Venerdì 15 Novembre 2019 | 03:14

NEWS DALLA SEZIONE

L'intervista
Da Castellana al sogno olimpico: Laporta è la nuova stella del golf italiano

Da Castellana al sogno olimpico: Laporta è la nuova stella del golf

 
Dopo 27 tornei
Golf, il pugliese Laporta re del Challenge tour 2019

Golf, il pugliese Laporta re del Challenge tour 2019

 
L'intervista
Luna Rossa: tutto pronto per l'America's Cup, nel team c'è anche il barese Fabrizio Lisco

Luna Rossa: tutto pronto per l'America's Cup, nel team c'è anche il barese Fabrizio Lisco

 
Il caso
Bari, calunniò maestro di pugilato: a processo ex presidente Coni Sannicandro

Bari, calunniò maestro di pugilato: a processo ex presidente Coni Sannicandro

 
la curiosità
Bitonto inespugnabile: ha la difesa più forte d'Europa

Bitonto inespugnabile: ha la difesa più forte d'Europa

 
Il caso
Razzismo contro Balotelli, la solidarietà del Lecce in un tweet

Razzismo contro Balotelli, la solidarietà del Lecce in un tweet

 
Domenica sportiva
Serie C, Monopoli batte il Rende 2-1. Pareggio per il V. Francavilla, sconfitte Potenza e Bisceglie

Serie C, Monopoli batte il Rende 2-1. Pareggio per il V. Francavilla, sconfitte Potenza e Bisceglie

 
Serie A
Lecce-Sassuolo 2-2, Berardi firma il pari al Via del Mare

Lecce-Sassuolo 2-2, Berardi firma il pari al Via del Mare

 
L'intervista
Il ruggito di Leone: a Tokyo atletica di Puglia in vetrina

Il ruggito di Leone: a Tokyo atletica di Puglia in vetrina

 
A Bari
Taekwondo, il 19enne brindisino Dell'Aquila campione europeo a Bari

Taekwondo, il 19enne di Mesagne Dell'Aquila è campione europeo

 
sport
Bari capitale Europea del taekwondo: via ai campionati

Bari capitale Europea del taekwondo: via ai campionati

 

Il Biancorosso

serie c
Vivarini e il «modulo cangiante»: così il Bari diventa un'orchestra

Vivarini e il «modulo cangiante»: così il Bari diventa un'orchestra

 

NEWS DALLE PROVINCE

BatL'indagine del 2015
Minacce a testimoni, condannati due ex pm di Trani Ruggiero e Pesce

Minacce a testimoni, condannati due ex pm di Trani Ruggiero e Pesce

 
MateraIl ritrovamento
Metaponto, cc scoprono discarica a cielo aperto: messa in sicurezza

Metaponto, cc scoprono discarica a cielo aperto: messa in sicurezza

 
TarantoLa polemica
Ex Ilva, bufera sulla Bellanova e il quadro abbandonato a Taranto: «Un errore»

Ex Ilva, bufera sulla Bellanova e il quadro abbandonato a Taranto: «Un errore»

 
LecceIl caso
Galatina, imprenditore agricolo spara a operaio e lo ferisce al volto

Galatina, imprenditore agricolo spara a operaio e lo ferisce al volto

 
BariLa sentenza
Santeramo, anziana uccisa e derubata, ribaltone in appello: condannata la badante

Santeramo, anziana uccisa e derubata, ribaltone in appello: condannata a 21 anni la badante

 
FoggiaA poggio imperiale
Foggia, anziani picchiati con mazze e rapinati in casa per 200 euro

Foggia, anziani picchiati con mazze e rapinati in casa per 200 euro

 
BrindisiAgricoltura
Brindisi, nasce la Banca della Terra per i giovani che vogliono fare i contadini

Brindisi, nasce la Banca della Terra per i giovani che vogliono fare i contadini

 
PotenzaLa città che cambia
Potenza, riaperto al traffico il ponte di Montereale

Potenza, riaperto al traffico il ponte di Montereale

 

i più letti

Unico pugliese

A nuoto da Capri a Napoli, l'impresa del 18enne nocese Stefano Perta

È tesserato per la piscina dell'Otrè, società specializzata nelle acque libere e sulle lunghe distanze

A nuoto da Capri a Napoli, l'impresa del 18enne nocese Stefano Perta

Unico pugliese in gara su sette italiani (cinque maschi e due femmine) su un totale di 23 partecipanti (13 uomini e 10 donne). Il più giovane iscritto tra i maschi, ad appena 18 anni. Ed è già un doppio record. Stefano Perta ha concluso in 8h06’23’’ la 54ma edizione della Capri-Napoli, lunga 36 km, la più antica maratona tra quelle appartenenti ai circuiti in acque libere della Fina. Perta è arrivato 11° dietro ad atleti professionisti provenienti da Argentina, Belgio, Brasile, Canada, Kazakistan, Macedonia, Siria e Stati Uniti. Il giovane, che vive e si allena a Noci, dove è nato, è tesserato per la piscina di casa dell’Otrè, società specializzata nelle acque libere e sulle lunghe distanze con una squadra che da anni si cimenta in gare che vanno oltre i confini della piscina.

Perta ha partecipato alla ultramaratona grazie alla qualificazione ottenuta lo scorso anno quando, appena 17enne, concluse in meno di 8 ore (7 ore e 25 minuti) la Capri-Napoli non competitiva guadagnandosi così l’accesso alla traversata competitiva 2019 che è anche la tappa finale del circuito mondiale Fina Ultramarathon Swim Series.
«Sono contento di averla portata a termine - dice Perta - ma non è stato facile. Le condizioni, rispetto allo scorso anno, erano difficilissime. Siamo partiti con lampi e tuoni all’orizzonte. Le prime due ore sono state gestibili perché sono riuscito a mantenermi con gli altri, ma quando siamo arrivati in mare aperto ho accusato fatica nelle braccia e ho perso il gruppo. C’era mare grosso e intorno alla quarta ora di gara ho pensato di ritirarmi».

Solo in mezzo al mare. E com’è profondo il mare, cantava Lucio Dalla. «Fondamentale è stato il mio allenatore, Ippazio Pinca (che era in barca a seguirlo, ndr). È stato lui che mi ha aiutato a non mollare incoraggiandomi sempre, la sua presenza mi è servita per riprendermi mentalmente più che fisicamente». Per preparare una gara del genere, Perna si è allenato duramente tra piscina e palestra. Tutti i giorni in acqua per più di 40 km a settimana più tre volte a secco (seguito dal preparatore Gaspare Spina). Agli allenamenti in piscina si sono aggiunte le sedute in mare. «Èstata Matilde Petruzzi (allenatrice della squadra master di Otrè, ndr) a trasmettermi la passione per il nuoto di fondo e a spingermi a partecipare a questa gara che lei ha tentato due anni fa. Vedevo Napoli all’orizzonte, anche se non avevo quasi più la forza di alzare la testa, ma sembrava di non arrivare mai».

Stefano Perta frequenta l’ultimo anno del liceo Scientifico «Leonardo Da Vinci» di Noci ed è già pronto a rituffarsi in una nuova stagione. Ha iniziato a nuotare da piccolino, come tutti gli agonisti, e non è più uscito dall’acqua. Obiettivi di quest’anno, oltre alle gare di categoria in piscina, saranno i campionati regionali di fondo e qualche altra tappa del circuito Fina anche su distanze diverse: «Nuotare in mare regala sensazioni speciali - dice Perta - hai modo di pensare tanto e di capire davvero quali sono i tuoi limiti e fin dove puoi spingerti».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie