Domenica 15 Settembre 2019 | 10:19

NEWS DALLA SEZIONE

La denuncia
Arcelor Mittal, licenziato ingiustamente operaio Usb: la protesta di Borraccino

Arcelor Mittal, licenziato ingiustamente operaio Usb, l'azienda: 'Era di comandata'

 
L'episodio
Taranto, sul bus senza biglietto: gambiano prende a pugni autista e gli rompe gli occhiali, denunciato

Taranto, sul bus senza biglietto: gambiano picchia autista e gli rompe gli occhiali, denunciato

 
Nel tarantino
Ginosa, tir contromano sulla SS106: polizia stradale multa conducente che aveva guidato più ore del consentito

Ginosa, tir contromano sulla SS106: polstrada multa conducente, aveva guidato troppe ore

 
Il caso
Taranto, allarme bomba in Eni, azienda: «Verifiche in corso»

Taranto, falso allarme bomba: evacuate Eni e Mittal. Denunciato operaio 41enne

 
Il caso
Porto di Taranto, Consiglio di Stato dà il via libera a lavori su banchina

Porto di Taranto, Consiglio di Stato dà il via libera a lavori su banchina

 
Dal 14 ottobre
Università, al via corso di Medicina a Taranto: 60 nuove matricole

Università, al via corso di Medicina a Taranto: 60 nuove matricole

 
Lotta alla droga
Taranto, beccati con 25 dosi di cocaina: in manette un 18enne e 2 minori

Taranto, beccati con 25 dosi di cocaina: in manette un 18enne e 2 minori

 
L'aggressione
Taranto, sul bus senza biglietto: pugni e calci all'autista che glielo chiede

Taranto, sul bus senza biglietto: pugni e calci all'autista che glielo chiede

 
Ex Teleperfomance
Taranto, salvi 300 posti di lavoro per call center

Taranto, salvi 300 posti di lavoro per call center

 
La decisione del sindaco
Taranto, riaperte le scuole del Tamburi a ridosso dell'ex Ilva

Taranto, riaperte le scuole del Tamburi a ridosso dell'ex Ilva

 
Pessime condizioni igieniche
Taranto, padre e figlio trasportano illegalmente 440 kg di cozze: denunciati

Taranto, padre e figlio trasportano illegalmente 440 kg di cozze: denunciati

 

Il Biancorosso

Serie C
Il nuovo Bari ricomincia da tre

Il nuovo Bari ricomincia da tre

 

NEWS DALLE PROVINCE

BrindisiNel brindisino
S.Michele Salentino come Milano: la scuola regala borracce e diari ecologici

S.Michele Salentino come Milano: la scuola regala borracce e diari ecologici

 
LecceSulla circonvallazione
Lecce, incendia il negozio attiguo al suo bar ormai chiuso: arrestato 57enne

Lecce, incendia il negozio attiguo al suo bar ormai chiuso: arrestato 57enne

 
FoggiaNel foggiano
Manfredonia, da 40 anni botte e violenze dal marito ormai 70enne: arrestato

Manfredonia, botte e violenze contro la moglie da 40 anni: arrestato 72enne

 
BariMultati in 4
Bari, mobili e materassi in strada: la lotta agli "svuotacantine" della polizia

Bari, mobili e materassi in strada: la lotta agli "svuotacantine" della polizia

 
PotenzaA reggio emilia
La birra è troppo fredda, 39enne del Potentino tenta di strangolare una barista

La birra è troppo fredda, 39enne del Potentino tenta di strangolare una barista

 
MateraNel Materano
Craco, pochi alunni: accorpate classi di medie ed elementari, protesta dei genitori

Craco, pochi alunni: accorpate classi di medie ed elementari, protesta dei genitori

 
HomeLa denuncia
Arcelor Mittal, licenziato ingiustamente operaio Usb: la protesta di Borraccino

Arcelor Mittal, licenziato ingiustamente operaio Usb, l'azienda: 'Era di comandata'

 

i più letti

Magna Grecia Awards

«Trasmetto ai giovani l'esempio di mio padre»: a Taranto Fiammetta Borsellino

La figlia del magistrato ucciso dalla mafia: «Non ho mai perso la determinazione nella ricerca della verità»

«Trasmetto ai giovani l'esempio di mio padre»: a Taranto Fiammetta Borsellino

È la figlia minore di uno dei magistrati che fecero tremare la mafia, Paolo Borsellino, assassinato da Cosa Nostra il 19 luglio del 1992 insieme a cinque uomini della scorta. Cerca la verità sulla morte di suo padre, è un simbolo di resilienza, ha lo sguardo tenace e fiero di una siciliana che pretende fino in fondo giustizia. Giustizia che i processi, tanti, non hanno ancora restituito. Si commuove Fiammetta Borsellino quando riceve il “premio Eccellenza Franco Salvatore” del Magna Grecia Awards. Gli applausi del pubblico e delle altre premiate sono il riconoscimento all’impegno «morale e civile - è scritto nella motivazione - vissuto come figlia vittima di una strage che ha sconvolto la storia della nostra Repubblica. Seppur lacerata da un dolore sempre vivo, non ha mai perso la determinazione e la forza nella ricerca della verità disattesa, scuotendo le coscienze e seminando speranza soprattutto nei giovani». I giovani, appunto. Il desiderio di «condividere – ha spiegato Fiammetta Borsellino - con loro, che rappresentano il futuro, la mia esperienza personale. Lo faccio con molta umiltà, lo sento come un dovere civile, prima come figlia e poi come cittadina».


Fabio Salvatore, patron della manifestazione, l’ha definita una «donna di grande valore che nel lutto, nella sofferenza di un padre strappato, è riuscita a fare appassionata testimonianza». La figlia del magistrato aveva 19 anni quando la mafia mise in atto il suo piano di morte. Alle 16.58 una «Fiat 126» imbottita di tritolo, che era parcheggiata sotto l'abitazione della madre di Paolo Borsellino, detonò al passaggio del giudice, uccidendo oltre al magistrato anche i cinque agenti di scorta. «Abbiamo avuto indagini - ha ammesso Fiammetta Borsellino - e processi fatti male. Oggi si sta cercando di capire grazie all'attività di nuove procure perchè tutto questo sia avvenuto. È ovvio che questo depistaggio, per quanto grossolano, è veramente un'offesa non soltanto all'intelligenza della nostra famiglia ma dell'intero popolo italiano». Nel 2017, ha poi ricordato soffermandosi sull’attività giudiziaria, «c'è stata una sentenza, quella conclusiva del Borsellino-quater, che ha definito quello di via D'Amelio il più grave e grande depistaggio della storia giudiziaria di questo Paese. Il depistaggio ha avuto l'effetto che doveva avere, cioè il passare del tempo. E il passare del tempo compromette quasi per sempre la possibilità di arrivare alla verità, ma non per questo si deve smettere di tendere ad essa perchè significherebbe perdere la speranza. E questo noi non lo riteniamo ammissibile».


Fiammetta Borsellino ha dedicato il premio «alle docenti e ai professori che si occupano - ha precisato - di educare i nostri figli. Quegli stessi figli che a volte si rivoltano contro i genitori. Credo che un Paese che abbia cura di se stesso debba investire sulla cultura e sulle scuole, deve farlo per andare avanti e per costruire un futuro con più prospettive».
Infine, il ricordo toccante di suo padre Paolo. «Lui diceva che la lotta alla mafia può essere fatta con quel cambiamento culturale e morale che deve passare prima di tutto per le nuove generazioni. Soltanto quando le nuove generazioni le negheranno il consenso, la criminalità organizzata avrà più possibilità di essere sconfitta».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie