Giovedì 06 Agosto 2020 | 15:37

NEWS DALLA SEZIONE

dati regionali
Coronavirus Basilicata, la regione torna «covid free»: 367 tamponi tutti negativi

Coronavirus Basilicata, la regione torna «covid free»: 367 tamponi tutti negativi

 
L'ufficialità
Nasce la prima facoltà di Medicina in Basilicata: firmato l'accordo. Bardi: «Traguardo storico»

Nasce la prima facoltà di Medicina in Basilicata: firmato l'accordo. Bardi: «Traguardo storico»

 
SANITÀ
La testa degli ospedali a Potenza, ma l'Asl l'unica farà capo a Matera

La testa degli ospedali a Potenza, ma l'Asl l'unica farà capo a Matera

 
In Basilicata
Tempa Rossa, domani test sulle valvole di sicurezza

Tempa Rossa, domani test sulle valvole di sicurezza

 
INFRASTRUTTURE
Genzano di Lucania, distretto G: al via lavori da 50 milioni

Genzano di Lucania, distretto G: al via lavori da 50 milioni

 
maltempo
Potenza, bomba d'acqua sulla città: si allaga un supermercato

Potenza, bomba d'acqua sulla città: si allaga un supermercato

 
UNIVERSITÀ

Unibas, facoltà di Medicina: ora studiano gli aspiranti rettori

 
IL CASO

I familiari del centauro morto a Melfi: il manager Kawasaki va processato

 
Automobilismo
Melfi, va al campano Salvatore Venanzio il primo slalom nazionale del Vulture

Melfi, va al campano Salvatore Venanzio il primo slalom nazionale del Vulture

 
la scoperta
Potenza, un bazar della droga nel centro d'accoglienza: arrestato 38enne nigeriano

Potenza, un bazar della droga nel centro d'accoglienza: arrestato 38enne nigeriano

 
Tragedia
Vinovo, guardia giurata di Vietri di Potenza uccide la compagna e si toglie la vita

Guardia giurata di Vietri di Potenza uccide la compagna in Piemonte e si toglie la vita

 

Il Biancorosso

IL CASO
Fallimento della Fc Bari: la curatela presenta il conto

Fallimento della Fc Bari: la curatela presenta il conto

 

NEWS DALLE PROVINCE

FoggiaLA POLEMICA
Manfredonia, senologia aperta e subito chiusa: è polemica

Manfredonia, senologia aperta e subito chiusa: è polemica

 
BatLA CRISI
Barletta, venti di crisi per la maggioranza di Cannito

Barletta, venti di crisi per la maggioranza di Cannito

 
Potenzadati regionali
Coronavirus Basilicata, la regione torna «covid free»: 367 tamponi tutti negativi

Coronavirus Basilicata, la regione torna «covid free»: 367 tamponi tutti negativi

 
BrindisiLA TRAGEDIA
Brindisi, in fin di vita al Perrino l'uomo ustionato dalla moglie

Brindisi, in fin di vita al Perrino l'uomo ustionato dalla moglie

 
TarantoLe nuove professioni
Taranto, firmato protocollo per formare i «manager» del turismo del mare

Taranto, firmato protocollo per formare i «manager» del turismo del mare

 
MateraAllarme covid 19
Ferrandina, altri 10 migranti in fuga dal centro di accoglienza: hanno violato la quarantena

Ferrandina, altri 10 migranti in fuga dal centro di accoglienza: hanno violato la quarantena

 
LecceIl caso
È ufficiale: l'animale che si aggirava sulle spiagge del Salento è un lupo

È ufficiale: l'animale che si aggirava sulle spiagge del Salento è un lupo

 

i più letti

Il miglior panettone d’Italia? Lo fa un lucano di Acerenza

di MICHELE PIZZILLO
MILANO - Nella patria del panettone, Milano, chi vuole portare in tavola un prodotto eccezionale deve guardare oltre i confini cittadini. Perché i migliori artigiani del dolce tipico milanese si trovano in altre regioni come, per esempio, Basilicata, Campania, Puglia. Tant’è vero che già prima dell’annuale appuntamento di Re Panettone, manifestazione organizzata per celebrare proprio il tipico dolce milanese, un giovane panettiere- pasticciere di Acerenza, Vincenzo Tiri, è stato dichiarato come produttore del migliore panettone d’Italia
Il miglior panettone d’Italia? Lo fa un lucano di Acerenza
di MICHELE PIZZILLO

MILANO - Nella patria del panettone, Milano, chi vuole portare in tavola un prodotto eccezionale deve guardare oltre i confini cittadini. In pratica, non fermarsi nelle pasticcerie del posto. Perché i migliori artigiani del dolce tipico milanese si trovano in altre regioni come, per esempio, Basilicata, Campania, Puglia. Tant’è vero che già prima dell’annuale appuntamento di Re Panettone, manifestazione organizzata per celebrare proprio il tipico dolce milanese ed anche portare sotto la Madonnina i migliori “panettonieri” d’Italia, un giovane panettiere- pasticciere di Acerenza, Vincenzo Tiri, da una giuria di esperti messa insieme dal quotidiano sportivo “La Gazzetta dello Sport” per “Gazza golosa”, la rubrica dedicata alla gastronomia, lo ha indicato come produttore del migliore panettone d’Italia. E nella versione di panettone classico. Quello che in teoria dovrebbero saper fare solo i milanesi.

Ma la bravura del 33 enne Tiri, terza generazione di fornai di Acerenza, ha fatto saltare il proverbiale banco. Ricambiato dai milanesi, che dopo due ore dall’apertura di Re Panettone lo hanno costretto a smantellare lo stand perché non aveva più prodotto disponibile, avendo esaurito quello che da Acerenza aveva spedito ai responsabili della manifestazione organizzata per mettere a disposizione dei consumatori milanesi i migliori panettoni artigianali d’Italia. «Una bella soddisfazione, per noi – ammette Tiri -. Ma, anche un po’ dispiaciuti perché non abbiamo potuto far degustare il nostro panettone a decine di migliaia di visitatori di Re Panettone. Abbiamo venduto tutto, non solo il classico, visto che sono andati a ruba anche le altre nostre specialità come il panettone al caffè e mandarino, quello solo al mandarino, il panettone fatto con farina integrale».

Per arrivare in cima alla montagna della qualità il giovane Tiri non ha remore a sottolineare che dopo aver appreso il mestiere dai genitori, ha ritenuto opportuno perfezionarsi alla scuola di grandi maestri come Achille Zoia, Iginio Massari e Rolando Morandin. Maestri, a quanto pare, superati in bravura tanto da meritarsi il titolo di re dei panettoni. Un titolo che a Tiri non basta perché è ancora alla ricerca della perfezione cominciando dalle materie prime. Dice: «Utilizzo solo prodotti di qualità che sia la farina e le uova locali, gli agrumi di Tursi che candisco personalmente, l’uva passa o il caffè che faccio tostare per me, scelti da produttori che conosco molto bene per la serietà che li caratterizza. L’unica difficoltà è quella di non poter soddisfare tutte le richieste di panettone che mi arrivano dal Nord Italia e da diversi paesi europei – sottolinea il pasticciere di Acerenza -. La mia è una produzione artigianale, che non posso aumentare per non perdere la fragranza che assicura un prodotto particolare come il nostro» e praticamente confezionato solo qualche giorno prima del consumo. Per cui, se si vuole degustare un prodotto veramente unico qual è il panettone di Acerenza, bisogna prenotarsi non con anticipo, ma con largo anticipo. Magari già in estate.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie