Lunedì 27 Gennaio 2020 | 13:30

NEWS DALLA SEZIONE

Post elezioni
Regionali in Calabria, governatore lucano Bardi: «Al Sud FI è la casa dei moderati»

Regionali in Calabria, governatore lucano Bardi: «Al Sud FI è la casa dei moderati»

 
Sanità
Potenza, 70 posti a rischio tra infermieri e «oss» all’ospedale San Carlo

Potenza, 70 posti a rischio tra infermieri e «oss» all’ospedale San Carlo

 
L'inchiesta
Valigia di cartone sostituita dal trolley, ma pugliesi e lucani restano emigranti

Valigia di cartone sostituita dal trolley, ma pugliesi e lucani restano emigranti

 
Città europea dello sport 2021
Potenza, quando Donato Sabia ci portò alle Olimpiadi: il video saluto

Potenza, quando Donato Sabia ci portò alle Olimpiadi: il video saluto

 
la tragedia
Tifoso investito nel Potentino: alle 15 i funerali a Rionero

Tifoso investito nel Potentino: centinaia di persone ai funerali di Tucciariello a Rionero

 
Produzione
Fca Melfi, da febbraio stop per 20 turni: ma si riprende con Jeep Compass

Fca Melfi, da febbraio stop per 20 turni: ma si riprende con Jeep Compass

 
Le indagini
Tifosi investiti in Basilicata: avviata autopsia sul cadavere della vittima

Tifosi investiti in Basilicata: avviata autopsia sul cadavere della vittima

 
Dopo la tragedia
Tifosi investiti, l'autista di Melfi resta in carcere: indagato per omicidio

Tifosi investiti, l'autista di Melfi resta in carcere: indagato per omicidio

 
I dati del 2019
Potenza, allarme inquinamento: per 50 giorni superato il limite dello smog

Potenza, allarme inquinamento: per 50 giorni superato il limite dello smog

 
dopo la tragedia
Tifosi investiti: cominciati interrogatori dei 26 arrestati

Tifosi investiti, Prefetto: «Morte non resti senza conseguenze»

 

Il Biancorosso

23ma Giornata serie C
Bari in casa Reggina per riaprire la corsa al primato

Perrotta salva il Bari al Granillo: 1-1 in casa della Reggina. La diretta

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariIl caso
Bari, camionista elude additivo AdBlue con dispositivo illegale: fermato al porto

Bari, camionista elude additivo AdBlue con dispositivo illegale: fermato al porto

 
TarantoIl caso
Taranto, fiamme e fumo all'ex Ilva, i cittadini fanno esposto a Mittal contro emissioni

Taranto, fiamme e fumo all'ex Ilva, i cittadini fanno esposto a Mittal contro emissioni

 
MateraIl caso
Matera, hanno tentato di truffare una nonnina: in due agli arresti domiciliari

Matera, hanno tentato di truffare una nonnina: in due agli arresti domiciliari

 
PotenzaPost elezioni
Regionali in Calabria, governatore lucano Bardi: «Al Sud FI è la casa dei moderati»

Regionali in Calabria, governatore lucano Bardi: «Al Sud FI è la casa dei moderati»

 
LecceNel centro storico
Lecce, Ztl: parte la rivolta dei commercianti

Lecce, Ztl: parte la rivolta dei commercianti

 
BrindisiShoah
Giorno della Memoria, il messaggio di Liliana Segre a studenti di Fasano: «Siate vigili»

Giorno della Memoria, il messaggio di Liliana Segre a studenti di Fasano: «Siate vigili»

 
BatCultura
Andria, Castel del Monte nella top 30 dei monumenti più visitati d'Italia

Andria, Castel del Monte nella top 30 dei monumenti più visitati d'Italia

 

i più letti

nel distretto

Potenza, card dei celiaci clonate: 20 casi, è allarme

Il caso di una signora che si è vista sottrarre i soldi dalla sua card

Potenza, card dei celiaci clonate: 20 casi, è allarme

Poco tempo fa anche in Basilicata (prima nella Provincia di Matera e poi in quella di Potenza) entrò nell’operatività la card per celiaci, vale a dire una carta che può essere utilizzata su tutto il territorio nazionale, per l’acquisto di prodotti gluten free. I titolari della card hanno a disposizione un importo che viene ricaricato attraverso le Aziende sanitarie con una cadenza (nel caso della Provincia di Potenza) semestrale e dipende da elementi quali l’età o il sesso di ciascun utente, con un provvedimento contemplato dal Decreto Veronesi del 2001.

Sempre nel potentino occorre presentare gli scontrini degli acquisti effettuati prima di riottenere la ricarica. Un sistema che, nonostante sia operativo da poco tempo, sembrava tutto sommato funzionare. Fino a quando una signora di Senise ha segnalato un ammanco nella card della sorella e, dopo una breve ricerca, ha capito che quella carta era stata clonata. Il problema, però, è un altro: il caso di Senise è solo uno dei tanti fino ad ora scovato e posto sotto la lente d’ingrandimento.

«Perché- ci spiega Rocco Laguardia segretario dell’AiC, l’associazione italiana celiachia di Basilicata- fino ad ora sono 20 le denunce effettuate solo nel Distretto di Potenza. Noi ci siamo resi conto a novembre dell’ampiezza del problema e abbiamo subito informato la banca che ci ha assicurato che il sistema era sicuro e che, quindi, era a tratti inspiegabile quanto successo».

E non ci sarebbe neanche una discriminante rispetto alle modalità di acquisto di ciascun titolare perché risultano denunce per clonazione sia da utenti che hanno acquistato prodotti online, sia da quelli che effettuano i loro acquisti direttamente in negozi o farmacie.

«A chi ha riscontrato il problema e ancora non ha denunciato consigliamo di fare in questo modo- continua Laguardia- prima di tutto occorre rivolgersi alla banca di riferimento; dopo aver accertato l’illecito la carta va bloccata; bisogna poi denunciare alle autorità competenti, polizia o carabinieri e, infine, segnalare il problema alla Nexi, l’azienda che offre servizi e infrastrutture per il pagamento digitale per banche, aziende, istituzioni e pubblica amministrazione».

Sul sito della Nexi esiste un modulo da compilare per segnalazioni del genere e per ottenere un rimborso della somma sottratta. E’ sicuramente una procedura necessaria ma che, per alcuni utenti forse poco avvezzi all’uso delle tecnologie, può risultare farraginosa, come ci ha segnalato la cittadina di Senise.

Resta, comunque, l’interrogativo sul come sia stato possibile che avvenisse una cosa del genere in numeri che, temiamo, sono destinati a salire. «Ho avuto modo di controllare che almeno in tre casi- continua Laguardia- i prelievi illeciti avevano tutti come destinazione un’ importante azienda di commercio elettronico, ma nel sito americano e con prelievi in dollari».

«Quello che è accaduto è grave- conclude Laguardia- ed è un campanello d’allarme che, ovviamente, ci fa stare tutti allerta». Come sia potuto accadere è quello che ora si cerca di capire anche perché , proprio in questi primi giorni di gennaio, sarebbero dovute arrivare le nuove ricariche che, per motivi di controlli, potrebbero ovviamente slittare.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie