoggiaLa condanna
Foggia, 8 chili marijuana in frigo: patteggia due anni

Foggia, 8 chili marijuana in frigo: patteggia due anni

 
BrindisiIl provvedimento
Ostuni, minacciava e picchiava ex: divieto di avvicinamento a stalker

Ostuni, minacciava e picchiava ex: divieto di avvicinamento a stalker
A Massafra in cella 46enne

 
LecceSalento e movida
Lecce, l'amarezza dei gestori delle discoteche dopo il blitz: noi estranei

Lecce, l'amarezza dei gestori delle discoteche dopo il blitz: noi estranei

 
MateraDalla Gdf
Matera, arrestato un uomo sulla 106: aveva 142 gramm di hashish

Matera, arrestato un uomo sulla 106: aveva 142 gramm di hashish

 

i più letti

Ambiente ferito

Taranto, rete di fibra di cocco per trattenere le polveri: ok dalla Procura

Ecco le tecniche naturali che risaneranno le collinette ecologiche

Ex Ilva, sequestrate collinette-discariche. Attivisti: vicino a scuole

TARANTO - Una rete in fibra di cocco per trattenere le polveri delle collinette ecologiche del quartiere Tamburi. È questo l’aspetto più innovativo del progetto. Del resto, «le misure di precauzione che si intende mettere in atto, sono state definite per eliminare, o comunque ridurre al minimo, i potenziali rischi per i soggetti esposti, con specifico riferimento alla popolazione residente ed ai plessi scolastici contigui al sito». È, in effetti, questo l’obiettivo contenuto nelle cosiddette misure precauzionali presentate alla Procura della Repubblica di Taranto, che come anticipato nell’edizione di ieri dalla «Gazzetta», lo scorso 5 luglio ha autorizzato l’avvio dei lavori per ridurre i rischi di contaminazione derivanti dalla presenza delle collinette ecologiche ex Ilva. Che, per la cronaca, insistono al quartiere Tamburi e che, nello scorso febbraio, erano state sequestrate dai carabinieri del Noe. Di conseguenza, per motivi precauzionali, il sindaco di Taranto, Rinaldo Melucci, aveva emanato due ordinanze sindacali con cui ha chiuso le sedi delle scuole «De Caroils» e «Deledda». E il piano presentato da Ilva in Amministrazione straordinaria (As) alla magistratura ha proprio l’obiettivo di far tornare, fià dal prossimo avvio dell’anno scolastico, i bambini tra i propri banchi.

Ma, esattamente, in cosa consiste quest’intervento? Si tratta, prevalentemente, della messa in opera di una biorete biodegradabile di cocco con funzione antierosiva abbinata e potenziata nei suoi effetti con l’idrosemina speciale di sedumi (ovvero, un genere di piante da fiori) arricchita di elementi utili all’attecchimento nella stagione calda in cui, peraltro, sono stati avviati gli interventi. L’idrosemina, per la precisione, è una tecnica sviluppata in seguito a studi di ingegneria naturalistica atta a rinverdire quelle aree dove un metodo di semina tradizionale risulterebbe inopportuno e insufficiente alla realizzazione di un manto verde a causa dell’azione erosiva di pioggia e vento.
In particolare, secondo il piano, la biorete di cocco consente di raggiungere gli obiettivi stabiliti. Questo sistema naturale, peraltro, non si oppone all’infiltrazione dell’acqua piovana nel terreno sottostante, quindi l’assenza. Inoltre, lo spessore della rete e la sua conformazione a cellette consente consente di smorzare l’azione del vento parallela alla scarpata stessa , favorendo al riduzione dell’erosione sia delle particelle di terreno che di quelle miste di terra e polveri, già presenti nella scarpata stessa. Secondo i proponenti, l’intervento dovrebbe rallentare la velocità del vento e dell’acqua in corrispondenza della superficie in modo da favorire il trattamento delle particelle attualmente presenti sulla scarpata sia, in futuro, di quelle che potrebbero depositarsi.

Il secondo intervento, invece, consiste nella realizzazione di una speciale idrosemina a spessore con pianta erbaceee xerofgile tappezzanti che appartengono al genere delle piante grasse. Tutto questo meccanismo, del resto, potenzia così l’effetto antierosivo della biorete di cocco, per contribuire anche a creare un miglior effetto visivo e paesaggistico dell’intervento.
Ma esattamente con quale materiale verrà realizzata l’opera proposta da Ilva in As e autorizzata dalla Procura della Repubblica? Il Bionet Hc consiste in una rete altamente biodegradabile realizzate in fibre di cocco intrecciate in modo da formare così una rete a maglia aperta. E per fissare la biorete potranno essere utilizzati picchetti in tondino di acciaio di un diametro di 8 millimetri piegato a «U» all’estremità, di lunghezza pari a circa 30 centimetri, oppure con dei picchetti biodegradabili in plastica di colore verde e lunghezza pari a 15 centimetri circa.
Inizialmente, così come sta accadendo a partire dall’altro ieri, i tecnici delle ditte individuate stanno provvedendo alla rimozione della cosiddetta vegetazione secca (erbacce); poi si passerà alla manutenzione degli alberi e, se possibile, degli arbusti. Successivamente, ci sarà lo sfalcio vegetale e qualunque materiale di risulta sarà smaltito, ovviamente, secondo qunato previsto dalla legge. Il prodotto, Bionet Hc 70, verrà fornito dall’azienda tedesca Huesker. 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie