Venerdì 18 Gennaio 2019 | 05:09

NEWS DALLA SEZIONE

IL REPORTAGE
La Brigata Pinerolo e la missione in Iraqun consuntivo dell'impegno fuori area

La Brigata Pinerolo e la missione in Iraq
un consuntivo dell'impegno fuori area

 
LA STORIA
Tscherkowo, l'inferno bianco degli italianila tragica ritirata descritta da chi c'era

Tscherkowo, l'inferno bianco degli italiani
la tragica ritirata descritta da chi c'era

 
ESERCITO
L'82° Reggimento fanteria "Torino"ricorda i caduti sul fronte russo

L'82° Reggimento fanteria "Torino"
ricorda i caduti sul fronte russo

 
L'ANALISI
"Sicurezza europea, coinvolgere la RussiaE nei Balcani Italia più protagonista"

"Sicurezza europea, coinvolgere la Russia
E nei Balcani Italia più protagonista"

 
ESERCITO
Con "ToroTen" si corre per beneficenzaBarletta, il 27 gennaio la gara più cool

Con "ToroTen" si corre per beneficenza
Barletta, il 27 gennaio la gara più cool

 
AFRICA
Mini tour di Conte in Niger e in CiadSono 92 i militari italiani a Niamey

Mini tour di Conte in Niger e in Ciad
Sono 92 i militari italiani a Niamey

 
IL PUNTO
Teheran verso arricchimento al 20 per centoRitiro Usa dalla Siria, le critiche di Riad

Teheran verso arricchimento al 20 per cento
Ritiro Usa dalla Siria, le critiche di Riad

 
L'INCHIESTA
Iraq, falde acquifere contaminatenel Paese dei fiumi Tigri e Eufrate

Iraq, falde acquifere contaminate
nel Paese dei fiumi Tigri e Eufrate

 
L'ANALISI
I combattenti eroi abbandonati con un tweetnessuno salverà i curdi al massacro

I combattenti eroi abbandonati con un tweet
nessuno salverà i curdi al massacro

 
DIFESA
Droni atomici subacqueila Marina russa ne avrà 32

Droni atomici subacquei
la Marina russa ne avrà 32

 
DIFESA
Arriva il primo sindacato con le stelletteSi comincia con l'Arma dei Carabinieri

Arriva il primo sindacato con le stellette
Si comincia con l'Arma dei Carabinieri

 

IL PUNTO

Teheran verso arricchimento al 20 per cento
Ritiro Usa dalla Siria, le critiche di Riad

Aumentano le preoccupazioni di Israele in Medio Oriente

Teheran verso arricchimento al 20 per centoRitiro Usa dalla Siria, le critiche di Riad

L'Arabia Saudita critica gli Stati Uniti per l'annunciato ritiro dalla Siria, "che favorirà Iran, Russia e Assad", mentre il premier israeliano Netanyahu rivendica la paternità - per la prima volta - dei recenti attacchi in Siria contro obiettivi iraniani e gli Hezbollah.Teheran non sta a guardare: il capo dell'agenzia atomica, Ali Akbar Salehi, ha annunciato "i primi passi" per dotare il Paese di carburante nucleare arricchito al 20 ero cento. Ben oltre la soglia prevista nell'accordo del 2015, che è del 3,67 per cento, e quindi - di fatto - il primo passo di teheran verso l'abbandono dell'intesa, già paventato all'indomani del dietro front dell'amministrazione Trump.

Il ritiro dagli Usa in Siria "complicherà ulteriormente la situazione e la ricerca di una soluzione, e rafforzerà ulteriormente gli iraniani, i russi e Bashar al Assad, è veramente uno sviluppo negativo", ha tuonato il principe saudita Turki al-Faisal alla vigilia della visita a Riad del segretario di Stato americano, Mike Pompeo, che sarebbe pressato dai falchi dell'amministrazione Usa per piani più aggressivi contro l'Iran. Il ruolo dell'Iran in Siria è anche al centro delle preoccupazioni di Israele che ha colpito, con l'aviazione, depositi dell'Iran con armi iraniane nell'aeroporto internazionale di Damasco. L'insieme degli attacchi dimostra come Israele sia determinato più che mai ad agire contro l'Iran in Siria. Tutto dopo il ritrovamento di un sesto tunnel scavato dagli Hezbollah sotto il confine del Libano. Secondo gli israeliani il piano di Hezbollah era quello di far penetrare in Galilea, attraverso i tunnel, fino a 2mila miliziani ed assumere il controllo su diverse località.

Infine, gli Stati Uniti e l'Arabia Saudita si sono accordati per continuare ad applicare i termini della tregua siglata in Svezia tra insorti yemeniti e forze lealiste filo-saudite. Lo riferisce l'ambasciata americana a Riad sul suo profilo Twitter dopo l'incontro avvenuto nelle ultime ore nella capitale saudita tra il principe ereditario Muhammad ben Salman e il segretario di Stato Usa Mike Pompeo. In un comunicato, l'ambasciata afferma che i Pompeo e ben Salman si sono trovati d'accordo nel proseguire gli sforzi per una soluzione politica del conflitto in Yemen e per continuare il disimpegno di truppe dal porto conteso di Hudayda, sul Mar Rosso, dove transita circa l'80% degli aiuti umanitari Onu destinati al paese in guerra.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400