Giovedì 29 Settembre 2022 | 19:56

In Puglia e Basilicata

Il caso

Potenza, perseguita i genitori, uomo agli arresti domiciliari

carabinieri

Ad Atella aveva minacciato di impiccare la madre e uccidere il padre

22 Luglio 2021

Redazione online

Atella - Il gip presso il Tribunale di Potenza, su richiesta della Procura della Repubblica, ha disposto gli arresti domiciliari per un uomo di Atella (Potenza), accusato di atti persecutori ai danni dei suoi genitori, di 77 e 71 anni, che, a causa delle offese e delle minacce subite, hanno finito per sentirsi «prigionieri nella loro proprietà», che si trova accanto a quella del figlio.

Le indagini sono cominciate nello scorso mese di marzo, quando i Carabinieri intervennero in soccorso dei genitori dell’uomo, «aggrediti verbalmente dal figlio», che aveva impedito loro, per motivi banali, l’accesso ai loro terreni. I militari accertarono che l’episodio era l’ultimo di una serie: «Da svariati anni» il figlio non rivolgeva più la parola al padre e alla madre e aveva assunto verso di loro «atteggiamenti aggressivi e violenti», al punto che «offese e minacce di morte erano ormai diventate quotidiane e sempre più pesanti».

L’uomo aveva minacciato di impiccare la madre e aveva minacciato di uccidere anche il padre. Il ripetersi di tali minacce, aveva creato nei due anziani «un grave stato di ansia e di paura», impedendo loro di denunciare tutto e costringendoli «a cambiare le proprie abitudini di vita». L’atteggiamento violento del figlio li aveva privati anche di «occasioni di incontro» con altre persone e «aveva addirittura scoraggiato le visite di parenti e amici». 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Carica altre news...

 

PODCAST

 

PRIMO PIANO

 
 
 
 
- News dai Territori -
 
Editrice del Mezzogiorno srl - Partita IVA n. 08600270725