Sabato 23 Febbraio 2019 | 23:51

NEWS DALLA SEZIONE

Voto il 24 marzo
Basilicata al voto, in corsa 5 aspiranti Governatori: centrosinistra a rischio

Basilicata al voto, in corsa 5 aspiranti Governatori: centrosinistra a rischio

 
Maltempo
Nevica allo stadio: rinviata gara di serie C Potenza - Sicula Leonzio

Nevica allo stadio: rinviata gara di serie C Potenza - Sicula Leonzio

 
Violenza
Roccanova, arrestato 37enne: stava prendendo a calci a moglie

Roccanova, arrestato 37enne: stava prendendo a calci a moglie

 
Verso le regionali
Elezioni, a Potenza e Matera le prime liste: sono di centrodestra e M5S

Elezioni, a Potenza e Matera le prime liste: sono di centrodestra e M5S

 
In vista del 24 marzo
Regionali in Basilicata, a Potenza e Matera la presentazione delle liste

Regionali in Basilicata, a Potenza e Matera la presentazione delle liste

 
Economia
Lo Svimez alla Basilicata: «Trattenete più royalties»

Lo Svimez alla Basilicata: «Trattenete più royalties»

 
L'iniziativa
A Vietri di Potenza se adotti un cane non paghi la Tari

A Vietri di Potenza se adotti un cucciolo dal canile non paghi la Tari

 
L'intervista
Lezioni di esorcismo a scuola, sacerdote: «Sarebbe servito»

Lezioni di esorcismo a scuola, sacerdote: «Sarebbe servito»

 
La decisione
Basilicata, Pittella fa marcia indietro: Trerotola è nuovo candidato centro sinistra

Elezioni in Basilicata, Pittella fa marcia indietro: al suo posto un farmacista

 
L'analisi
Badante di condominio: la creatività dei lucani

Badante di condominio: la creatività dei lucani

 
In Basilicata
Elezioni, Carmen Lasorella rinuncia alla candidatura

Elezioni, Carmen Lasorella rinuncia alla candidatura

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariL'episodio
Black out durante la prima della Madama Butterfly a Bari, il cast rimane in scena senza luce

Black out durante la prima della Madama Butterfly a Bari, il cast rimane in scena senza luce

 
FoggiaPrimarie
Foggia, il centrodestra si misura per scegliere il candidato sindaco

Foggia, il centrodestra si misura per scegliere il candidato sindaco

 
PotenzaVoto il 24 marzo
Basilicata al voto, in corsa 5 aspiranti Governatori: centrosinistra a rischio

Basilicata al voto, in corsa 5 aspiranti Governatori: centrosinistra a rischio

 
BrindisiSan Pietro Vernotico
Scontro frontale nel Brindisino: muoiono 3 persone

Scontro frontale nel Brindisino:
muoiono 3 persone

 
LecceNel Salento
Perde il controllo dell'auto sulla Taviano-Matino: muore una 28enne

Perde il controllo dell'auto sulla Taviano-Matino: muore una 27enne

 
MateraA Tokyo
Matera 2019, il debutto in Giappone: «Investire sulla cultura»

Matera 2019, il debutto in Giappone: «Investire sulla cultura»

 
BatDavanti alla stazione
Barletta, rumeni ubriachi aggrediscono agenti: uno va in carcere

Barletta, rumeni ubriachi aggrediscono agenti: uno va in carcere

 

Appello contabile

Progetto Felandina, confermato
il risarcimento di 14 milioni

La sentenza di appello della Corte dei Conti nei confronti di 21 persone (per 4 è scattata la prescrizione)

Progetto Felandina, confermatoil risarcimento di 14 milioni

GIOVANNI RIVELLI

Per il fallimento del progetto «La Felandina» lo Stato avrà indietro i suoi 14 milioni 220mila euro anche se a pagarli non saranno più in 25 ma in 21 tra singoli e aziende, col vincolo solidale, ossia potendo ciascuno essere chiamato a rispondere dell’intera somma. Lo ha stabilito la Prima sezione centrale di Appello della Corte dei Conti pronunciandosi sulla sentenza emessa a fine 2015 dalla Corte territoriale di Potenza e impugnata da sei dei condannati.

Una sentenza che, se a qualcuno fa tirare un sospiro di sollievo, per gli altri finisce col tradursi in un aggravamento del conto. Questo perché i giudici di seconda istanza per un verso hanno dichiarato l’intervenuta prescrizione della contestazione (nei giudizi contabili interviene solo se la contestazione originaria è giunta più di 5 anni dopo il verificarsi dell’evento dannoso) nei confronti di quattro dei condannati in primo grado (e precisamente Mariano Chemello, Maurizio Filippi, Maurizio Zaccaria e Biofiber srl. in fallimento) mentre hanno confermato la condanna per altri due ricorrenti, Giuseppe Annecca (presidente del Consorzio) e Michele De Grazia, non modificando, ovviamente la situazione degli altri 19 condannati che non erano tra i ricorrenti.

Ma c’è di più. Perché i giudici di Appello hanno ribadito con forza, a seguito di apposito motivo di ricorso presentato da uno degli appellanti, la validità del vincolo solidale della condanna. «Con riferimento alla condanna solidale - hanno osservato - essa va, comunque, confermata in questa sede di responsabilità amministrativo-contabile, per via della sussistenza del dolo accertato dei coautori del danno. Saranno gli stessi condebitori in solido a provvedere, eventualmente, ad una regolazione interna dei rapporti fra di loro, in base all’apporto concausale di ciascuno, nella fase di esecuzione della sentenza di condanna. La richiesta, invece, se diretta ad ottenere una responsabilità parziaria anziché solidale, in questa sede, non può essere accolta, attesa la sussistenza dell’elemento psicologico del dolo».

A conti fatti, dunque, se a seguito della condanna di primo grado, a voler dividere in parti uguali il conto, ciascuno dei 25 condannati sarebbe stato chiamato a rifondere al Ministero dello Sviluppo circa 570mila euro, ora che il numero dei condannati si è ridotto, ciascuno potrebbe rispondere di circa 680mila euro, anche se, va detto, i conti potrebbero essere diversi poiché in caso di inadempienza o incapienza di qualcuno il Ministero potrà rivalersi sugli altri. Così resterà il bluff dello sviluppo in Val Basento, ma almeno la spese saranno recuperate.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400