Lunedì 18 Marzo 2019 | 20:53

NEWS DALLA SEZIONE

Incidente stradale
Scontro a Crispiano: muore una maestra di 46 anni, insegnava a Martina

Scontro a Crispiano: muore maestra di 46 anni. Altro incidente a Manduria: muore 78enne

 
A taranto
Tangenti sulla discarica, Tamburrano fa scena muta davanti al gip

Tangenti sulla discarica, Tamburrano fa scena muta davanti al gip

 
Lotta alla droga
Manduria, nascondeva mezzo chilo di eroina in ufficio: arrestato

Manduria, nascondeva mezzo chilo di eroina in ufficio: arrestato

 
La denuncia
Taranto, bimba di 5 anni muore di tumore, genitori tarantini: «È strage»

Taranto, bimba di 5 anni muore di tumore, genitori tarantini: «È strage»

 
Incidente nel Tarantino
Manduria, operaio folgorato in centro di compostaggio: grave

Manduria, operaio folgorato in centro di compostaggio: grave

 
Denunciate 2 donne
Taranto, cc sequestrano 52kg di sigarette, anche di contrabbando: 2 denunce

Taranto, cc sequestrano 52kg di sigarette, anche di contrabbando: 2 denunce

 
A grottaglie
Cinzella Festival, arrivano anche Marlene Kuntz e White Lies

Cinzella Festival, arrivano anche Marlene Kuntz e White Lies

 
Presi dalla Polizia
Taranto, rubavano nei market e rivendevano sulle bancarelle: due arresti

Taranto, rubavano nei market e rivendevano sulle bancarelle: due arresti

 
In centro
Grottaglie, arrestati fidanzati spacciatori; la coca nel reggiseno

Grottaglie, arrestati fidanzati spacciatori: la «coca» nel reggiseno

 
Dalla Gdf
Taranto, sequestrata una tonnellata di pesce: donato alle mense dei poveri

Taranto, sequestrata una tonnellata di pesce: donato alle mense dei poveri

 

Il Biancorosso

LA PARTITA
Bari, l'attesa è finalmente finitaparte il rush finale del campionato

Bari, l'attesa è finalmente finita
parte il rush finale del campionato

 

NEWS DALLE PROVINCE

MateraLa visita
Di Maio a Matera: «Fare imprese al Sud è da supereroi»

Di Maio a Matera: «Fare imprese al Sud è da supereroi»

 
TarantoIncidente stradale
Scontro a Crispiano: muore una maestra di 46 anni, insegnava a Martina

Scontro a Crispiano: muore maestra di 46 anni. Altro incidente a Manduria: muore 78enne

 
HomeUdienza preliminare
Tangenti ex provincia Bari, l'ente non si costituisce parte civile

Tangenti ex provincia Bari, l'ente non si costituisce parte civile

 
PotenzaI controlli
Evadevano il fisco per 120mila euro: scoperti in 2 a Maratea

Evadevano il fisco per 120mila euro: scoperti in 2 a Maratea

 
BatL'inchiesta di Lecce
Trani, magistrati arrestati, imprenditore denuncia: «Pagai per la libertà»

Trani, magistrati arrestati, imprenditore denuncia: «Pagai per la libertà»

 
BrindisiIn pieno centro
S.Pietro V.co, pitbull azzanna cavalla e cavaliere, feriti

S.Pietro V.co, pitbull azzanna cavalla e cavaliere, feriti

 
LecceBattuto Messuti
Primarie Centrodestra a Lecce, vince Saverio Congedo, coordinatore pugliese FdI

Primarie Centrodestra a Lecce, vince Saverio Congedo, di Fratelli d'Italia

 

Taranto

Call center, negata maternità a 31enne: azienda non versa contributi

La denuncia della Slc Cgil sul caso di una 31enne: ormai siamo al raggiro

truffa all'inps

«L'Inps ha respinto la domanda di maternità a una donna di 31 anni di Taranto, che lavora in un call center, sostenendo che non poteva essere accettata perché non c'erano contributi versati per la sua posizione lavorativa. Questa vicenda non è solo l’ennesimo caso di sfruttamento, ma è un vero e proprio raggiro». E’ quanto sostiene Andrea Lumino, segretario della Slc Cgil di Taranto, a cui l’operatrice si è rivolta.

«L'episodio - aggiunge il sindacalista - è accaduto in un call center non 'da sottoscalà, ma in un’azienda di grandi dimensioni che continua, nonostante le denunce fatte, ad agire nell’assoluta mancanza di rispetto delle regole e delle norme contrattuali nazionali oltre che degli obblighi fiscali».

L’addetta del call center da circa un anno lavora per un’azienda che opera a Taranto e annovera tra i suoi committenti anche colossi della telefonia. «Qualche tempo fa, giunta - racconta l’operatrice - al settimo mese di gravidanza, ho chiesto di andare in maternità. Era un mio un diritto perché avevo maturato ben più dei tre mesi di lavoro come prevede la legge e così ho presentato la domanda. Ma l’Inps ha risposto che la stessa non poteva essere recepita perché non erano stati versati i contributi. Se fossi stata una ragazza-madre ora starei morendo di fame e insieme a me anche i miei figli».

Secondo la 31enne, ci sono «tante donne e tanti uomini» che hanno saputo della sua disavventura «eppure continuano a lavorare in quel call center. Hanno bisogno di lavorare e sono disposti ad accettare qualunque cosa. Persino questo pur di vedere uno straccio di stipendio a fine mese. Io no, io sono una lottatrice e - conclude - non posso accettare che qualcuno si arricchisca togliendomi ciò che mi spetta».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400