Giovedì 15 Aprile 2021 | 04:20

NEWS DALLA SEZIONE

Sport
Calcio, il Lecce cerca la carica con le gigantografie di Pelè negli spogliatoi

Calcio, il Lecce cerca la carica con le gigantografie di Pelè negli spogliatoi

 
Calcio
Spal Lecce, «il pareggio sarebbe stato equo»

Spal Lecce, «il pareggio sarebbe stato equo»

 
Basket
La Happy si arrende al Pinar: svanisce il sogno Champions

La Happy si arrende al Pinar: svanisce il sogno Champions

 
Sport
Canoa fondo, la 15enne barese Centrone è campionessa d'Italia

Canoa fondo, la 15enne barese Centrone è campionessa d'Italia

 
Il virus
Lutto in casa Bitonto, si è spento il presidente onorario Giuseppe Rossiello

Lutto in casa Bitonto, si è spento il presidente onorario Giuseppe Rossiello

 
Verso le olimpiadi di Tokyo
Nuoto, pugliesi in primo piano agli assoluti di Riccione

Nuoto, pugliesi in primo piano
agli assoluti di Riccione

 
Solidarietà
Basket, Brindisi in campo contro il bullismo

Basket, Brindisi in campo contro il bullismo

 
Sport
Golf, Acaya Open: Manassero star in Puglia, successo vicino

Golf, Acaya Open: Manassero star in Puglia, successo vicino

 
Il commento
Stress dell’allenatore la sindrome del calcio

Stress dell’allenatore la sindrome del calcio

 

Il Biancorosso

Serie C
Bari calcio, contro il Palermo torna Celiento?

Bari calcio, contro il Palermo torna Celiento?

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariUltim'ora
Taranto, la Procura barese indaga sui lavori del nuovo ospedale

Taranto, la Procura barese indaga sui lavori del nuovo ospedale

 
TarantoIl caso
Taranto, pressing su Mittal per il reintegro del dipendente licenziato dopo post su Fb

Taranto, pressing su Mittal per il reintegro del dipendente licenziato dopo post su Fb

 
FoggiaMomenti di panico
Foggia, «Attenzione il Teatro Giordano va a fuoco»: falso allarme, è solo vapore

Foggia, «Attenzione il Teatro Giordano va a fuoco»: falso allarme, è solo vapore

 
PotenzaIl virus
Vaccini, Bardi: «Modello Basilicata scelto anche a livello nazionale»

Vaccini, Bardi: «Modello Basilicata scelto anche a livello nazionale»

 
MateraL'inchiesta
Matera, inchiesta sull'ex dg Asm: il gup archivia

Matera, inchiesta sull'ex dg Asm: il gup archivia

 
BrindisiIl caso
Versalis a Brindisi, stop agli impianti per nuova torcia a terra

Versalis a Brindisi, stop agli impianti per nuova torcia a terra

 
LecceIl caso
Lequile, avvistata la pantera vicino a un market da un autista

Lequile, nuovo avvistamento della pantera: era vicino un market

 
BatL'episodio
Barletta, viola coprifuoco e aggredisce poliziotto per evitare sanzione: arrestato

Barletta, viola coprifuoco e aggredisce poliziotto per evitare sanzione: arrestato

 

i più letti

Il commento

Stress dell’allenatore la sindrome del calcio

Da Sacchi a Prandelli, in mezzo una lunga serie di allenatori finiti nel pallone per colpa del pallone

Stress dell’allenatore la sindrome del calcio

Lo stress come un compagno di viaggio. Sempre. Costante. È lì, vicino, sornione. In panchina che osserva. Nella vita e nello sport, nel calcio forse in dosi ancora più massicce. A volte è un’arma in più, perché spinge a dare il meglio, a cercare la perfezione, ammesso che nel calcio la perfezione esista. A volte è il nemico invisibile e subdolo che aggredisce alle spalle, circonda, divora. L’Italia non è il paese delle dimissioni. Il calcio ancora meno. Perché c’è sempre un ingaggio da difendere, alla faccia della dignità. 

Prandelli ha dato un calcio all’ingaggio, invece, con grande dignità, «umanizzandosi» in un mondo che corre come un’auto pazza sulle autostrade americane.
Da Sacchi a Prandelli, in mezzo una lunga serie di allenatori finiti nel pallone per colpa del pallone. Perché bisogna vincer ad ogni costo, perché se si perde si è etichettati come falliti, perché comunque questo calcio brucia tempo e persone. Distribuendo soldi, forse troppi soldi. Lo «stress da panchina» anche in un mondo senza tifosi? In quest’era più virtuale che di contatti e abbracci? E certo, se non c’è il tifoso sugli spalti che protesta, c’è quello da tastiera che irrompe, quello social che coinvolge. Comunque sia, un tecnico è sempre sotto attacco. Parafrasando il ciclismo, un uomo solo al comando.
Stress, tormenti, riflessioni che hanno ridisegnato la storia del calcio. Un allenatore è pagato per fare da parafulmine, pagato anche profumatamente. E dunque pagato anche per accollarsi responsabilità non propriamente sue. Ma succede pure che i soldi non facciano la felicità. E che il «vuoto dentro» emerga, il «buco nero» mangi. E che un tecnico, una brava persona davvero, decida di mandare tutto a quel paese. 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie