Venerdì 14 Dicembre 2018 | 10:31

NEWS DALLA SEZIONE

LA STORIA 1933
Decennale della Regia Aeronauticail Re passa in rassegna 4mila piloti

Decennale della Regia Aeronautica
il Re passa in rassegna 4mila piloti

 
LA STORIA
Il bimotore Savoia Marchetti S 55uno dei simboli del progresso italiano

Il bimotore Savoia Marchetti S 55
uno dei simboli del progresso italiano

 
LA STORIA 1930
Inaugurazione aeroporto di Bariintitolato a Umberto di Savoia

Inaugurazione aeroporto di Bari
intitolato a Umberto di Savoia

 
BALCANI
Kosovo, l'attività del 5° Reggimento alpini

Kosovo, l'attività del 5° Reggimento alpini

 
ESERCITO
Calendario, l'uomo e la tecnologia

Calendario, l'uomo e la tecnologia

 
AERONAUTICA MILITARE
Calendario, storie e immagini

Calendario, storie e immagini

 
L'ESERCITAZIONE
Rivivi la  "Mangusta" interforze

Rivivi la "Mangusta" interforze

 
MARINA MILITARE
Noi siamo la Marina: gli incursori

Noi siamo la Marina: gli incursori

 
MARINA MILITARE
Calendario, palombari e incursori

Calendario, palombari e incursori

 
AERONAUTICA MILITARE
Bari, concerto di Natale per i bambinidel reparto pediatrico oncologico

Bari, concerto di Natale per i bambini
del reparto pediatrico oncologico

 
L'APPUNTAMENTO
Bari, "Cosa posso fare da grande?"Professione Militare al Salone dello studente

Bari, "Cosa posso fare da grande?"
Professione Militare al Salone dello studente

 

L'EVENTO

Le musiche della Grande Guerra
per ricordare chi ha realizzato l'Italia

Bari, la banda interforze al teatro Petruzzelli e le lettere dal fronte

Le musiche della Grande Guerraper ricordare chi ha fatto l'Italia

Le musiche del nostri nonni e le lettere dal fronte. E' stato questo il filo conduttore del concerto, organizzato dal Presidio militare in collaborazione col Comando marittimo Sud di Taranto e la Questura di Bari, che si è tenuto nel teatro Petruzzelli, per ricordare la Grande Guerra. I 90 musicanti hanno magistralmente eseguito alcune delle canzoni più in voga in quel periodo, dal "Signore delle Come" alla "Canzone del Piave", senza dimenticare "Addio mia bella addio", diretti dai primi luogotenenti Nicola Cotugno e Michele Di Sabato, dal luogotenente Gregorio Pasquino e dal primo maresciallo Carlo Resta. Note musicali, ma anche parole. Come quelle lette dalle voci narranti di Barbara De Santis e Riccardo Mennichelli, coadiuvati da Michele Cucuzza che hanno ricordato le condizioni di vita nelle trincee ma anche gli ideali che hanno accompagnato i soldati. Su tutti la lettera del soldato Domenico Ceglie, barese, scritta ai familiari due giorni prima di perdere la vita nell'assalto del Monte San Michele. Non poteva mancare una parentesi musicale dedicata alle canzoni napoletane, grazie alla trascinante esibizione dell'Ensemble mandolinisti Partenope, con Mauro Squillante e Laura Lazzari.

E' toccato al generale di Squadra Aerea Umberto Baldi ricordare le finalità dell'iniziativa, dedicata a tutti quanti quotidianamente si occupano della difesa e della sicurezza del nostro Paese: "Le Forze armate oggi custodiscono i valori e i principii su cui si fonda l'Italia e, si proiettano al futuro, come saldo punto di riferimento per la nostra comunità, forti anche dell'esempio del passato".     

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400