Mercoledì 21 Novembre 2018 | 13:55

NEWS DALLA SEZIONE

Il caso
Canapa "light", a Taranto scattano i sequestri

Canapa "light", a Taranto scattano i sequestri

 
La decisione
Taranto, sindaco Melucci ritira le dimissioni

Taranto, il sindaco Melucci ci ripensa e ritira le dimissioni

 
Violenza su minorenni
Taranto, istruttore abusava delle sue giovani allieve in palestra: arrestato

Taranto, istruttore abusava delle sue giovani allieve in palestra: arrestato

 
Taranto
Ex Ilva, Genitori Tarantini contro Di Maio: lei ci ha tradito

Ex Ilva, Genitori Tarantini contro Di Maio: lei ci ha tradito

 
I funerali del 19enne
Calciatore suicida, l'allenatore del Martina: vuoto incolmabile

Calciatore suicida, l'allenatore del Martina: vuoto incolmabile

 
Dopo le dimissioni
Taranto, crisi in Comune: Melucci resta fermo a 17

Taranto, crisi in Comune: Melucci resta fermo a 17

 
La scoperta
Taranto, nascondeva moto rubate nel suo garage: arrestato 42enne

Taranto, nascondeva moto rubate nel suo garage: arrestato 42enne

 
Il caso
Taranto, accoglienza migranti: la Procura accende i fari

Taranto, accoglienza migranti: la Procura accende i fari

 
Promozione
Calcio, si impicca calciatore 19enne del Martina: rinviata partita con Barletta

Calcio, si impicca calciatore 19enne del Martina: rinviata partita col Barletta

 
L'indagine
Taranto, furti in casa: arrestato un georgiano

Taranto, furti in casa: arrestato un georgiano

 
La polemica
Rifiuti leccesi dirottati nel Tarantino per lo smaltimento

Rifiuti leccesi dirottati nel Tarantino per lo smaltimento

 
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno

All'ospedale Moscati

Apre reparto pneumologia, si parte con 10 posti letto

Il dirigente del reparto nell'ospedale tarantino sarà Giancarlo D'Alagni

Apre reparto pneumologia, si parte con 10 posti letto

La Bpco (broncopneumopatia cronico ostruttiva) rimane purtroppo ancora oggi tra le patologie con una più alta incidenza. Oggi quarta causa di morte dopo le patologie cardiovascolari, tende ad aumentare la sua pericolosità ed i suoi effetti. Entro il 2020 potrebbe diventare la terza causa di morte. E Taranto col suo fardello di problematiche ambientali e fattori inquinanti, è purtroppo a pieno titolo in questa condizione di allarme. A fronte di questo panorama, fortunatamente migliorano le possibilità diagnostiche e di cura. Non solo sul fronte delle apparecchiature oggi a disposizione e in arrivo, ma anche sul piano organizzativo attraverso l’imminente inaugurazione di una Uoc (unità operativa complessa).

Colmando un ritardo paradossale in Puglia (le altre Asl ne sono ormai attrezzate), l’atteso ed annunciato reparto di Pneumologia sarà inaugurato, infatti, il prossimo 5 novembre all’ospedale Moscati. Avrà inizialmente 10 posti letto, estendibili a breve a 20, così come prevede il piano di riordino ospedaliero per le Pneumologie, appunto. Ma, questa volta in vantaggio rispetto al resto dei reparti già operativi in Puglia, rappresenterà un’importante novità nel panorama regionale. Sarà, infatti, il primo reparto ospedaliero in stretta simbiosi col territorio. Un nuovo modello operativo destinato a diventare un modello operativo. Medici ospedalieri, insomma, insieme a medici del territorio per una reale presa in carico del paziente ed una più coerente e soddisfacente continuità assistenziale. Qualche giorno dopo l’inaugurazione, un convegno sul tema «La Patologia Bpco riacutizzata: gestione integrata ospedale-territorio», informerà coerentemente i medici di medicina generale delle nuove possibilità diagnostiche e di cura ed il nuovo modello di presa in carico del paziente.


È il responsabile del nuovo reparto di Pneumologia, Giancarlo D’Alagni, ad illustrare le importanti novità. La premessa è legata alla persistenza della malattia, alle preoccupazioni per le forme e le cause di riacutizzazione. I dati della patologia sono quelli dello studio Sentieri, ma di sicuro l’afflusso alle strutture ambulatoriali, il ricorso ad indagini sempre più frequenti danno l’idea che la situazione rimanga preoccupante a conferma che la situazione ambientale abbia determinato e continui a determinare patologie polmonari e continue riacutizzazioni. «Abbiamo effettuato 16 mila prestazioni ambulatoriali in 8 mesi – dice il dottor D’Alagni -. In circa l’80% dei casi, si è trattato di diagnosticare e curare patologie ostruttive». Insufficienze respiratorie chiaramente legate a forme di invalidità e, molto spesso in comorbilità con altre patologie, alla base di tumori al polmone.
Ma, voltando pagina, ci sono aspetti fortunatamente più incoraggianti.

Il tema allora è quello dei nuovi macchinari e nuove strumentazioni per fare diagnosi e, nel caso, anche intervenire. Si dispone già ed è già funzionante, ad esempio, la nuova generazione di broncoscopi. Si chiama “Ebus” (Endo Bronchial Ultra Sound), in particolare, il nuovo videobroncoscopio in grado di effettuare endoscopie toraciche al fine di diagnosticare anche le più piccole avvisaglie del tumore al polmone intervenendo con precisione ed efficacia all’interno delle vie bronchiali. La nuova strumentazione consente, dunque una diagnosi più precisa di patologie tumorali di piccolissime dimensioni sulle quali, fino a ieri, non era possibile fare biopsie con precisione millimetrica. E presto, a dicembre, assicura il dottor D’Alagni, il nuovo reparto,a quel punto in funzione, disporrà anche di ulteriore strumentazione in grado di misurare la funzione respiratoria del paziente per valutarne la possibilità operatoria.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400