Giovedì 13 Agosto 2020 | 10:50

NEWS DALLA SEZIONE

IL CASO

Aiuti alle imprese colpite da crisi: c'è un caso Viggiano, il sindaco prende i soldi del bando comunale

 
POLITICA
Basilicata, si spacca la Lega: chiesta espulsione di Zullino

Basilicata, si spacca la Lega: chiesta espulsione di Zullino

 
l'iniziativa del comune
Offerta ai turisti del Pollino. Dormi 2 notti, ne paghi una

Rotonda, offerta ai turisti nel Pollino: dormi 2 notti, ne paghi una

 
LA TRAGEDIA nel potentino
Donna muore a Rionero investita dal suo furgone

Donna muore a Rionero in Vulture investita dal suo furgone

 
Contagi
Basilicata, un nuovo caso di Covid a Calvello: è una donna tornata dalla Lombardia

Basilicata, un nuovo caso di Covid a Calvello: è una donna tornata dalla Lombardia

 
Il caso
Potenza, Giuseppe Spera nominato nuovo commissario del San Carlo

Potenza, Giuseppe Spera nominato nuovo commissario del San Carlo

 
L'INTERVISTA
«Per uscire dalla crisi serve la verità»

Potenza, «Per uscire dalla crisi serve la verità»: la Chiesa suona la sveglia alla Basilicata

 
bollettino regionale
Coronavirus in Basilicata, 0 contagi su 273 tamponi nelle ultime 24 h

Coronavirus in Basilicata, 0 contagi su 273 tamponi nelle ultime 24 h

 
fase 3
Regione Basilicata, fondo perduto microimprese, approvazione elenchi beneficiari

Regione Basilicata, fondo perduto microimprese, approvazione elenchi beneficiari

 
Il caso
Potenza, il Consorzio verso il crac. Stop a stipendi e servizi?

Potenza, il Consorzio verso il crac. Stop a stipendi e servizi?

 
SERIE C
Potenza, sarà rivoluzione. Squadra da rifondare per aprire un nuovo ciclo

Potenza, sarà rivoluzione. Squadra da rifondare per aprire un nuovo ciclo

 

Il Biancorosso

serie C
Vivarini, Auteri e i «due» Bari

Vivarini, Auteri e i «due» Bari: grandi cambi o tanta fantasia

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariL'INCIDENTE
Ciclista investito a Gioia del Colle: caccia al pirata

Ciclista investito a Gioia del Colle: è caccia al pirata

 
Leccel'arrivo
Porto Selvaggio, i migranti sono avvocati, ingegneri e architetti

Porto Selvaggio, i migranti sbarcati sono avvocati, ingegneri e architetti

 
Foggianel foggiano
Vieste, «Dammi i soldi o ti squarcio la macchina»: parcheggiatore abusivo in carcere

Vieste, «Dammi i soldi o ti squarcio la macchina»: parcheggiatore abusivo in carcere

 
TarantoOrgoglio tarantino
Al Sette Colli è Benny Pilato show: record italiano nei 100 rana

Al Sette Colli è Benny Pilato show: record italiano nei 50 rana

 
Bati fatti nel 2018
Trani, rapinarono e sequestrarono un autotrasportatore: arrestati padre e figlio

Trani, rapinarono e sequestrarono un autotrasportatore: arrestati padre e figlio

 
PotenzaIL CASO

Aiuti alle imprese colpite da crisi: c'è un caso Viggiano, il sindaco prende i soldi del bando comunale

 
MateraNel Materano
Policoro, gasolio venduto illecitamente: 8 indagati

Policoro, gasolio venduto illecitamente in stazione di servizio «abusiva»: 8 indagati

 

i più letti

I comuni fanno cassa

Circondati da autovelox
Potenza, record su una strada

Fioccano nuove apparecchiature: in viale dell'Unicef in 15 giorni ben 232 violazioni

Circondati da autoveloxPotenza, record su una strada

PIERO MIOLLA

Lucani vessati o indisciplinati, tanto da aver bisogno di divieti e imposizioni per rispettare i limiti di velocità? Il dibattito è tornato d’attualità alla luce dell’installazione di nuovi apparecchi di misurazione elettronica della velocità su alcune strade lucane, che hanno rinfocolato le polemiche e posto all’attenzione il fatidico dubbio: gli autovelox servono a far cassa oppure a garantire il rispetto per legalità e sicurezza? L’autovelox mobile preannunciato dal sindaco di Montescaglioso, Vincenzo Zito sulla Matera-Metaponto, le due postazioni fisse (in entrambi i sensi di marcia) già attive sulla Basentana, nei pressi del bivio per Macchia di Ferrandina, e, ancora la volontà del Comune di Pisticci di installarne uno nel suo territorio, per finire alla richiesta del sindaco di Potenza, Dario De Luca, di installare una postazione fissa sulla Potenza-Melfi, ci dicono che, o c’è nuovamente la necessità di imporre ai lucani il rispetto dei limiti di velocità e, con essi, garantire la sicurezza, oppure, molto semplicemente, i municipi intendono fare cassa. A discapito dei cittadini.

I sindaci, naturalmente, si difendono. E sottolineano che se gli automobilisti rispettassero i limiti, non ci sarebbe bisogno di siffatti strumenti. E, soprattutto, non ci sarebbero sanzioni. Che invece fioccano, a dimostrazione dell’indisciplina di taluni. Ma, a proposito di soldi, dove finiscono quelli delle multe? L’articolo 208 del Dlgs 285-92 prevede il vincolo di destinazione nella misura del 50% del gettito realizzato. Con alcuni limiti. Una quota non inferiore a un quarto della parte vincolata va destinata a interventi di sostituzione, ammodernamento, potenziamento, messa a norma e manutenzione della segnaletica delle strade di proprietà dell’ente locale; un’altra, sempre non inferiore a un quarto della parte vincolata, per il potenziamento delle attività di controllo e di accertamento delle violazioni in materia di circolazione stradale, anche attraverso l’acquisto dei mezzi e delle attrezzature necessarie; la residua quota per altre finalità collegate al miglioramento della sicurezza stradale: manutenzione delle strade di proprietà dell’ente, installazione, ammodernamento, potenziamento, messa a norma e manutenzione di barriere e sistemazione del manto stradale delle strade comunali, interventi in favore della mobilità ciclopedonale e per la sicurezza stradale a tutela degli utenti disagiati, svolgimento di corsi didattici finalizzati all’educazione stradale presso le scuole di qualsiasi grado e tenuti dagli organi di polizia locale.

L’articolo 208 dispone che tale riparto venga stabilito annualmente dalla Giunta comunale, che potrebbe destinare anche una quota superiore al 50% alle finalità sopra elencate. Va però ricordato che l’articolo 142, comma 12 bis del CdS prevede che i proventi delle sanzioni sono attribuiti nella misura del 50% ciascuno all’ente proprietario della strada su cui è effettuato l’accertamento e all’ente da cui dipende l’organo accertatore. Che devono destinarli a interventi di manutenzione e messa in sicurezza delle infrastrutture stradali, comprese segnaletica stradale e barriere, al potenziamento dell’attività di controllo e accertamento delle violazioni. Il dubbio sull’effettivo scopo dei comuni, però, rimane.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie