Giovedì 13 Dicembre 2018 | 21:45

NEWS DALLA SEZIONE

Il caso
Taranto, cadono calcinacci nel call center e colpiscono operatrice: «Se denunci perdi il posto»

Taranto, cadono calcinacci nel call center e colpiscono operatrice: «Se denunci perdi il posto»

 
Ex Ilva
Acciaio senza carbone: ora si può. Emiliano a Mittal: «Decidiamo road map»

Acciaio senza carbone: ora si può. Emiliano a Mittal: «Decidiamo road map»

 
Le spese
Taranto: il concerto di capodanno costerà 82mila e 500 euro

Taranto: il concerto di capodanno costerà 82mila e 500 euro

 
Violenza in famiglia
Taranto, ha maltrattato la moglie per anni: arrestato un 62enne

Taranto, ha maltrattato la moglie per anni: arrestato un 62enne

 
Il furto
Palagiano, Sorpresi mentre rubano 400 kg di arance: denunciati 4 tarantini

Palagiano, sorpresi mentre rubano 400 kg di arance: denunciati in 4

 
Il museo dei tarantini illustri
Taranto, il Mudit presto al posto della masseria «Solito»

Taranto, il Mudit presto al posto della masseria «Solito»

 
INDUSTRIA
ArcelorMittal, lungo addio al carbone: «Taranto sarà punto di riferimento»

ArcelorMittal, lungo addio al carbone: «Taranto sarà punto di riferimento»

 
In appello
Taranto, morte on. Fransoso travolto da cancello: ridotte condanne

Taranto, morte on. Franzoso travolto da cancello: ridotte condanne

 
Nel tarantino
Palagiano, confiscati beni per 1,3 milioni di euro a un pregiudicato

Palagiano, confiscati beni per 1,3 milioni di euro a un pregiudicato

 
Patente mai conseguita
Fugge all'alt dei carabinieri, inseguito tenta di investirli: arrestato 30enne

Fugge all'alt dei carabinieri, inseguito tenta di investirli: arrestato 30enne

 
Il concorso
Massafra, pubblicato il bando per il carnevale 2019

Massafra, pubblicato il bando per il carnevale 2019

 

Taranto

Call center, negata maternità a 31enne: azienda non versa contributi

La denuncia della Slc Cgil sul caso di una 31enne: ormai siamo al raggiro

truffa all'inps

«L'Inps ha respinto la domanda di maternità a una donna di 31 anni di Taranto, che lavora in un call center, sostenendo che non poteva essere accettata perché non c'erano contributi versati per la sua posizione lavorativa. Questa vicenda non è solo l’ennesimo caso di sfruttamento, ma è un vero e proprio raggiro». E’ quanto sostiene Andrea Lumino, segretario della Slc Cgil di Taranto, a cui l’operatrice si è rivolta.

«L'episodio - aggiunge il sindacalista - è accaduto in un call center non 'da sottoscalà, ma in un’azienda di grandi dimensioni che continua, nonostante le denunce fatte, ad agire nell’assoluta mancanza di rispetto delle regole e delle norme contrattuali nazionali oltre che degli obblighi fiscali».

L’addetta del call center da circa un anno lavora per un’azienda che opera a Taranto e annovera tra i suoi committenti anche colossi della telefonia. «Qualche tempo fa, giunta - racconta l’operatrice - al settimo mese di gravidanza, ho chiesto di andare in maternità. Era un mio un diritto perché avevo maturato ben più dei tre mesi di lavoro come prevede la legge e così ho presentato la domanda. Ma l’Inps ha risposto che la stessa non poteva essere recepita perché non erano stati versati i contributi. Se fossi stata una ragazza-madre ora starei morendo di fame e insieme a me anche i miei figli».

Secondo la 31enne, ci sono «tante donne e tanti uomini» che hanno saputo della sua disavventura «eppure continuano a lavorare in quel call center. Hanno bisogno di lavorare e sono disposti ad accettare qualunque cosa. Persino questo pur di vedere uno straccio di stipendio a fine mese. Io no, io sono una lottatrice e - conclude - non posso accettare che qualcuno si arricchisca togliendomi ciò che mi spetta».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400