Giovedì 21 Febbraio 2019 | 17:16

NEWS DALLA SEZIONE

L'intervista
Lezioni di esorcismo a scuola, sacerdote: «Sarebbe servito»

Lezioni di esorcismo a scuola, sacerdote: «Sarebbe servito»

 
La decisione
Basilicata, Pittella fa marcia indietro: Trerotola è nuovo candidato centro sinistra

Elezioni in Basilicata, Pittella fa marcia indietro: al suo posto un farmacista

 
L'analisi
Badante di condominio: la creatività dei lucani

Badante di condominio: la creatività dei lucani

 
In Basilicata
Elezioni, Carmen Lasorella rinuncia alla candidatura

Elezioni, Carmen Lasorella rinuncia alla candidatura

 
La nomina
Basilicata, Berlusconi presenta il candidato unico del centro destra: è Bardi

Basilicata, Bardi candidato unico del centrodestra

 
Mobilità
Trasporti pubblici lucani, fondi ordinari ma pochi bus: mancano 200 mezzi

Trasporti pubblici lucani, fondi ordinari ma pochi bus: mancano 200 mezzi

 
Dal gip di Potenza
Lavello, donna di mezza età in crisi col marito amava «partner» under 18: condannata

Lavello, donna 40enne in crisi col marito amava «partner» under 18: condannata

 
Nel potentino
Francavilla in Sinni, crolla tetto di casa, madre e figlio in ospedale, uomo ancora sotto le macerie

Francavilla in Sinni: crolla tetto di casa, 3 persone estratte vive, grave un uomo

 
Fotoreporter ferito
Il San Carlo si offre di curare l'occhio di Micalizzi

Il San Carlo si offre di curare l'occhio di Micalizzi

 
L'invito
Potenza, l'ospedale San Carlo si offre di curare il reporter ferito in Siria

Potenza, l'ospedale San Carlo si offre di curare il reporter ferito in Siria

 
«È un piano senza effetti»
Basilicata, stop inceneritori nel 2020: Tar boccia ricorso ex Fenice

Basilicata, stop inceneritori nel 2020: Tar boccia ricorso ex Fenice

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariI fatti nel 2017
Monopoli, tentò di uccidere moglie e ferì la figlia: chiesti 20 anni

Monopoli, tentò di uccidere moglie e ferì la figlia: chiesti 20 anni

 
HomeLa decisione
Puglia, il Consiglio approva la fusione tra Presicce e Acquarica

Puglia, il Consiglio approva la fusione tra Presicce e Acquarica

 
BrindisiA ceglie messapica
Incendiarono 5 auto e il prospetto di un palazzo nel Brindisino: catturato uno dei responsabili

Incendiarono 5 auto e il prospetto di un palazzo nel Brindisino: catturato uno dei responsabili

 
TarantoArrestato pregiudicato
Litiga con i genitori, polizia trova in camera una pistola

Litiga con i genitori, polizia trova in camera una pistola

 
FoggiaHanno agito in quattro
Tir carico di sigarette assaltato nel Foggiano, nessun ferito

Tir carico di sigarette assaltato nel Foggiano, nessun ferito

 
PotenzaL'intervista
Lezioni di esorcismo a scuola, sacerdote: «Sarebbe servito»

Lezioni di esorcismo a scuola, sacerdote: «Sarebbe servito»

 
BatLa denuncia
Barletta, stazione senza ascensore: non ha mai funzionato

Barletta, stazione senza ascensore: non ha mai funzionato

 
Materail Truffatore è barese
Si fa dare 3 Rolex da negoziante fingendo di essere figlio di un amico: arrestato a Matera

«Mio padre è tuo amico», si fa dare 3 Rolex da rivenditore: arrestato a Matera

 

I comuni fanno cassa

Circondati da autovelox
Potenza, record su una strada

Fioccano nuove apparecchiature: in viale dell'Unicef in 15 giorni ben 232 violazioni

Circondati da autoveloxPotenza, record su una strada

PIERO MIOLLA

Lucani vessati o indisciplinati, tanto da aver bisogno di divieti e imposizioni per rispettare i limiti di velocità? Il dibattito è tornato d’attualità alla luce dell’installazione di nuovi apparecchi di misurazione elettronica della velocità su alcune strade lucane, che hanno rinfocolato le polemiche e posto all’attenzione il fatidico dubbio: gli autovelox servono a far cassa oppure a garantire il rispetto per legalità e sicurezza? L’autovelox mobile preannunciato dal sindaco di Montescaglioso, Vincenzo Zito sulla Matera-Metaponto, le due postazioni fisse (in entrambi i sensi di marcia) già attive sulla Basentana, nei pressi del bivio per Macchia di Ferrandina, e, ancora la volontà del Comune di Pisticci di installarne uno nel suo territorio, per finire alla richiesta del sindaco di Potenza, Dario De Luca, di installare una postazione fissa sulla Potenza-Melfi, ci dicono che, o c’è nuovamente la necessità di imporre ai lucani il rispetto dei limiti di velocità e, con essi, garantire la sicurezza, oppure, molto semplicemente, i municipi intendono fare cassa. A discapito dei cittadini.

I sindaci, naturalmente, si difendono. E sottolineano che se gli automobilisti rispettassero i limiti, non ci sarebbe bisogno di siffatti strumenti. E, soprattutto, non ci sarebbero sanzioni. Che invece fioccano, a dimostrazione dell’indisciplina di taluni. Ma, a proposito di soldi, dove finiscono quelli delle multe? L’articolo 208 del Dlgs 285-92 prevede il vincolo di destinazione nella misura del 50% del gettito realizzato. Con alcuni limiti. Una quota non inferiore a un quarto della parte vincolata va destinata a interventi di sostituzione, ammodernamento, potenziamento, messa a norma e manutenzione della segnaletica delle strade di proprietà dell’ente locale; un’altra, sempre non inferiore a un quarto della parte vincolata, per il potenziamento delle attività di controllo e di accertamento delle violazioni in materia di circolazione stradale, anche attraverso l’acquisto dei mezzi e delle attrezzature necessarie; la residua quota per altre finalità collegate al miglioramento della sicurezza stradale: manutenzione delle strade di proprietà dell’ente, installazione, ammodernamento, potenziamento, messa a norma e manutenzione di barriere e sistemazione del manto stradale delle strade comunali, interventi in favore della mobilità ciclopedonale e per la sicurezza stradale a tutela degli utenti disagiati, svolgimento di corsi didattici finalizzati all’educazione stradale presso le scuole di qualsiasi grado e tenuti dagli organi di polizia locale.

L’articolo 208 dispone che tale riparto venga stabilito annualmente dalla Giunta comunale, che potrebbe destinare anche una quota superiore al 50% alle finalità sopra elencate. Va però ricordato che l’articolo 142, comma 12 bis del CdS prevede che i proventi delle sanzioni sono attribuiti nella misura del 50% ciascuno all’ente proprietario della strada su cui è effettuato l’accertamento e all’ente da cui dipende l’organo accertatore. Che devono destinarli a interventi di manutenzione e messa in sicurezza delle infrastrutture stradali, comprese segnaletica stradale e barriere, al potenziamento dell’attività di controllo e accertamento delle violazioni. Il dubbio sull’effettivo scopo dei comuni, però, rimane.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400